Digita una parola o una frase e premi Invio

Carcere di Volterra. Ancora due Cene Galeotte

Disponibili ancora due date: 28 novembre e 19 dicembre 2008

Anche quest’anno – dopo una prima edizione molto fortunata che ha registrato il tutto esaurito – è possibile prenotare e partecipare a una cena solidale in un inconsueto e originale ristorante: il carcere di Volterra.

28 novembre e 19 dicembre infatti, sono le due date in cui le porte del penitenziario nella fortezza medicea saranno nuovamente aperte al pubblico, che potrà godere di una speciale cena grazie ai detenuti che vestiranno gli insoliti panni di chef, maitre e camerieri.

Promossa da Unicoop Firenze – che per l’occasione oltre a fornire le materie prime assume i detenuti retribuendoli regolarmente – in collaborazione con il Ministero di Grazia e Giustizia, Slow Food e la direzione della Casa di reclusione di Volterra, quest’anno l’iniziativa ha raddoppiato gli appuntamenti (in tutto otto da aprile a dicembre). Le cene solidali vengono interamente preparate e servite dai carcerati, che hanno il compito di cucinare personalmente sotto la guida di uno chef di fama (diverso per ogni serata) che mette la sua esperienza a disposizione dell’inusuale iniziativa.

Ventisette i detenuti impegnati nell’organizzazione delle serate e nulla da invidiare ai ristoranti più sofisticati: atmosfera suggestiva, candele, vini doc e sommelier (a cura della Fisar), tavole impeccabilmente apparecchiate con sottopiatti e piatti veri, bicchieri di vetro, personalizzati e donati ai partecipanti in ricordo della serata. Solo le posate, per ragioni di sicurezza, saranno di plastica. Si mangia nella cappella sconsacrata del carcere.

35 euro a persona il contributo per il pubblico, 100 posti a serata e prenotazione obbligatoria. Il ricavato sarà integralmente devoluto alla campagna internazionale “Il Cuore si scioglie” (www.ilcuoresiscioglie.it), che dal 2000 vede impegnata Unicoop Firenze, insieme al mondo del volontariato laico e cattolico, in progetti di solidarietà per realizzare scuole e centri di accoglienza, per garantire cure mediche, per creare opportunità di lavoro e per promuovere l’adozione e l’affidamento a distanza dei bambini in otto paesi del Sud del mondo: Brasile, Burkina Faso, Camerun, Filippine, India, Libano, Palestina e Perù. Ogni cena sarà dedicata a uno di essi.

Di seguito le cene solidali in programma per l’autunno ancora disponibili per le prenotazioni:

q     Venerdì 28 novembre – cena per le Filippine (Arci)

chef Gaetano Trovato del Ristorante Arnolfo, Colle Val d’Elsa (SI)

q     Venerdì 19 dicembre – cena per il Perù (Arci)

chef Giampaolo della Rosa del Ristorante ORVM Hotel Westin Excelsior, Firenze

Per informazioni e prenotazioni:

Agenzie Toscana Turismo (Argonauta Viaggi), tel. 055 2342777

Le prenotazioni vanno effettuate almeno 10 giorni prima, su presentazione di fotocopia della carta di identità, per consentire i controlli indispensabili per permettere l’accesso al carcere. E’ necessario presentarsi alle cene con un certo anticipo e tenere presente che borse, cellulari e macchine fotografiche saranno inderogabilmente depositate all’ingresso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi