Digita una parola o una frase e premi Invio

Pellegrinaggio civile fra Forlimpopoli e Firenze, la strada di Pellegrino Artusi. Protagonista il critico Leonardo Romanelli

5 giorni di cammino, dal 26 al 30 marzo 2011 in occasione del centenario della morte, toccando i luoghi che hanno fatto la storia recente della gastronomia italiana

L’idea è venuta all’improvviso, quasi una chiacchiera tra amici durante una cena: “E se facessi il percorso tra Forlimpoli a Firenze a piedi?”. Da una battuta, fatta mangiando un cotechino con lenticchie durante le feste di Natale, il passo per concretizzare il progetto è stato breve: la prima cosa da decidere è stato il percorso con le varie tappe; obbligatorio scegliere la cosiddetta “via artusiana”, la statale 67, che collega la Romagna alla Toscana, con il passo del Muraglione che rappresenta il valico più alto da dover superare. Dopo la partenza da Forlimpopoli, la prima sosta sarà a Castrocaro, la seconda a Portico di Romagna. Il passaggio in Toscana vede le due soste a San Godenzo e Pontassieve, per poi terminare in Palazzo Vecchio a Firenze il 30 marzo, anniversario della morte.

“Pellegrino Artusi ha precorso i tempi riguardo alla comunicazione gastronomica” afferma Romanelli. “Il suo ricettario ha avuto successo per la sua capacità di raccontare le ricette con aneddoti e curiosità, invece di limitarsi ad una mera raccolta di ingredienti e procedimenti”. Ancora oggi il libro di Pellegrino Artusi “La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene” risulta uno dei più venduti, malgrado l’autore dovette, a suo tempo, pubblicarlo a proprie spese, non incontrando subito il favore del pubblico!

Ad accompagnare Leonardo Romanelli, il cuoco Stefano Frassineti, titolare della locanda “Toscani da Sempre”, dove si svolgerà anche la cena dell’ultima sera, ma già si prevedono molti accompagnatori di tappa, che affiancheranno i due “pellegrini” per un tratto del percorso. Grazie all’interessamento della Confesercenti Firenze, che si occupa della parte logistica riguardante i pernottamenti e i pasti, sono previste, per ogni sera nei luoghi toccati dal pellegrinaggio, cene rievocative dei menu consigliati dall’Artusi.

Non poteva mancare l’utilizzo dei nuovi media per comunicare l’impresa, e quindi, sarà possibile seguire il pellegrinaggio via Twitter, Facebook e Foursquare, oltre ad un diario di viaggio tenuto sul blog “Quinto quarto” http://quintoquarto.simplicissimus.it.

Per informazioni

Leonardo Romanelli 3933351533

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi