Digita una parola o una frase e premi Invio

22-24 maggio a Capezzano Pianore (LU): Demetra

42° “Mostra della fragola, dei fiori e dei prodotti della nostra terra”

DEMETRA 2009, SCENDONO IN CAMPO OLTRE 200 ESPOSITORI VERSILIESI

TUTTO PRONTO PER LA 42° EDIZIONE DELLA

MOSTRA-VETRINA CAMAIORESE

A Villa Le Pianore, a Capezzano, si rinnova il miracolo di “Demetra” tra esposizione di fiori e ortaggi, frutti e piante, dimostrazioni di arte floreale e talk show, percorsi del gusto, spettacoli e assalti a guinness.

6 mila addetti, 860 aziende e circa 350 ettari coltivati tra fiori e ortaggi tra Camaiore, Viareggio, Massarosa e Pietrasanta.

Camaiore capitale degli ortaggi, Viareggio dei fiori.

Demetra vetrina del “Made in Versilia” orto-floricolo.

Questione di dettagli per la 42° edizione di “Demetra”. E’ tutto pronto, o quasi, per la prossima mostra dei fiori e degli ortaggi camaiorese che quest’anno (22-24 maggio) sarà caratterizzata da una doppia anima rivolgendosi, da una parte sempre più agli addetti ai lavori e agli “specialisti” con iniziative settoriali e di approfondimento, dall’altra ad un pubblico più popolare grazie ai percorsi del gusto, alle dimostrazioni di arte floreale e sculture vegetali, alle mostre in Villa e ai talk show serali condotti da Fabrizio Diolaiuti (ancora top secret la rosa degli ospiti); elementi che hanno contribuito alla riuscita negli anni precedenti di questo grande evento, antipasto all’estate e alla bella stagione.

La “Mostra della fragola, dei fiori e dei prodotti della nostra terra” (info turismo@comune.camaiore.lu.it e 0584.986204) vuole confermarsi, anche in questo 2009 di crisi e difficoltà, una vetrina d’eccellenza e di rilancio, nel panorama degli eventi espositivi orticoli e floricoli d’Italia, oltre che una deliziosa meta turistica, motivo e traino per scoprire “angoli” della città di Camaiore e della Versilia altrimenti poco visitati.

A scendere in campo, nei maestosi spazi della borbonica Villa Le Pianore a Capezzano nel Comune di Camaiore saranno oltre 200 espositori espressione della grande cultura orto-floro-vivaistica, e del top del settore grazie al coinvolgimento consolidato del Mercato dei Fiori di Viareggio, del Mercato Ortofrutticolo di Camaiore, della Banca del Credito Cooperativo della Versilia e della Lunigiana, delle organizzazione agricole Coldiretti, Cia e Unione Agricoltori, e di realtà importanti, se pur nuove, a livello regionale come il Consorzio “Toscana Produce” con oltre 30 milioni di pianti prodotte all’anno. Quella di Demetra 2009 è la più imponente “delegazione” di espositori degli ultimi anni a ulteriore conferma della crescente importanza della manifestazione.

Non solo fragole, rossissime e bellissime come tradizione vuole e che saranno rappresentate da un folto gruppo di produttori; a Demetra protagonisti saranno i fiori, in vaso e recisi, coloratissimi e profumati, le piante ornamentali e da “frutto” tipiche della costa, che hanno fatto del distretto interprovinciale Lucca-Pescia uno dei principali poli orto-florovivaistici italiani. Non mancherà la verdura e la frutta di stagione a “km zero”, rispettosa dell’ambiente, biologica, no Ogm, e prodotta nei campi vicini con i metodi dei contadini di una volta.

Demetra mette in mostra e rappresenta una buona fetta del “Pil” agricolo (e non solo) della Versilia. In particolare quello dei quattro comuni storici di costa – Camaiore, Viareggio, Massarosa e Pietrasanta – a maggiore densità e vocazione floricola e orticola. Fiori e ortaggi tra Camaiore e Co. – dati elaborati da Coldiretti in collaborazione con Demetra – statisticamente rappresentano 6 mila addetti diretti (escluso indotto) distribuiti in 860 aziende circa (vedi tabella), tra floricole (330 floricole su 245 ettari) e orticole (530 su 102 ettari) e circa 350 gli ettari di superficie coltivati di cui circa 100 ad ortaggi, tra serra e a pieno campo, e circa 250 a fiori equamente distribuiti tra coltivazione in serra e campo. Ben 250 aziende orticole si trovano sul Comune di Camaiore (100 invece quelle floricole) distribuite su circa 50 ettari che la incoronano capitale degli ortaggi. Viareggio è invece la capitale dei fiori e dei vivaisti con 150 imprese ma ha anche la leadership per superficie coltivata (140 ha tra produzione orticola e floricola) seguita da Massarosa (70 Ha) e Pietrasanta (30 Ha), rispettivamente al terzo e quarto posto. Basta pensare, per rendersi conto dell’importanza economica di questo settore nel panorama regionale, che complessivamente, in Provincia di Lucca sono circa 500 gli ettari coltivati tra fiori, piante in vaso e fronda recisa, che rappresentano oltre il 40% della superficie regionale. 411 le aziende floricole secondo i dati Regione Toscana. 330 delle oltre 500 aziende floricole, sono localizzate nei quattro comuni di costa.

Numeri e statistiche che esprimono il grande valore e l’autorevolezza di Demetra, oggi sempre più vetrina del “Made in Versilia” e manifesto dell’agricoltura toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi