Cantine del Notaio (Rionero in Vulture – PZ)

Di • 26 Ago 2009 • Rubrica: Assaggiati per voi, diVini
Stampa questo articolo

Azienda relativamente giovane (nata nel 1998) quella di Gerardo Giuratrabocchetti, ma fondata su solide radici familiari. Sulle vigne ereditate dal nonno, Gerardo e la moglie Marcella hanno raccolto la sfida di valorizzare l’Aglianico del Vulture, uno dei più nobili vitigni italiani. Una sfida a tutto campo, che li ha portati a vinificarlo sia come rosso tradizionale, sia come rosato, sia a farne un piacevole metodo classico. A questi “aglianico 100%” si affiancano due bianchi in cui è ancora l’aglianico del Vulture il protagonista insieme ad altri vitigni a bacca bianca e un piacevolissimo passito (L’Autentica) da moscato del Vulture e malvasia del Vulture. Caratteristica di tutti i vini il nome, che richiama la professione notarile (quella del padre di Gerardo).

Vini assaggiati

La Stipula Brut Rosè 2006 (aglianico, 13%)
Un piacevole metodo classico rosato che al naso ricorda subito le origini “rossiste” con una nota piuttosto pronunciata di piccoli frutti rossi. Seguono note minerali e una bocca denotata da bella freschezza e media corposità, per un vino che fa la sua figura a tutto campo.

L’Atto 2006 (aglianico, 14,5%)
Rubino vivo, naso piacevole e composto di erbe aromatiche e rabarbaro, ed una lieve laccatura. In bocca l’attacco, su un sottofondo verde, esprime una buona varietalità, e la beva rivela poi un vino scorrevole, di stoffa vellutata, e dal tannino fine.

Aglianico del Vulture La Firma 2005 (aglianico, 14%)
Colore rubino vivo e naso acuto, ampio, quasi agrumato.  Bella espansione di una bocca fresca, minerale, che appare finanche lieve seppur si noti chiaramente l’influsso del rovere.  Lunga chiusura di carattere vegetale.

Aglianico del Vulture Il Sigillo 2004 (aglianico, 14,5%)
Di colore rubino vivo mostra al naso un chiaro influsso olfattivo dei legni di affinamento. In bocca è molto arrotondato, polposo, offre una frutta confetturata assai dolce, finendo per scivolare verso una certa monotonia di espressione. La ricerca della morbidezza rischia di avere successo, ma a scapito della varietalità.

Cantine del Notaio
Via Roma, 159

85028 Rionero in Vulture (PZ)
Tel. 335 6842483 – 0972 723689
Fax 0972 725435
info@cantinedelnotaio.it
www.cantinedelnotaio.it

Assaggiati il 13/6/2009
Schede di Luca Bonci e Riccardo Farchioni

Share
Parole chiave: , ,

Lascia un commento