Ca’ di Rajo (San Polo di Piave – TV)

Di • 17 Mar 2010 • Rubrica: Assaggiati per voi, diVini
Stampa questo articolo

La campagna trevigiana, a due passi dal Piave, è la terra che i Cecchetto lavorano da tre generazioni. Prima come mezzadri, poi finalmente come proprietari, liberi di scegliere. Ampia scelta di vini “base”, dai prosecco a bianchi e rossi monovitigno (tutti i vitigni francesi tipici del nord est e verduzzo), e poi alcuni cru attentamente pensati: un Incrocio Manzoni Bianco da uve surmature, due Raboso del Piave e un assemblaggio di raboso con merlot e cabernet, il Marinò.

Vini assaggiati

Prosecco Millesimato (prosecco – 11.5%)
Colore paglierino scarico, perlage persistente e naso estroverso che esprime un bel melange di pera e fiori bianchi. Al palato buona tensione, grande piacevolezza e discreto allungo nel finale.

Incrocio Manzoni 6.0.13 Nina 2008 (incrocio Manzoni 6.0.13 – 13,5%)
L’etichetta recita “da uve surmature” ma al naso è la freschezza che colpisce. Note di pera, mentolate, di glicine e di foglia di agrume in bel melange. La bocca è ampia, morbida, sostenuta da buona acidità e buon calore. Qui si comprende il contributo della surmaturazione, in una ampia nota primaria di succo d’uva.

Piave Cabernet Sauvignon (cabernet sauvignon – 12,5%)
Il colore è porpora poco concentrato, anzi quasi scarico, e i profumi sono molto diretti, di cassis e erbe di campo. Bocca franca, piacevole, molto beverina, su toni maturi, sempre vegetali, ma dolci.

Marinò 2007 (merlot 50%, cabernet 30%, raboso del Piave 20% – 14%)
Bel rubino acceso e naso decisamente maturo, fruttato e intenso. Dopo la frutta arrivano le note terziarie, burrose e di cuoio. In bocca sono proprio queste a tener banco: ampie sensazione dolci, cacao, cannella, cioccolata. Chiudono tannini prestanti ma soffusi.

Raboso del Piave Sangue del Diavolo 2006 (raboso del Piave – 13,5%)
Colore rubino acceso per questo autoctono su cui i Cecchetto puntano molto. I profumi sono abbastanza intensi, di marasca, non complessi ma limpidi e attraenti. In bocca è la struttura a tener banco, per un vino che scalpita, dall’ingresso acido al finale dai tannini robusti e piacevolmente rustici.

Raboso del Piave Riserva Notti di Luna Piena 2006 (raboso del Piave – 14,5%)
Ottenuto da uve in parte fatte surmaturare in pianta e in parte appassite in fruttaio, ha colore rubino pieno, intenso e brillante e bel naso largo, persistente e levigato che gioca su note di frutta rossa e nera mature affiancate da sfumature di cioccolato. Al palato ha beva distesa, equilibrata, che senza grandi progressioni o dinamiche non lascia intravedere il ragguardevole grado alcolico. Finale, anche qui, giustamente energico.

Azienda Agricola Ca’ di Rajo
Via del Carmine, 2/2
31020 San Polo di Piave (TV)
Tel./Fax 0422 855885
info@cadirajo.it

Assaggiati il 6/2/2010
Schede di Luca Bonci e Riccardo Farchioni

Share
Parole chiave: , , ,

Lascia un commento