Digita una parola o una frase e premi Invio

Anteprima Vini della Costa Toscana 2010 a Lucca

LUCCA – Abbandonata la bella e decadente storica sede di Villa Bottini, è il Real Collegio di Lucca ormai da due anni a ospitare Anteprima, l’evento principale dell’Associazione Grandi Cru della Costa Toscana che  riassume le espressioni vitivinicole, fra le migliori espressioni secondo le intenzioni, delle province prossime al mare che sono poi quelle di Massa, Lucca, Pisa, Livorno e Grosseto. L’edificio nato attorno alla antica chiesa di San Frediano è imponente e di grande fascino, ancora solo in parte recuperato, e con il grande pregio di sorgere in una parte veramente piacevole di questa bella ed elegante città toscana, dove circola un turismo estero raffinato, qualche dandy, allegre famigliole che affittano bici e tandem per farsi delle festose passeggiate sopra le mura.

Nel frattempo, dentro, dall’8 al 10 maggio una quindicina di aziende ciascuna per le zone di Pisa, Lucca e Livorno, una ventina per il grossetano e quattro per il massese offrivano i loro vini nella duplice versione en primeur, ossia ottenuti dall’ultima vendemmia 2009, ancora in fase di evoluzione, che usciranno fra due-tre anni, e in quella quella già presente sugli scaffali. Un panorama molto variegato che ha spaziato dai vini con esclusiva presenza o predominanza di sangiovese (vedi la Maremma del Morellino e del Montecucco) all’uvaggio bordolese/sue componenti nel bolgherese e nella Val di Cornia, alla variabilità (in qualche modo anche tradizionale) del panorama lucchese all’anarchia ormai completa di quello pisano, dove ogni sottozona ritiene di essere vocata per certi vitigni, salvo poi cambiare idea nel corso degli anni (basta guardare come sono cambiati gli uvaggi o le uve in tanti vini anche di punta nel corso degli anni). Anche per questo fra l’altro sarà tutta da scoprire la annunciata Igt Costa Toscana.

Anteprima Vini della Costa Toscana da evento “esclusivo” dedicato solo alla stampa specializzata, è stato trasformato in manifestazione aperta ed attenta anche al pubblico cosiddetto “finale” (e alla città, con tanto di “trasferte” con percorsi enogastronomici in varie zone), a testimoniare  una certa incertezza che il mondo del vino sta avendo sulla forma migliore di comunicazione che sappia contrastare una crisi di vendite che riguarda sopratutto il mercato interno. Prestare attenzione ai grandi strumenti di informazione o insistere sul try before buy sempre più prediletto dai consumatori e contando poi su un passa parola magari amplificato da forme di diffusione delle notizie sempre più puntiformi e personali? Un dilemma che investe sempre di più una realtà che deve essere comunque assolutamente raccontata, mescolando in modo straordinariamente affascinante lavoro della terra e vicende umane.

Assaggi dei vini en primeur

Provincia di Grosseto

Sesà 2009Poggio Foco (merlot 50%, cabernet franc 15%, cabernet sauvignon 5%, altri)

Naso di bella eleganza, pulito, ben espresso, intenso e persistente. Assetto di bocca snello e fresco, tannino ancora grinzoso

Morellino di Scansano Poggio Valente 2009Geppetti-Le Pupille (Sangiovese 95%)

Si intravede buona polpa al naso ed un frutto caramelloso (lampone) con qualche spunto di sovramaturazione. Buona tessitura al palato, dolcezza insistita.

Morellino di Scansano Riserva Capatosta 2009Poggio Argentiera (sangiovese 85%, ciliegiolo 10%, alicante)

Colore trasparente, e profumi di media intensità che si aprono pian piano con bella rotondità; buon assetto di bocca e “frustata” finale con tannino esemplare.

Avvoltore 2009Moris Farms (sangiovese 75%, cabernet sauvignon 20%, syrah)

Colore melanzana impenetrabile, buon assetto. Aromaticamente compresso, manca un po’ di finale, ed è ancora crudo e poco giudicabile.

Poggio Bestiale 2009Fattoria di Magliano (merlot 50%, cabernet sauvignon 30%, cabernet franc 15%, petit verdot)

Ancora indecifrabile aromaticamente; quella che si avverte con chiarezza è la bella tessitura ed una sensibile progressione; finale un pochino secco.

Cupinero 2009 – Col di Bacche (merlot 90%, altri)

Naso acerbo, verde, sensazioni di pasta di olive ed erbe aromatiche. Caratteri confermati in bocca, dove non manca il peperone verde.

Tenuta Belguardo 2009Tenuta Belguardo dei Marchesi Mazzei (cabernet sauvignon 280%, cabernet franc)

Naso arioso, aperto, fine, impeccabile, intenso e penetrante; toni più maturi al palato, che si caratterizza per spiccata densità.

Sassotondo 2009San Lorenzo (ciliegiolo)

Fresco, leggermente vegetale, nervoso; al palato è dinamico, ancora fresco, acido, tuttavia difetta di scatto finale.

Montecucco Sangiovese Le Calle 2009Poggio d’oro (sangiovese)

Di buona maturità, pepato, molto denso fin dall’attacco. Un vino potente, dal bello svolgimento in bocca, che termina con un finale in grande espressione anche se non lunghissimo.

Montecucco Sangiovese Grotte Rosse 2009Leonardo Salustri (sangiovese)

Naso mentoso, non intensissimo, ancora poco decifrabile; ma poi in bocca si avverte un bel nerbo “verace” e sensazioni astringenti.

Montecucco Sangiovese Riserva Lombrone 2009Collemassari (sangiovese)

Frutto rosso maturo al naso; in evidenza il rovere all’ingresso nel palato, cremoso, termina con bella lunghezza.

Montecucco Sangiovese Rigomoro 2o09Tenuta di Montecucco (sangiovese)

Olfatto che sbanda un pochino, con evidenti note metalliche; largo in bocca, ha buona tessitura, ancora qualche imprecisione aromatica, bella polpa e lunghezza su toni maturi.

Dromòs L’altro 2009Poggio Verrano (sangiovese)

Colore chiaro, naso levigato e non intensissimo. Bocca rotonda, speziata, morbida, con un finale ampio e di grande effetto, anche se non lunghissimo, che gioca sulla frutta rossa matura.

Provincia di Livorno

Bolgheri Superiore Impronte 2009Giorgio Meletti Cavallari (cabernet sauvignon 75%, cabernet franc)

Eleganza e profondità olfattiva; al palato partenza vegetale, beva un pochino spigolosa, influsso del legno e qualche vuoto; in discesa nel finale.

Bolgheri Piastraia 2009Michele Satta (merlot, cabernet sauvignon, syrah, sangiovese tutti al 25%)

Colore melanzana cupissimo, tratti giovanili nell’olfatto. Ancora influsso evidente del legno, evidenti sentori di lacca/inchiostro. Rotondo, molto morbido, sensazioni vanigliose da smaltire.

Bolgheri Superiore Argentiera 2009Argentiera (cabernet sauvignon, merlot, cabernet franc)

Colore viola cupo, toni del fruttato che tendono al macerato; miglior assetto in bocca, snello, con bello slancio finale. Aromaticamente ancora abbozzato.

Bolgheri Superiore Castello di Bolgheri 2009Castello di Bolgheri (cabernet sauvignon 60%, merlot 20%, cabernet franc 16%, petit verdot)

Naso fine, non intensissimo, compatto, con qualche sfumatura verde. In bocca si produce in un allargamento spettacolare, con un bel frutto nero di grande classe e lunghissimo nel finale.

Bolgheri Superiore Arnione 2009Campo alla Sughera (cabernet sauvignon 50%, cabernet franc, 20%, merlot 20%, petit verdot)

Buon naso rotondo, elegante, persistente. Attacco dolce in una bocca dove poi diventa predominante un dolce e cioccolatoso; astringente nel finale.

Bolgheri Superiore Grattamacco 2009Grattamacco (cabernet sauvignon 65%, merlot 20%, sangiovese)

Bisogna farlo liberare da qualche leggero spunto di riduzione, poi libera un bel frutto rosso, con qualche “piccantezza”; palato esemplare con bella distensione nel finale.

Paleo Rosso 2009 Le Macchiole (cabernet franc)

Note peculiari, pungenti ed intriganti, pepe verde, fumo, in un olfatto persistente. Attacco subito espressivo, bocca spedita, finale travolgente.

Val di Cornia Suvereto Merlot l’Rennero 2009Gualdo del Re (merlot)

Colore melanzana fitto, naso dal frutto primario di ribes. Bocca densa ma non ingombrante, poi di nuovo un fruttato “nero”. Buona spina dorsale, anche succosità e lunghezza.

Velthune 2009Poggiorosso (cabernet sauvignon)

Naso gentile in un vino che pare già avanti con lo sviluppo, e bocca sorridente, acida, non particolarmente concentrata; vino fresco e piacevole, pungente, che si beve bene.

Petra 2009 Petra (cabernet sauvignon 70%, merlot)

Una grande sostanza invade imperiosa il naso, fatta di confettura di frutti di bosco che si fa anche più espressiva alla prima parte della beva. Poi la beva perde un po’ di grinta per riprendersi in un bel finale, morbido; vino caldo ed avvolgente.

Val di Cornia Rodantonio 2009Giomi Zannoni (sangiovese)

Naso pervaso da note balsamiche e mentolate e di grande dolcezza, non particolarmente sfumato; pungente ed astringente il finale.

Provincia di Massa

Massaretta 2009Cima (massaretta)

Elegante, fresco, floreale, persistente. Rotondo in bocca, ha struttura non trascurabile e sfoggia una bella progressione ed un finale di  buona tenuta.

Provincia di Lucca

Colline Lucchesi Brania delle Ghiandaie 2009Colleverde (sangiovese 85%, syrah)

Fresco, limpido, “vinoso”, di buona densità e contrasto acido; fresco nel finale.

Colline Lucchesi Fabbrica di San Martino 2009 – Fabbrica di San Martino (sangiovese, ciliegiolo, canaiolo, colorino – biodinamico)

Naso pieno di suggestioni, dal pepe verde, alle erbe aromatiche che trovano conferma in una beva, ampia, leggera, sempre “verdognola”.

Colline Lucchesi Tenuta di Valgiano 2009Tenuta di Valgiano (sangiovese, merlot, syrah – biodinamico)

Naso cupo, profondo, e vino denso in una bocca che si svolge compassata ma decisa; la struttura non ha cedimenti con una beva che rimane compatta e densa. Ancora un pochino monolitico ma il carattere c’è già.

Colline Lucchesi Merlot Niffo 2009Terre del Sillabo

Naso ancora poco decifrabile, comunque mentoso; dopo una partenza all’insegna di sensazioni vegetali, la beva si assesta su bella espressività, acidità, bevibilità. Il ritorno dolce nel finale delinea un quadro ancora in fase di composizione.

Merlo della Topa Nera 2009Fuso-Carmignani Gino (merlot 85%, marselan)

Il naso, pieno di frutta rossa e nera matura, è ampio e speziato, denso e morbido, ancora un tantino monodimensionale. Finale persistente e di una certa astringenza.

Melograno 2009Podere Còncori (syrah ed altri vitigni autoctoni – Biodinamico)

Naso limpido, elegante, e fresco; beva dinamica e scorrevole.

Il Fortino 2009Tenuta del Buonamico (syrah)

Naso profondo, speziato, persistente sulle note del frutto nero. Palato compatto, concentrato, cremoso, testimonia grande materia ben espressa e persistente: una piccola bomba.

Esse 2009Fattoria La Torre (syrah)

Frutta nera e rossa e terra i caratteri prevalenti di un olfatto persistente. Bella scorrevolezza e velluto, purezza di frutto, forse poco contrasto acido, ma è senza’altro un vino saporito.

Cabernet 2009Fattoria di Montechiari (cabernet sauvignon 60%, cabernet franc)

Naso pungente, mentolato, e partenza in bocca con spunti vegetali; scorrevole, si alleggerisce, la beva appare ancora un pochino scomposta in un finale comunque saporito e persistente.

Provincia di Pisa

Cosimo 2009Cosimo Maria Masini (sangiovese 90%; buonamico, canaiolo, malvasia nera)

Molto intenso, ampio, piacevolmente caramelloso al naso; palato di dolcezza e maturità insistite, forse alla lunga un pochino ripetitivo.

A Sirio 2009San Gervasio (sangiovese 95%, cabernet sauvignon 5%)

Di colore cupissimo, ha un quadro olfattivo ancora non ben definito, e palato dolce, maturo, ma anche di buona freschezza soprattutto in un finale un pochino in discesa.

Montescudaio La Regola 2009Podere La Regola (cabernet franc 85%, merlot 10%, petit verdot)

Colore melanzana cupissimo, e note di inchiostro in primo piano all’olfatto. Attacco subito concentrato, grande frutto e materia, riesce a scorrere bene anche se gli manca slancio nel finale, dove si spegne un po’.

Duemani 2009Duemani (cabernet franc – biodinamico demeter)

Limpidezza di frutto non calcato e spruzzato di erbe aromatiche. Bocca di medio impatto, comunque fragrante; finale astringente.

Caiarossa 2009Caiarossa (merlot, cabernet franc, sangiovese, cabernet sauvignon, petit verdot, syrah, grenache)

Pungente, verdognolo, penetrante, di una bella eleganza confermata in bocca spessa ma di grande dinamismo; molto buono, lungo.

Moro di Pava 2009Pieve de’ Pitti (sangiovese)

Frutto caramellato e limpido al naso; bell’assetto di bocca, pungente, bevibile, con un buono stacco finale.

Varramista 2009Varramista (syrah)

Un naso limpido ed intensamente pepato prelude ad un attacco “lento” e un pochino ripetitivo; poi la trama sui allarga, però non si percepiscono particolari slanci.

Nambrot 2009Tenuta di Ghizzano (merlot 70%, cabernet franc 20%, petit verdot,)

Colore violaceo fitto, naso pimpante, “succoso”, insistente e penetrante; attacco subito compatto e spedito, trama vellutata e dinamica decisa, con scatto finale.


Assaggi dei vini in commercio


Provincia di Grosseto

Morellino di Scansano Poggio Valente 2006Geppetti-Le Pupille (sangiovese 95%, altri)

Bel frutto rosso persistente, accompagnato da sensazioni vanigliose e chiare influenze del rovere. Analogo carattere in una bocca molto dolce.

Morellino di Scansano Riserva Capatosta 2007 (sangiovese 90%, alicante)

Buona rotondità di frutto rosso, quasi lamponoso; palato di suadente dolcezza, ampio, con una convincente espressione di frutto, ed un tannino brillante, che “traina” un finale persistente e con una avvertibile eco del rovere.

Avvoltore 2007Moris Farms (sangiovese 75%, cabernet sauvignon 20%, syrah)

Buon frutto rosso e speziatura, oltre a leggere erbe aromatiche. Beva cremosa, spessa, con un tannino diffuso.

Ampeleia 2007AmpeleiA (cabernet sauvignon, cabernet franc, altri)

Non intensissimo al naso, ha trama fine ed è deciso in bocca con un bel crescendo ed un finale segnato da un tannino sicuro ma levigato.

Montecucco Sangiovese Grotte Rosse 2007Leonardo Salustri (sangiovese)

Rubino cupo, sensazioni intense di erbe aromatiche, alloro, di frutta rossa carnosa che si conferma in una beva anche speziata, scorrevole e cremosa, con tannino deciso che parte presto rinsaldando la beva.

Dròmos L’Altro 2007Poggio Verrano (sangiovese)

Colore rubino di media intensità, e naso fascinoso marcato da una bella speziatura, da erbe aromatche maturo ma che rifugge sfugge dolcezze insistite. Di corpo medio, fragrante, ha bella bevibilità.

Provincia di Livorno

Bolgheri Piastraia 2006 (merlot, cabernet sauvignon, syrah, sangiovese, 25% ciascuno)

Naso elegante e brillante; diverso carattere in bocca, dove la dolcezza si fa un pochino insisistente.

Bolgheri Superiore Castello di Bolgheri 2006Castello di Bolgheri (cabernet sauvignon 60%, merlot 20%, cabernet franc)

Investe il naso con intense note di erbe aromaciche, e leggere sensazioni vegetali; bocca di bella pienezza, dinamico ed ampio, con un tannino finissimo ed un finale di media persistenza.

Bolgheri Superiore Arnione 2006Campo alla Sughera (cabernet sauvignon 50%, scabernet franc 20%, merlot 20%, petit verdot)

Naso caramelloso al lampone e bocca dolce, sorridente, al di qua della stucchevolezza, con acidità calibrata, e discreta progressione.

Val di Cornia Suvereto Merlot l’Rennero 2006Gualdo del Re (merlot)

Naso carnoso e persistente, marcato da un frutto limpido e note balsamiche. Bocca dai bei contrasti e succosa.

Val di Cornia Petra 2006Petra (cabernet sauvignon 70%, merlot)

Caramella di frutta rossa al naso e palato polposo, anche fresco, di grande espressività.

Provincia di Lucca

Colline Lucchesi Fabbrica di San Martino 2007Fabbrica di San Martino (sangiovese, ciliegiolo, canaiolo, colorino – biodinamico)

Colore rubino di media consistenza, ed un bel melange di frutto rosso e sfumature verdi, che si ripropone in una bocca leggera, saporita e pimpante.

Colline Lucchesi Merlot Niffo 2007Terre del Sillabo (merlot 95%, cabernet franc)

Spiccato frutto rosso al naso e bocca compatta, dove emerge una bella freschezza, con una saporita e dal bel frutto spontaneo. Grande allargamento verso il finale, saporitissimo.

Melograno 2008Podere Còncori (syrah e vitigni autoctoni – biodinamico)

Note di sedano ed erbe aromatiche in un olfatto pimpante e penetrante. Anche in bocca è leggero, succoso, con bella dirittura.

Cabernet 2006Fattoria di Montechiari (cabernet sauvgnon 60%, cabernet franc)

Erbe aromatiche si mescolano a influenze del rovere, ed un bel frutto rosso in una bocca che stenta a distendersi avendo dalla sua comunque una buona polpa.

Provincia di Massa

Merla della Miniera 2007Terenzuola di Ivan Giuliani (canaiolo 85%, colorino)

Una zaffata pepata e verdognola configura un carattere personale confermato in una bocca succosa che va un po’ in discesa verso il finale.

Provincia di Pisa

Montescudaio La Regola 2006
Podere La Regola (cabernet franc 85%, merlot 10%, petit verdot)

Frutto rosso e nero e spunti vanigliati al naso; partenza subito potente ed esibizione di note marcatamente mature.

Caiarossa 2006Caiarossa (sangiovese 23%, cabernet franc 22%, merlot 21%, cabernet sauvignon 12%, alicante 8%, syrah 6%, Petit verdot 6%, mouverde 2%)

Bel colore rubino, frutto rosso leggero, spezie ed erbe aromatiche, ampio ed espressivo. Bocca polposa e frutto molto maturo, succoso; ampie e dolci risonanze finali.

Moro di Pava 2006Pieve de’ Pitti (sangiovese)

Colore rubino pieno, e profumi di confettura di frutta rossa con leggera speziatura; palato caldo, di marcata maturità.

Nambrot 2006Tenuta di Ghizzano (merlot 70%, cabernet franc 20%, petit verdot)

Naso elegantissimo e profondo, bocca di grande nerbo e progressiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi