Digita una parola o una frase e premi Invio

L’acido densitoltruffalinico

Da una lontana repubblica, rimasta per secoli e secoli esclusa dalla civiltà, sta per giungere in Europa un’idea rivoluzionaria. Meno male che molte Nazioni non si fanno abbindolare facilmente da sotterfugi disonesti e sanno usare la propria testa.

Tutti conoscono di sicuro la ridente nazione del Frodistan, situata più a est dell’est e più a ovest dell’ovest. Completamente circondata da alte montagne, solo da poco è stata finalmente raggiunta dalla civiltà moderna. Dopo qualche anno di assestamento politico è ora governata da una repubblica democratica che vede nei paesi più progrediti e civili dell’Europa l’obiettivo da seguire con tenacia e dedizione. Il suo ministro per l’economia, Motefreg, ha preso spunto dalla loro illuminata politica per utilizzare nel modo più corretto e fruttuoso le ricchezze della sua fortunata patria. In realtà “fortunata” è un aggettivo che può adattarsi a solo il 2% della popolazione, in quanto il 98% vive in uno stato di miseria veramente devastante. Proprio per questo motivo la classe dirigente deve fare i salti mortali per conservare i piccoli privilegi ottenuti con caparbietà e applicazione.

Purtroppo il Frodistan ha poche risorse. Nessun metallo prezioso e nemmeno un filo di petrolio. Il clima delle zone pianeggianti e collinari è però estremamente favorevole e riesce a permettere una discreta attività agricola che, teoricamente, potrebbe essere sufficiente per una semplice e decorosa sopravvivenza dell’intera popolazione. E così è infatti avvenuto per secoli e secoli, prima dell’avvento dell’etica e della società moderna. Tuttavia, i modelli delle nazioni più ricche e sviluppate, hanno presto fatto capire ai governanti che si poteva vivere molto meglio: bastava chiedere sempre più al popolo e arricchirsi alle sue spalle. Il ragionamento era abbastanza ovvio. Nei tempi antichi si usava il primitivo e puerile concetto di dividere equamente le ricchezze: se si aveva 100 e si era in 100, ognuno prendeva 1. Che monotonia e che banalità. La fervida mente di Motefreg aveva presto imparato dai modelli occidentali. Era molto meglio dividersi “molto” tra “pochi”. Almeno quei pochi sarebbero vissuti veramente bene. Per i poveri essere un po’ più poveri cambiava poco, per i ricchi invece… e i lussi da comprare erano così tanti…

Nel giro di pochi decenni il manipolo di governanti aveva conosciuto il dolce sapore delle meraviglie moderne. Tuttavia, la fame vien mangiando. Bisognava trovare qualche nuovo sotterfugio per aumentare le entrate e Motefreg in questo era un vero maestro. Nei suoi frequenti giri in Europa il ministro ebbe un’illuminazione: tassare l’alcol! O meglio, colpire duramente chi osava muoversi in preda ai fumi della terribile bevanda. L’idea era sicuramente grandiosa e furono subito acquistati gli strumenti adatti, chiamati etilometri. L’insuccesso fu però totale. Tutto era stato studiato perfettamente, tranne il fatto che in Frodistan non si produceva vino, non si conosceva la distillazione e nemmeno esistevano le automobili. Si dice che il capo del governo abbia frustato a sangue per lunghe e terribili ore il povero ministro. La lucida mente di Motefreg non si disunì per così poco e si rimise all’opera con rinnovato zelo.

Ma sì! La soluzione era lì davanti agli occhi. Era veramente ovvia, troppo ovvia. Come tutti sanno, Il bene più prezioso del Frodistan è l’olio d’oliva. I suoi uliveti millenari forniscono un prodotto insuperabile che dona le calorie necessarie per far sopravvivere la miserevole popolazione. L’uso resta quindi soltanto locale. La qualità è  però talmente alta che sarebbe stato venduto all’estero a prezzi esorbitanti. Bisognava soltanto esportarlo in cambio di denaro, molto denaro, che sarebbe poi finito nelle solite capienti tasche di chi sapeva molto bene come sfruttarlo. Tuttavia, anche la classe dirigente del Frodistan, benché ormai molto ben collaudata per questo tipo di azioni, avrebbe avuto serie difficoltà a sottrarre la materia prima ad una popolazione già in preda agli stenti. L’olio doveva essere tassato, o meglio doveva essere etichettato come sostanza pericolosa, diabolica e peccaminosa. Guai a chi fosse stato trovato in preda all’ebbrezza dell’olio!

Bastava trovare una motivazione scientifica, anche completamente inventata. Il felice e semplice popolo del Frodistan avrebbe bevuto qualsiasi panzana gli avesse propinato il suo saggio governo. Si cominciò a far girare la voce, sempre più insistente, che nell’olio era stata scoperto un nuovo e malefico acido: l’acido densitoltruffalinico (in gergo “densitina”). D’altra parte chi non sapeva che l’olio era denso? Tutti. Ebbene questa sua caratteristica era dovuta a una scarsa ed equilibrata presenza del suddetto acido nel succo del prezioso frutto. Purtroppo, l’inquinamento del mondo moderno e soprattutto la funesta anidride carbonica che aumentava a ritmo inarrestabile aveva creato un mixer micidiale nelle piccole e indifese olive. La densitina era cresciuta in modo abnorme e avrebbe bloccato l’attività muscolare di chi avesse superato una soglia critica di “ebbrezza da olio”. Il peggioramento sarebbe sopraggiunto inatteso, dopo terribili spasmi, e le ripercussioni spaventose sia per la persona colpita sia per chi gli stava vicino.

I cartelloni predisposti per la divulgazione mostravano barbieri, sollevatori di pesi (sport nazionale), scaricatori di merci pesanti, taglialegna e via dicendo mentre venivano colpiti dai primi sintomi e tagliavano, spaccavano, schiacciavano loro stessi e i malcapitati passanti. In breve si dotarono le Forze dell’Ordine degli oliometri, utilizzando le costose apparecchiature che Motefreg aveva incautamente acquistato. Bastarono piccole variazioni estetiche e le preziose macchinette iniziarono a colpire con precisione chirurgica i malati e i peccatori, mietendo vittime a destra e a manca. Poco importava che non servissero a niente per l’olio: non avrebbero comunque peggiorato di molto la loro affidabilità originaria… Ovviamente la produzione dell’olio doveva proseguire senza sosta. Solo che sarebbe stata venduta completamente ai ricchi paesi al di là delle alte montagne. Peggio per loro! In cambio avrebbero ottenuto tanti soldi per curare le tantissime persone già colpite dalla densitina e magari acquistare a prezzo di saldo qualche vaccino rimasto nei magazzini delle nazioni civili. Motefreg rideva tra sé e sé, mentre pensava che era veramente facile e poco dispendioso guarire chi non era mai stato malato.

Gli abitanti del Frodistan esclusero perciò l’olio dai propri alimenti e si dedicarono nottetempo alla ricerca di quelle radici amare, coriacee e disgustose, ma sicuramente ricche di proteine, calorie e vitamine, che il governo aveva caldamente consigliato. Magari un domani potevano anche essere utilizzate in altro modo… Motefreg ci stava già pensando.

Dall’altra parte del mondo, in un paese europeo, all’avanguardia della civiltà, intriso di una cultura e di una razionalità inesauribile che gli veniva riversata senza freno dai mass media, i governanti cominciarono a interessarsi all’oliometro e si misero al lavoro.

La TV e una giusta legge avrebbero fatto il resto!

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi