Digita una parola o una frase e premi Invio

Camillo Favaro e Riccardo Zola: Vini e percorsi di Borgogna

di Luca Bonci

Il libro stava lì già da un po’ di tempo, nel cumuletto di cose da fare, e la sua costola arancione risaltava sovente tra le altre carte, quasi a volermi rimproverare il troppo lungo abbandono. E’ vero, ho atteso troppo, e ne chiedo scusa a Camillo, che per amicizia mi aveva inviato il libro mesi fa. Ma Vini e percorsi di Borgogna non si resencisce in 10 minuti, magari leggendo l’introduzione e sfogliando veloci le pagine, richiede ben più attenzione e cura, e le merita.

Camillo Favaro e Riccardo Zola, autori, soci e amici, sopratutto amici, hanno a un certo momento dato una svolta all’attività di ArteVino, loro azienda di comunicazione, lanciandosi in un progetto che è forse uno dei sogni più grandi per tutti coloro che amano il vino: mettersi in viaggio, destinazione Borgogna.

Un viaggio nella zona mito del vino, laddove il vino moderno è nato, nel luogo archetipale che ancor oggi rappresenta il faro da seguire. “Certo, belli i vini di Bordeaux, ma i Borgogna…”, questa è forse la frase più comune che si sente dire ai fortunati che riescono a farsi una cultura approfondita dei vini di oltralpe, e deve essere la frase che si sono detti Camillo e Riccardo, prima di imbarcarsi in questa impresa, in questi
50 giorni nel cuore della vitivinicoltura.

Impresa che non li ha visti soli, ma che si è allargata, per caso o per volontà ad altri quattro fortunati compagni di avventura: Antonella, la grafica appena arrivata in ArteVino e catapultata in questo viaggio,
Elisabetta che con Camillo e Riccardo condivide di fronte a un bicchier di vino la genesi della “pazza idea”, Maurizio, il fotografo, per donare immagini alle emozioni, Rita, vita divisa in due, enotecara a Bergamo e
consulente agronomica in Côte d’Or.

Ma veniamo al libro, diario, guida… difficile catalogarlo. L’apertura è intimista, un viaggio tra i pensieri e i ricordi, a più voci, come del resto tutto il libro, con Riccardo che cita Camillo e viceversa. I sogni, la passione, il lavoro “vero”, di nuovo i sogni, anzi, il sogno, quello che si trasformerà in libro. Dai sogni alla realtà, è il diario diventa di viaggio, ma sempre nella poliedrica forma di un racconto a più voci e più livelli, dal puramente descrittivo a quello più privato, al limite dell’outing.

La grafica, bella e non poteva essere altrimenti vista l’attività principe di ArteVino, fa il verso alla varietà dei testi, cambia il carattere tipografico, cambia gli sfondi pagina, ci proietta nelle vigne e da queste ci riporta nelle teste di chi le vigne osserva, sempre col supporto delle immagini, tante e piacevoli, quasi da farne un libro fotografico.

Ma siamo ormai in Borgogna, e un nuovo livello si impone, quello informativo: storia, vitigni, tecniche, denominazioni e, su tutto, i luoghi. Informazioni essenziali e chiare, necessarie per proseguire il viaggio e andare a conoscere i protagonisti ultimi, i più importanti, la vera meta: le persone e i vini. Il tutto naturalmente ancora inframezzato da pensieri, immagini, sensazioni, per far sentire il lettore ancora parte dell’impresa.

Quello che si era aperto come un libro di sentimenti chiude infine con la consueta apparenza della guida dei vini, una ordinata lista di 67 produttori e le note di degustazione dei loro vini, schede concise ma non
prive delle note personali che rispecchiano il vissuto dei nostri sei protagonisti.

In coda le cartine topografiche delle varie zone, con la suddivisione per cru, ulteriore ausilio per chi avrà la fortuna di girare la Borgogna col libro sottobraccio.

Vini e percorsi di Borgogna è quindi un volume da non perdere, piacevole e istruttivo, riesce a proiettare la sua validità ben oltre la temporalità delle annate degustate, dando un quadro della regione necessario a chiunque voglia visitarla in carne ed ossa o, più semplicemente, conoscerla attraverso la lettura.

Vini e percorsi di Borgogna
Riccardo Zola e CamilloFavaro
Con la collaborazione di Elisabetta Bottalla, Antonella Frate, Rita Mulas
Fotografie di Maurizio Gjivovich
ArteVino Editore
230 pagine, 17 tavole, Euro 19,50
www.vinidiborgogna.it

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi