Digita una parola o una frase e premi Invio

Le Cinque Bottiglie de I Vini d’Italia 2009, L’espresso

In ordine regionale… I vini dell’Eccellenza dela guida I Vini d’Italia 2009 de L’espresso

VALLE D’AOSTA 2
Valle d’Aosta Chambave Muscat Flétri 2006 La Vrille
Valle d’Aosta Donnas Supérieur Vieilles Vignes 2004 Caves Cooperatives de Donnas

PIEMONTE 66
Barbaresco 2004 Castello di Verduno
Barbaresco 2005 Gaja
Barbaresco Boito 2005 Rizzi
Barbaresco Camp Gros Martinenga 2004 Cisa Asinari
Barbaresco Crichët Pajé 1999 Roagna
Barbaresco Gaiun Martinenga 2004 Cisa Asinari
Barbaresco Gallina 2004 Lequio Ugo
Barbaresco Pajoré 2005 Sottimano
Barbaresco Pora 2004 Cà del Baio
Barbaresco Riserva Asili di Barbaresco 2004 Giacosa Bruno
Barbera d’Alba Riserva Vigneto Pozzo dell’Annunziata 2004 Voerzio Roberto
Barbera d’Asti Bricco dell’Uccellone 2006 Braida
Barbera d’Asti Bricco della Bigotta 2006 Braida
Barbera d’Asti Superiore Alfiera 2006 Marchesi Alfieri
Barbera del Monferrato Superiore Cima Riserva della Casa 2003 Accornero Giulio & Figli
Barolo 2003 Borgogno Giacomo & Figli
Barolo 2004 Mascarello Bartolo
Barolo 2004 Oddero Luigi & Figli
Barolo 2004 Piazzo Armando
Barolo Bricat 2004 Manzone Giovanni
Barolo Bricco delle Viole 2004 Vajra G. D.
Barolo Bricco Francesco 2004 Rocche Costamagna
Barolo Bricco Sarmassa 2004 Brezza Giacomo & Figli
Barolo Brunate – Le Coste 2004 Rinaldi Giuseppe
Barolo Brunate 2004 Poderi Marcarini
Barolo Bussia 2004 Fenocchio Giacomo
Barolo Bussia 2004 Monti
Barolo Bussia Dardi Le Rose 2004 Poderi Colla
Barolo Cannubi 2004 Boschis Chiara – Pira E. & Figli
Barolo Cannubi Boschis 2004 Sandrone Luciano
Barolo Cannubi S. Lorenzo – Ravera 2004 Rinaldi Giuseppe
Barolo Cascina Dardi Bussia 2004 Fantino Alessandro e Gian Natale
Barolo Cascina Francia 2004 Conterno Giacomo
Barolo Cerretta 2004 Rosso Giovanni
Barolo Falletto di Serralunga d’Alba 2004 Giacosa Bruno
Barolo Fossati 2004 Boglietti Enzo
Barolo Gavarini Vigna Chiniera 2004 Grasso Elio
Barolo Ginestra Vigna Casa Matè 2004 Grasso Elio
Barolo Gramolere 2004 Alessandria Fratelli
Barolo La Rocca e La Pira 2001 Roagna
Barolo Margheria 2004 Vigna Rionda – Massolino
Barolo Mariondino 2004 Parusso Armando
Barolo Monprivato in Castiglione Falletto 2003 Mascarello Giuseppe e Figlio
Barolo Prapò 2004 Germano Ettore
Barolo Prapò 2004 Schiavenza
Barolo Riserva Grande Annata 1999 Marchesi di Barolo
Barolo Riserva Monfortino 2001 Conterno Giacomo
Barolo Rocche 2004 Vietti
Barolo Rocche dei Brovia 2004 Brovia Fratelli
Barolo Rocche dell’Annunziata Torriglione 2004 Voerzio Roberto
Barolo San Lorenzo 2004 Alessandria Fratelli
Barolo Sorì Ginestra 2004 Conterno Fantino
Barolo Vigna Arborina 2004 Bovio Gianfranco
Barolo Vigna dei Pola 2004 Ascheri
Barolo Vigna Elena 2003 Cogno Elvio
Barolo Vigna La Rosa 2004 Fontanafredda
Barolo Vigna Pugnane 2004 Conterno Franco
Carema Etichetta Bianca 2004 Ferrando e C.
Dogliani 2006 San Fereolo
Dogliani Sirì D’Jermu 2006 Pecchenino Fratelli
Gattinara Podere dei Ginepri 2003 Nervi
Gattinara Tre Vigne 2004 Travaglini Giancarlo
Gavi del comune di Gavi 2007 La Smilla
Gavi del comune di Gavi 2007 Martinetti Franco M.
Langhe Bianco Hérzu 2006 Germano Ettore
Langhe Sorì Tildin 2005 Gaja

LIGURIA 4
Colli di Luni Vermentino Costa Marina 2007 Lambruschi Ottaviano
Colli di Luni Vermentino Solarancio 2007 La Pietra del Focolare
Riviera Ligure di Ponente Pigato Riviera dei Fiori Vigna di Proxi 2007 La Rocca di San Nicolao
Riviera Ligure di Ponente Vermentino Riviera dei Fiori Vigna di Proxi 2007 La Rocca di San Nicolao

LOMBARDIA 4
Franciacorta Cuvée Annamaria Clementi 2001 Cà del Bosco
Franciacorta Extra Brut Comarì del Salem 2003 Uberti
Franciacorta Extra Brut Pas Operé Gran Cuvée 2002 Bellavista
Valtellina Superiore Sassella Riserva Vigna Regina 1999 AR.PE.PE. – Arturo Pelizzati Perego

TRENTINO 3
San Leonardo 2004 Tenuta San Leonardo
Trento Perlé Nero Metodo Classico 2002 Ferrari
Trento Perlé Rosé Brut Talento Metodo Classico 2004 Ferrari

ALTO ADIGE 19
Alto Adige Cabernet Riserva 2005 Mayr Josephus – Unterganzner
Alto Adige Lagrein Riserva Grieser Select 2005 Rottensteiner
Alto Adige Lagrein Riserva Tor di Lupo 2006 Produttori Andriano
Alto Adige Moscato Giallo Passito Serenade Castel Giovanelli 2005 Viticoltori Caldaro
Alto Adige Moscato Giallo Schickenburg 2007 Produttori Burggräfler
Alto Adige Pinot Bianco Praesulis 2007 Prackwieser Markus – Gumphof
Alto Adige Pinot Nero Mazzon Riserva 2004 Gottardi Bruno
Alto Adige Pinot Nero Riserva 2005 Stroblhof
Alto Adige Sauvignon Lafòa 2007 Produttori Colterenzio
Alto Adige Sauvignon Voglar 2006 Iugum Peter Dipoli
Alto Adige Terlano Sauvignon 2007 Niedrist Ignaz
Alto Adige Valle Isarco Kerner 2007 Nössing Manfred-Hoandlhof
Alto Adige Valle Isarco Kerner Brixner 2007 Köfererhof
Alto Adige Valle Isarco Pinot Grigio Brixner 2007 Köfererhof
Alto Adige Valle Isarco Riesling Kaiton 2007 Kuen Hof
Alto Adige Valle Isarco Sylvaner Brixner Alte Reben 2007 Pacherhof
Alto Adige Valle Venosta Sauvignon 2007 Pratzner Franz – Falkenstein
Exilissi Ice 2004 Baron Di Pauli
Feldmarschall 2007 Tiefenbrunner

VENETO 11
Amarone della Valpolicella Campo dei Gigli 2004 Tenuta Sant’Antonio
Amarone della Valpolicella Classico 2001 Zymè
Amarone della Valpolicella Vigneto di Monte Lodoletta 2003 Dal Forno Romano
La Poja 2004 Allegrini
Passito Corte Durlo 2001 Ca’ Rugate
Recioto della Valpolicella 2005 Trabucchi
Soave Classico Contrada Salvarenza Vecchie Vigne 2006 Gini
Soave Classico Monte Carbonare 2007 Suavia
Soave Classico Staforte 2006 Pra Fratelli
Soave Superiore Classico Foscarin Slavinus 2006 Monte Tondo
Valpolicella Superiore Mithas 2004 Corte Sant’Alda

FRIULI VENEZIA GIULIA 10
Carso Malvasia Selezione 2000 Kante
Colli Orientali del Friuli Bianco Sacrisassi 2006 Le Due Terre
Colli Orientali del Friuli Refosco Cialla 2004 Ronchi di Cialla
Colli Orientali del Friuli Schioppettino Cialla 2004 Ronchi di Cialla
Collio Bianco Stamas 2005 Terpin Franco
Collio Bianco Zuani 2006 Zuani
Collio Ribolla Gialla 2005 La Castellada
Collio Tocai Friulano 2007 Colle Duga
Picol Sauvignon 2006 Lis Neris
Vitovska 2005 Vodopivec

TOSCANA 25
Bolgheri Sassicaia 2005 San Guido
Brunello di Montalcino 2003 Biondi Santi
Brunello di Montalcino 2003 Il Colle – Carli
Brunello di Montalcino 2003 Poggio di Sotto
Chianti Classico 2006 Le Cinciole
Chianti Classico Bilaccio 2005 Il Borghetto
Chianti Classico Riserva 2004 Capannelle
Chianti Classico Riserva 2004 Castell’in Villa
Chianti Classico Riserva 2004 Riecine
Chianti Classico Riserva Il Poggio 2004 Castello di Monsanto
Chianti Rufina Riserva Nipozzano 2005 Marchesi de’ Frescobaldi
d’Alceo 2005 Castello dei Rampolla
Il Pareto 2004 Tenuta di Nozzole
Lupicaia 2005 Castello del Terriccio
Orcia Rosso Petrucci 2005 Podere Forte
Redigaffi 2006 Tua Rita
Rosso di Montalcino 2005 Poggio di Sotto
Rosso di Montalcino 2005 Stella di Campalto
Rosso di Montalcino 2006 Tenimenti Angelini – Val di Suga
Sammarco 2005 Castello dei Rampolla
Sangioveto 2004 Badia a Coltibuono
Santacroce 2003 Castell’in Villa
Vernaccia di San Gimignano Montenidoli Carato 2004 Montenidoli
Vernaccia di San Gimignano Montenidoli Fiore 2006 Montenidoli
Vin Santo del Chianti Rufina 1999 Frascole

UMBRIA 2
Montefalco Sagrantino Colleallodole 2005 Antano Milziade
Montefalco Sagrantino Gold 2004 Colpetrone

MARCHE 6
Conero Riserva Dorico 2004 Moroder Alessandro
Kurni 2006 Oasi degli Angeli
Stella Flora 2006 Castelli Maria Pia
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Vigna delle Oche 2006 Fattoria San Lorenzo – Crognaletti
Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 2006 Bucci
Verdicchio di Matelica 2007 Collestefano

ABRUZZO 6
Montepulciano d’Abruzzo Mazzamurello 2005 Torre dei Beati
Montepulciano d’Abruzzo Tonì 2005 Cataldi Madonna
Pecorino Yare 2006 Il Feuduccio di S. Maria d’Orni
Trebbiano d’Abruzzo 2005 Valentini
Trebbiano d’Abruzzo Castello di Semivicoli 2006 Masciarelli
Yamada 2007 Zaccagnini Ciccio

CAMPANIA 6
Connubio 2004 Vestini – Campagnano
Fiano di Avellino 2007 Colli di Lapio
Fiano di Avellino Vigna della Congregazione 2006 Villa Diamante
Greco di Tufo 2007 Pietracupa
Taurasi Riserva Centotrenta 1999 Mastroberardino
Terra di Lavoro 2006 Galardi

PUGLIA 1
Graticciaia 2004 Agricole Vallone

BASILICATA 1
Aglianico del Vulture Titolo 2006 Fucci Elena

CALABRIA 3
Cirò Rosso Riserva Ripe del Falco 1995 Ippolito
Greco di Bianco 2006 Stelitano
Magliocco Passito 2001 Ceraudo Roberto

SICILIA 11
Cerasuolo di Vittoria Pithos 2007 COS
Duca Enrico 2005 Duca di Salaparuta
Etna Rosso Calderara Sottana 2006 Tenuta delle Terre Nere
Etna Rosso Outis 2005 Biondi
Etna Rosso Prephylloxera La Vigna di Don Peppino 2006 Tenuta delle Terre Nere
Etna Rosso Quota 600 2006 Graci
Etna Rosso San Lorenzo 2006 Russo Girolamo
Marsala Riserva Superiore Baglio Florio 1997 Florio
Marsala Superiore Targa Riserva 1840 1999 Florio
Moscato Passito di Pantelleria Ben Ryé 2007 Donnafugata
Neromaccarj 2005 Gulfi

SARDEGNA 5
Cannonau di Sardegna Ballu Tundu Riserva 2005 Cantina Giuseppe Sedilesu
Carignano del Sulcis Terre Brune 2004 Cantina Sociale Santadi
Malvasia di Bosa Dolce 2005 Porcu F.lli
Mirju nm Pedra Majore
Vernaccia di Oristano Riserva 1988 Contini Attilio

22 Comments

  • Luca Bonci ha detto:

    Un primo commento a caldo… avevo una mezza intenzione di concentrarmi sui Barolo il giorno della presentazione. Per chi non lo sapesse, la presentazione dei vini della guida alla Leopolda di Firenze è una vera pena di Sisifo. Tutti quei vini stupendi allineati in faccia al nostro desiderio e un lasso di tempo ogni anno più corto per assaggiarli. E se non bastasse il paio di ore ufficialmente dedicate alla degustazione che vengono regolarmente rosicchiate dagli sforamenti della conferenza di presentazione!

    Insomma, bisogna darsi un programma ferreo, anche sapendo che pur ridotto sarà difficile rispettarlo. E il mio programma è già diventato illusorio, il cappotto sferrato dal Piemonte alla Toscana, con la sfilza dei Barolo premiati, mi sta già riportando a più miti consigli… forse mi darò al Brunello…

  • Riccardo ha detto:

    Commentini anche da parte mia:
    – in Alto Adige si fanno anche rossi! Mi ricordo che scherzavamo sui premiati, esclusivamente bianchi, di qualche scorsa edizione
    – quest’anno Montecucco deludente (l’annata 2005, intendo). Nessun premiato, neanche l’amato Salustri, che mi sembra abbia prodotto un vino sorprendente se si conosce il suo stile (mi riferisco anche al mio assaggio appena pubblicato relativamente alla Anteprima di Lucca)
    – un altro “amore” dell’espresso è l’Etna, e mi pare pienamente confermato
    – sbaglio o risultato deludente della Campania?
    – grande, grandissimo il Margheria 2004 di Vigna Rionda-Massolino assaggiato l’altro giorno da Andrea Formigli
    – Montecucco a parte, il sangiovese 2005 ha sofferto, vedo: niente Fontalloro, niente Flaccianello………

  • Fabio Cimmino ha detto:

    Io continuo invece a non capire alcuni meccanismi. Mi sembra sempre che le guide arrivino tardi sbagliando spesso e volentieri l’annata… Mi chiedo se si tratta solo della necessità di compensare torti subiti-errori passati-dimenticanze o più semplicemente di aspettare che un produttore nuovo ed emergente dimostri prima qualcosa… Allora mi suona più di un riconoscimento all’azienda che un premio a quel vino. Faccio l’esempio di Collestefano 2007 azienda che amo ma il cui 2007 mi ha per nulla convinto. Ma ci sono molte altre etichette/annate in questa lista (se devo riconoscere decisamente e costantemente migliore delle altre) sulle quali ci sarebbe da discutere a lungo.

  • Riccardo ha detto:

    Beh Fabio non per prendere le difese di nessuno, ma L’espresso ha premiato anche il 2006 l’anno scorso. Quindi semmai non sono arrivati tardi ma non sei proprio d’accordo sul 2007…..

  • Fernando Pardini ha detto:

    Per Riccardo
    Per Ric: Montecucco: Salustri ha deciso di parificare tutte le guide di settore, nel senso che all’Espresso ha concesso i 2005 lo scorso anno ( 1 premiato peraltro) mentre gli stessi 2005 sono stati presentati a tutte le altre guide ( se non vado errato) quest’anno. Perciò ha volutamente ( e secondo me sensatamente) saltato il turno, per proporre gli attesi 2006 il prossimo anno a tutti.
    Per Fabio: capisco quello che intendi ma posso assicurarti che il premio, se di premio deve trattarsi ( io lo chiamarei vino dell’eccellenza o meglio 5 bottiglie), scaturisce dal bicchiere, almeno dalle nostre parti. Perciò semmai si può parlare di errore di valutazione rispetto ad un’altra annata, ma non di riconoscimento all’azienda che nel frattempo ….. visto poi che su Collestefano ti ha in qualche modo risposto Riccardo( personalmente il 2007 ha convinto molto, anche se forse gli è superiore il 2006, e in effetti aveva mezzo punto in più) , se fai qualche altro esempio magari ne discutiamo e scopriamo le eventuali magagne..

  • Fernando Pardini ha detto:

    Sempre per Ric, che mi ero scordato: sui sangiovese annata 2005 certo l’annata ha contribuito, come dici tu. Flaccianello e Fontalloro ( ma potremmo citarne altri) restano degli ottimi vini, e hanno ricevuto recensioni lusinghiere anche quest’anno. Se mi parli d’eccellenza, stanno al disotto perché entrambi hanno mostrato limiti di profondità ( Flaccianello) o irriducibili contrasti fra note (troppo) mature e note più fresche e vegetali (ed è il caso di Fontalloro). Mi ripeto, si parla comunque di vini “parlanti”. Ma uno dei compiti di una guida , ritengo, deve essere quello di indirizzare un lettore/consumatore per indicargli se per esempio quella annata è superiore o inferiore alle precedenti, perciò è doveroso ( anche se affettivamente doloroso) fare dei distinguo, anche e soprattutto per i vini blasonati e importanti.

  • fabio cimmino ha detto:

    Nel caso di Collestefano diciamo allora che si è trattato di una forzatura al contrario. Voler confermare un eccellenza a tutti i costi. Un altro errore tipico da guida… (scherzo). Ripeto quello di Collestefano è uno dei miei Verdicchio preferiti quindo la critica è assolutamente in buona fede. Per me tra 2007 e 2006 ci sono diversi punti e non semplicemente mezzo.

    Per quanto riguarda gli altri eventuali vini che prenderei ad esempio penso al Carema di Ferrando, alla Valtellina di Ar.pe.pe., al Vermentino di Ottaviano Lambruschi, sempre solo ed unicamente per citare vini che amo e produttori che stimo.

    Mi sembra una sorta di processo di riabilitazione-redenzione enologica messa ormai in atto da tutte le guide (forse per lavare i pèropri “peccati” del passato) e non solo dall’Espresso…

    E mi ripeto anche in questo caso l’Espresso rimane la guida che mi piace di più!

  • Maurizio ha detto:

    E’ uscita anche la lista di Bibenda.
    Da notare il pieno fatto da Banfi…

  • Fernando Pardini ha detto:

    Per Fabio
    I Vermentino di Lambruschi sono stati premiati in altre tre edizioni della Guida, credo l’unica a farlo. Purtroppo da ar.pep.pe sono soltanto due edizioni (con questa) che riceviamo i vini. Un vuoto per fortuna colmato. Ferrando ce li ha sempre dati è vero, ma i Carema che ci ha inviato sono stati solo il 2000 e il 2003. Questo qua forse abbiamo azzeccato a sostenere che fosse il migliore che avesse presentato finora, quanto meno nel confronto con queste due annate che ti ho detto. Vai vai che cerco di rispondere alle bordate sensate del Cimmino!

  • L'AcquaBuona ha detto:

    Ecco, come segnalato da Maurizio, i 5 grappoli di Bibenda. Anche qui netta predominanza piemontese…

    p.s. dalla lista si comprende anche la nota ironica di Maurizio…

  • fabio cimmino ha detto:

    Mi arrendo, la guida dell’Espresso è fatta senza ombra di dubbio meglio di tutte le altre, quindi sinceri complimenti. Avevo dimenticato nella lista precedente Ippolito ma anche in quel caso lì meglio tardi che mai…Un caro saluto, Fabio.

  • dome ha detto:

    W LE CINCIOLE

    CINCIOLE FANS CLUB VERSILIA

  • Fernando Pardini ha detto:

    Per Dome: dall’enfasi ( se non ammantata da ironia) si direbbe che ti sia piaciuto il ch classico 2006 de Le Cinciole, un vino che ci ha realmente sorpreso per equilibrio, sfumature e profondità. Ma più ancora mi sorprende l’esistenza di un fans club versiliese di cui ignoravo l’esistenza!!

  • enzo zappalà ha detto:

    ottimo come sempre il modo di rispondere sincero, onesto e smitizzante di Fernando. Mi fa quasi ridere il pensare che d’altra parte si cerca di fare un “reality show” anche con i premi di una guida. Diluire il tutto in varie puntate e fare spettacolo a tutti i costi di una cosa che dovrebbe poi essere solo un aiuto al gusto personale e niente di più. Mah… Forse il prossimo anno, elimineranno un vino alla volta, ogni 2 ore, a partire dal primo gennaio … Ma, signori, si parla di vini, non di Inquisizione ! Boh, sarò io che vivo in un altro mondo….

  • lamberto ha detto:

    Credo anch’io che questa continua pressione mediatica sulle guide e sui vini appartenga realmente ad un altro mondo rispetto al mio. Ma tant’è ….. e poi ormai per guide che si ripetono e si rincorrono non resta che la spettacolarizzazione!

  • Riccardo ha detto:

    Una notazione che mi ero dimenticato (me ne sono ricordato perché notata in altri blog): Ornellaia e Masseto assenti. Devo dire che l’Ornellaia, sentito a Bolgheri qualche tempo fa in occasione della degustazione organizzata dal Consorzio, mi lasciò fortemente disorientato……

  • Fabio Cimmino ha detto:

    Ragazzi sono fondamentalmente d’accordo con tutti voi. Io rimango sempre con lo stesso amletico dubbio. Una guida in quanto tale dovrebbe proprio evitarlo il discorso dei premi… Lo so è un ragionamento estremista ma a me piacerebbe così. Mi stanno bene anche i punteggi tutto quello che volete ma farei a meno dei premi.

  • Fernando Pardini ha detto:

    Sono d’accordo con Fabio. E convinto che sull’argomento guide si aprirebbe un dibattito con buone prospettive di diventare infinito (peraltro non esente da ovvietà o deja vu). Vaglielo a dire però agli editori, ché non è che stanno troppo a guardare ( diciamo per niente) la linea stilistica o la prospettiva critica assunta dai redattori, la coerenza o l’incoerenza di certe scelte. Per quanto mi riguarda, ma credo di far mio il pensiero degli attuali curatori espressici (peraltro ribadito dagli stessi da varie parti sullo stesso web) ritengo che una pubblicazione del genere non debba cristallizzarsi (né da parte degli autori né tantomeno da parte dei fruitori) sulle referenze di una lista e basta. E’ una pubblicazione che deve essere inquadrata nella sua interezza, per meglio comprendere ( se esiste) la visione del vino assunta a livello tipologico, a livello regionale ecc. da quegli autori. Per meglio comprendere uno spaccato della vitivinicoltura italiana secondo quegli intendimenti critici. Lo sdoganamento dai premi e financo dai voti ( cosa di per sé buona e giusta) per accogliere solo storie e racconti di vino, è il passo utopico ma concreto a cui la critica enologica dovrebbe tendere anche nell’ambito di pubblicazioni che continuino con eguale forza a chiamarsi guide. Detto questo, ed escluso che il passo sia prossimo dall’essere compiuto, dalla mia modesta esperienza ne traggo ( sorpresa maxima!) che la critica enologica possa avere ancora buoni margini di indipendenza ed onestà intellettuale, e che ci siano in Italia porti franchi in cui la professionalità e soprattutto la passione autentica di un autore, senza infingimenti, riescono ad illuminare lavori rispettabili e onesti intellettualmente, immuni da interferenze mercantili e/o geopolitiche. Ecco, è questa trasparenza che cercherei di evidenziare (se c’é) in una Guida dei vini, oggi. E’ a questa trasparenza, a questa soggettività di giudizio inalienabile ma ingenua e pura, che guardo io. Perché su questi presupposti, su essi soli, si fondano credibilità e rispetto.
    A proposito di sdoganamenti, e tanto per continuare a tirare acqua al mulino dal quale si attinge, l’ideazione della categoria Outsider nelle ultime due edizioni della Guida Espresso va in quel senso, e in tal senso vanno anche le segnalazioni dei migliori acquisti per rapporto qualià prezzo in ambito regionale . Sono piccoli passi, forse non le soluzioni. Ma l’importante è anche muoversi.

  • enzo zappalà ha detto:

    perfettamente d’accordo con Fernando. Non per niente mi diletto ad inventare storie di fantavino… E’ un piccolo passo anche quello. Comunque quando vado in giro viaggio sempre con la guida dell’espresso, l’unica che da vere indicazioni su nomi emergenti e su incolpevoli sconosciuti. E questo lo facevo anche quando ero responsabile di Slow Food ….

  • dome ha detto:

    Nessuna ironia1

    meno muscoli e più anima
    anche le guide si stanno aggiornando, dopo gli enologi, ai cambiamenti del gusto o, più, semplicemente smettono di imporlo?
    Le guide sono uno specchio dei gusti dei lettori o i lettori si imprintano con i giudizi delle guide?

    Comunque noi seguiamo CINCIOLE dal lontano ’94, indirizzati lì da V.C.di Montefili a bere la nouvelle vague della conca d’oro ( la Massa e cinciole).
    Seguimmo poi le cinciole….la massa – strepitosi vini – non rimase nei nostri cuori.
    Chianti classico, riserva vigna al pozzo, petresco, l’arrivo di chioccioli, l’internazionale tostato….
    Da ricordare che il chianti 2006 è un vino bio.

    brindiamo ai risultati di altre due aziende “del cuore”: le Due Terre e Colli di Lapio.

    Ci vediamo alla vernaccia
    saluti
    Le Cinciole F.C.

  • alan ha detto:

    e l’ emilia-romagna…?

  • Fernando Pardini ha detto:

    Per Alan: già, l’Emilia Romagna! Senza dubbio una regione generosa dal punto di vista quantitativo ( basti pensare alle numerose tipologie e sottotipologie presenti) e capace anche di acuti, specialmente nei Sangiovese di Romagna, che niente potrebbero avere da invidiare ai cugini toscani, se soltanto la continuità assistesse i produttori. Però sostanzialmente in questa regione si sconta una realtà fatta di produzioni affidabili ma difficilmente di qualità superiore. Si muovono bene il reggiano e il classico modenese sul fronte dei lambrusco ( peraltro anche quest’anno abbiamo pescato qui per estrarre veri e propri vini outsider), si rilevano progressi nel piacentino sul fronte di Barbera e Bonarda, per sdoganarle dalle semplici versioni mosse e tentare strade più ambiziose nel campo dei “vini fermi”. I vini bianchi emiliano romagnoli non è che si distinguano poi per personalità e caratterizzazione, ancorché piacevoli e schietti. In area bolognese molte tipologie, anche molta ambizione, anche se forse una caratterizzazione stilistica più netta sarebbe salutare. Mettici pure un’annata come il 2005 ( e mi riferisco di nuovo alla versione Riserva dei sangiovese di Romagna) ed ecco che il quadro è sì propositivo ma forse non tale da far nascere dei veri e propri fuoriclasse. Attenzione, e forse ci ripetiamo noiosamente, ma la lettura della Guida non si soffermi su una lista. Si cerchi magari di indagare in una ottica più ampia, e allora si noterà come dall’Emilia Romagna non manchino affatto vini “indicatori e maestri”. Ah dimenticavo, nascono qui alcune versioni d’eccellenza per quanto riguarda i passiti da uve bianche ( leggi Albana o Malvasia), ma questo non è certo uno scoop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi