Digita una parola o una frase e premi Invio

Cortona DOC Syrah 2006 – Stefano Amerighi

Sottozona/cru: Poggiobello di Farneta – Cortona (AR)

Data assaggi: ottobre 2009

Il commento:

La compattezza impenetrabile del suo rubino stranamente non mi allarma. Non so perché ma non vedo volontà oppressiva in quella esultanza cromatica; casomai, da come scorre nel calice, la gioiosa consistenza di un frutto naturalmente concentrato, spremuto e messo lì, nel mio bicchiere di oggi.

La nettezza aromatica d’altronde, senza le fastidiose intermediazioni del rovere e l’accompagno di certi immancabili empireumatismi, mi parla di franchezza e generosità: non una sbracatura nel frutto, non una sensazione melliflua o marmellatosa; semmai -pur non (rin)negando la scalpitante gioventù, che è poi gioventù di vigna- un profilo più trattenuto che concessivo, in odor di austerità, in cui la confettura di ciliegie emerge compattamente senza strafare, la speziatura di pepe ( bianco) si fa trama e sfondo, e le note di viola e humus, per il momento, si rimpiattano nelle retrovie, pur ispirando pertugi tutti nuovi. I suggestivi richiami “cinerini”, e le tracce via via più marcate di china, se non avete fretta spunteranno con l’aria.

Pur non concedendosi troppi dettagli, di lui ne apprezzi la caparbia tenacità di resistenza alla ossigenazione, senza colpo ferire, orgoglioso della sua cifra più verace e sanguigna. La stessa verace schiettezza che ti ritrovi al palato -corpo pieno senza mollezze-, impettito come si ritrova da una acidità brillante e da una salvifica sapidità tannica, che ben si fonde e scioglie in bocca a decretare un finale pulito, asciutto, capace di richiamare a sé la beva senza renderla impegnativa.  No, non è uno di quei vini iperlevigati, torniti ed educati ( leggi “stufevoli”) perché ha i suoi spigoli e le sue ingenuità. Ma ha il coraggio di mostrarsi nudo, senza elucubrazioni, vivo di materia grezza, calibratamente selvatico e risoluto. Volendo azzardare verosimiglianze, un vino che oggi si avvicina di più alla razza austera e alla materica “vibrazione” di certi vin de garage australiani che non alla terrosa complessità, e all’armonia sottile, dei vini rodaniani.

Ad un prezzo che non so una promessa giovane e bella, ispirata da una ruralità sana e consapevole. Ad un prezzo che non so, la sostanza e non il belletto.

La chiosa:

Dopo un vino così, dopo tutta questa fierezza ingenua e gagliarda, so già dove mi porteranno i prossimi viaggi in terra aretina. Stefano Amerighi, ne è consapevole, ha due fans di eccezione, che poi sono coloro che mi hanno suggerito vivamente la conoscenza e l’assaggio: Caterina e Simone, le anime della Tana degli Orsi di Pratovecchio, nel Casentino, un locale piccolo ma pieno di idealità, in cui – lo avreste detto mai? – durante l’anno ci passa il meglio del meglio dei vignaioli italiani, a presenziare serate a tema a dir poco affascinanti. Stefano Amerighi è loro amico, e come loro ama il concetto di sostenibilità ambientale. Nella sua tenuta di Cortona, oltre ai vini (meglio, al vino), trovano quindi giusto spazio colture cerealicole, ortaggi e allevamenti di animali, in equilibrio euritmico con la natura. Una agronomia con impulsi biodinamici questa qua, e una enologia semplice, non interventista. E’ una realtà giovane, da crescere, eppure già in grado di raccogliere il più grande dei riconoscimenti, che è poi quello offerto da una terra “liberata” a cui sia stata concessa una ipotesi di futuro.

One Comment

  • Massimiliano ha detto:

    Anche io ho provato questo vino, anche io sono stato fortemente influenzato, quasi “obbligato” da un enotecario mio amico, mai costrizione fu tanto gradita, ad avercene prodotti così veri ed originali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi