Digita una parola o una frase e premi Invio

Tè bianco: un privilegio imperiale

Sicuramente, tra i molti tipi di tè i più nobili sono i bianchi. Alcune varietà sono così pregiate che in tempi antichi erano considerate appannaggio esclusivo dell’imperatore, e se si scopriva che qualche dignitario o ricco possidente ne aveva consumato, costui rischiava pesanti sanzioni. Ancora oggi non è difficile farsi un’idea del livello di questi tè semplicemente confrontando i prezzi: un tè bianco della qualità più pregiata costa circa dieci volte di più rispetto a un decoroso tè verde. Si tratta di tè di provenienza principalmente cinese, sebbene pare ne esistano anche varietà provenienti dal Giappone (che però non ho mai avuto la fortuna di assaggiare).

Le foglie usate per il tè bianco sono quelle dei tenerissimi germogli appena spuntati, coperte da una lanugine biancastra, da cui prende il nome. Il raccolto avviene al massimo due volte all’anno, in periodi ben determinati. Anticamente le foglie per la “riserva imperiale” venivano raccolte da giovani fanciulle consacrate a questo compito, alle primissime luci dell’alba in particolari giorni, utilizzando forbici d’argento (credo che oggi si faccia ricorso a metodi più convenzionali, ma di certo sempre con grande cura e attenzione).

Il gusto dei tè bianchi è delicatissimo (tanto da lasciare insoddisfatti i palati più rozzi), manca dei toni erbacei tipici dei tè verdi ed ha una fragranza dolce difficilmente descrivibile. Ricordo ancora la prima volta che assaggiai un bianco: ero entusiasta e disorientato, l’unico commento che riuscii a formulare fu che quel gusto è come se superasse con un balzo tutti i registri grossolani e corporali per andare ad accendere direttamente la parte spirituale della persona. Questo gusto così raffinato deriva, oltre che dalla qualità superiore delle foglie, da una lavorazione particolarmente semplice. Si tratta della stessa lavorazione del tè verde: subito dopo il raccolto la semplice essiccazione (ponendo la massima attenzione a non attivare in alcun modo i processi ossidativi) e poi il confezionamento.

Dal punto di vista biochimico le proprietà del tè bianco sono superiori rispetto alle altre varietà. Tanto per cominciare vi è un contenuto di caffeina libera particolarmente basso, ma soprattutto è la presenza di polifenoli semplici (le cosiddette catechine) che lo rende un potentissimo antiossidante, e come tale un efficace agente di contrasto dell’invecchiamento cellulare e di diverse gravi patologie, prime tra tutte quelle tumorali, inibendo le mutazioni genetiche. Tra i molti risultati scientifici a conferma delle particolari proprietà benefiche del tè bianco, vorrei citare come esempio una relazione presentata al congresso annuale della società americana di microbiologia del 2004, nella quale si evidenziava come l’estratto solido del tè bianco abbia proprietà disinfettanti, ritardando la crescita di agenti patogeni, quali stafilococchi e streptococchi. Proprio a causa della più alta concentrazione di polifenoli semplici e della corrispondente minor presenza di polifenoli complessi (tannini), nella preparazione dell’infuso non sono necessarie quelle precauzioni che si prendono con il tè verde affinché non diventi amaro (basse temperature e tempi di infusione brevi); in particolare si possono lasciare le foglie in infusione anche per più di 10 minuti e l’acqua può anche essere molto calda senza che la qualità dell’infuso ne risulti compromessa; è tuttavia preferibile non andare troppo sopra i 70 gradi per evitare che gli oli essenziali – responsabili dell’aroma della bevanda e molto volatili – evaporino rapidamente.

Vediamo adesso alcune delle varietà di tè bianco che si possono trovare in vendita con una certa facilità.

Pai Mu Tan, o Peonia Bianca, è un tè molto buono e neanche troppo costoso (rispetto agli standard dei bianchi). Proviene dalla regione cinese del Fujian e, secondo gli esperti, il suo gusto particolare (fresco e leggermente pungente) deriva dal fatto di essere fatto essiccare alle rigide temperature notturne di alta montagna.

Yin Zhen, o Aghi d’Argento, è sicuramente il più pregiato (e il più caro) tra i tè bianchi che si possono trovare sui banchi delle erboristerie e dei negozi specializzati. Le foglie sono molto omogenee per forma e dimensioni; si tratta appunto di piccoli germogli, stretti e allungati, ricoperti da una sottile peluria bianca. Il gusto di questo tè è davvero straordinario: delicato, con indefinite reminescenze di fiori e frutti, veramente è in grado di stimolare la parte più alta e spirituale della persona.

White Monkey, parente nobile del più noto (e comunque non disprezzabile) Green Monkey che deve il suo nome al fatto che solo le scimmie riescono a raggiungere le sue foglie sui rami più alti dei secolari alberi di camelia. Nel caso della varietà bianca si tratta evidentemente di germogli ancora più giovani e teneri, e quindi ancora più irraggiungibili. Non manca di nessuna delle caratteristiche peculiari dei bianchi, anche se probabilmente non così accentuate e perfette come nello Yin Zhen.

Pu-Erh bianco, di non facile reperibilità (malgrado non sia molto costoso), lo si può trovare in quei negozi specializzati che dedicano particolare attenzione al mondo meraviglioso dei Pu-Erh. In effetti quando si pensa al Pu-Erh di solito viene in mente l’ormai diffuso anche da noi tè rosso, fermentato, con l’inconfondibile aroma di terriccio umido. In realtà ciò che caratterizza i Pu-Erh è la provenienza dalle regioni dello Yunnan e la particolare lavorazione, con la compattazione finale in panetti di foglie pressate. Anche dei tè bianchi possono subire lo stesso trattamento, che non toglie loro le loro caratteristiche superiori. In particolare, ci si trova di fronte ad un tè di ottima qualità, dal colore chiarissimo e il gusto molto delicato con una certa prevalenza di albicocca.

Veniamo infine ai tè bianchi commercializzati dai grandi distributori internazionali che capita di trovare talvolta sugli scaffali dei supermercati. Incuriosito – ed anche un po’ stupito – di fronte ad un tè bianco in bustine, anch’io ho voluto provarlo. La prima cosa che mi ha lasciato perplesso è stata l’indicazione sulla scatola di utilizzare acqua non caldissima e tempi di infusione brevi. Così ho preparato un infuso con acqua quasi bollente lasciando la bustina dentro per più di cinque minuti. Effettivamente, rare volte mi era capitato di assaggiare qualcosa di tanto amaro; eppure la caratteristica principale del tè bianco è proprio quella di non diventare mai tannico. Ma soprattutto era il prezzo di pochi euro per quasi 40 grammi di tè a insospettirmi. Una esperienza del tutto analoga l’ho avuta con un sedicente Darjeeling bianco del commercio equo e solidale; in quel caso non erano bustine ma foglie, che si presentavano però tutte spezzettate. Che dire? Si tratta di truffe? Probabilmente no, nel senso che le foglie utilizzate possono anche essere quelle con cui si confezionano i pregiatissimi tè bianchi, solo che magari si tratta di scarti di lavorazione, foglie frantumate e sbriciolate che non potrebbero andare nelle scatole ben più costose in cui le foglie sono integre. Considerando poi che la rottura delle foglie (quando sono ancora fresche) provoca l’avvio dei processi ossidativi che danno origine al tè nero, direi che quello che viene presentato come tè bianco è in realtà più simile a un tè nero (magari anche di buona qualità).

(Immagine tratta da www.orlandosidee.de)

13 Comments

  • lola ha detto:

    Col tè bianco è stato amore al secondo assaggio, poichè il primo è stato proprio di un tè bianco in bustina…anch’io ho assaggiato quello del commercio equo e solidale che è effettivamente più amaro di quello sfuso, ma ho risolto tenendo meno in infusione il filtro. Certo non c’è paragone con quello sfuso, ma è apprezzabile. Ho appena ricomprato il Pai Muh-Tan che alla fine è quello che preferisco anche se non sono ancora riuscita a provare il White Monkey…
    Aspetto il tuo prossimo articolo sui tè, sono davvero interessanti!
    Lola

  • Alessandro Cordelli ha detto:

    …il white monkey lo commercializza La Via del Tè, che offre anche un ottimo Yin Zehn confezionato in una scatola da 50 gr.

    Grazie per il tuo apprezzamento
    A presto.
    Alessandro

  • graziella ha detto:

    Si può fare una certa quantità di tè, metterlo in frigo e poi scaldarlo il giorno dopo e berlo? E’ nocivo alla salute?
    Grazie e saluti.
    Graziella

  • Alessandro ha detto:

    Per il fatto che l’acqua viene bollita, il té è sterilizzato e quindi non ci sono problemi di contaminazione batterica anche a distanza di giorni (tanto è vero che nei paesi con standard igienici insufficienti il té è l’unica bevanda sicura). Casomai è il gusto che ne risente parecchio. Vi sono tuttavia indicazioni anche per preparare ottimi té freddi, usando particolari varietà di té verdi e con tempi di infusione molto lunghi.

  • ANTONELLA ha detto:

    HO ACQUISTATO IL PAI MU TAN IN FOFLIE PERCHE’ HO LETTO DA QUALCHE PARTE CHE FA DIMAGRIRE , VORREI SAPERNE DI PIU’ , IN QUANTO TAMPO SI VEDONO I PRIMI RISULTATI, QUANTO SE NE DEVE BERE, PER ES
    SE QUALCUNO HA QUALCHE NOTIZIA IN PIU’ MI DIA CONFORTO. GRAZIE

  • Alessandro ha detto:

    Tutti i tipi di tè, ma in particolare il tè verde e il tè bianco come il Pai Mu Tan, a causa dell’azione stimolante sul metabolismo hanno un effetto benefico di contrasto ai grassi. Se poi viene assunto – come dovrebbe – senza zucchero, l’apporto calorico è praticamente nullo. Non bisogna però pensare che si possa fare una cura dimagrante basata sul tè. Al più, lo si può considerare una bevanda da abbinarsi ad una dieta più elaborata, che deve comunque essere sempre fatta sotto il rigoroso e costante controllo di un medico.

  • Alberto ha detto:

    Il tè verde può essere infuso anche a freddo, basta mettere le foglie in acqua fredda per 4/5 ore e poi filtrare. Il tè così fatto potrà essere conservato per 2/3 giorni tranquillamente.
    Io ora sto provando il tè bianco SI MAO e devo dire che è molto buono, io ne bevo un litro al giorno in abbinamento ad una dieta studiata.

  • Alex ha detto:

    io uso il thè bianco della twinings in bustine lo trovo comodo solo che il sapore non mi sembra così delicato e ci aggiungo mezzo cucchiaino di miele, ne prendo 4 tazze al giorno da diversi mesi in quanto accelera il metabolismo facendo dimagrire chiaramente con una dieta adatta e attiività fisica.
    prima del thè il mio metabolismo dormiva alla grande
    non sapevo ci fossero diverse varietà di thè bianco..grazie dell’informazione

  • Alessandro ha detto:

    In effetti quando uscì, qualche anno fa, anch’io volli provare il té bianco Twinnings in bustine, ma rimasi deluso. La cosa che colpisce di più è che se il tempo di infusione supera un paio di minuti il sapore diventa forte e tannico, ciò che è assolutamente incompatibile con i “veri” bianchi. Anche il prezzo (troppo basso) mi lasciò perplesso. Secondo me si tratta di té verde di qualità neanche troppo eccelsa, comunque pur sempre un té verde con tutte le sue salutari proprietà. Ti suggerirei di cercare in erboristeria (o negozi specializzati) il Pai Mu Tan (si scrive anche Bae Mu Dan) o lo Yin Zhen, che si trovano abbastanza facilmente.

  • Alex ha detto:

    il problema è che io le bustine me le porto in ufficio altrimenti non riuscirei a prenderne 4 al giorno mentre il thè che vendono in erboristeria oltre al prezzo esorbitante (le mie prime bustine mi erano costate 20= 5,20 euro) e proprio non mi potrei permettere un costo così eccessivo mentre ad esempio mia cugina usa quello sciolto ma lei fa un altro lavoro e quindi forse le è + comodo.
    comunque, proverò a chiedere grazie di avermi risposto
    il twinings deve stare in infusione x pochi minuti e poi c’è scritto sulla scatola.

  • Aliexpress ha detto:

    Andate su aliexpress e compriatelo dalla Cina Fijuan o altri posti …Invece di farvi rubare i soldi dalle erboristerie e negozi svegliatevi su io preferisco prendere tea bianco yin Zheng al kilo solo 85 euro !!!! Io prendo anche Goji al kilo 5 sacchetti da 250 grammi solo 75 euro!!! Poi anche acai in polvere da un kilo 75 euro!!!!

  • sergio ha detto:

    Salve, ho letto il suo articolo relativo al tè bianco e sono rimasto favorevolmente colpito della competenza e d’accordo con le sue impressioni. Prima bevevo principalmente tè nero in quanto mi soddisfaceva il palato col suo gusto pieno e forte, poi chiaccherando con un amico grande bevitore di tè, mi ha raccomandato di assaggiare il tè bianco. Da ignorante sono andato in erboristeria per acquistarlo ma al momento erano sprovvisti, allora sono andato su Ebay e ho acquistato dall’erboristeria “Il Regno Vegetale” questo tanto decantato tè bianco e neanche per farlo apposta era proprio il “Tai-Mu-Tan sciolto, perché pur non essendo molto esperto in materia, mi rifiuto di bere tè in bustina che non contiene altro che i rimasugli della lavorazione del tè. Ho seguito tutti i consigli dati per ottenere il massimo del gusto e, posso affermare che mi ha colpito molto favorevolmente, tant’è che lo sto gustando con più frequenza di quello nero. Adesso ho ordinato sempre su Ebay dal venditore molto serio “Dragon Thea House” e che vende solo tè (saranno almeno un centinaio di tipi) e accessori ad esso elativi con prezzi bassi, anche se ha dei tè e degli articoli di alto pregio che, chiaramente non sono regalati, ma ha dei nuovi tè tra cui quello giallo poco conosciuto da molti e che chiaramente stimola la mia curiosità in questo campo. L’unico problema che è naturale, se si acquista da lui, che i tempi di arrivo del pacco sono lunghi, circa 30 gg. visto che i prodotti arrivano direttamente dalla Cina.

  • alessandro cordelli ha detto:

    …io ho provato diversi importatori italiani, e devo dire che – per il momento – quello con cui mi sono trovato meglio è teaway (www.teaway.it), sia come scelta che come qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi