Digita una parola o una frase e premi Invio

La rinascita della Lunigiana attraverso testaroli e panigacci

Si dice “in bocca al lupo” per augurare un lieto fine. E che crepi, sia inteso! Così si sa: chi nasce lupo, non muore agnello… e anche se perdesse il pelo, beh lasciamo ogni speranza in fatto di vizio. Inoltre quando le previsioni meteo non consentono illusioni, il tempo sarà da lupi. E in fatto di gola va da sé che il tanto appetito, nasconde una fame da…

Lupus in fabula, recentemente ci siamo arrampicati fino a “Ca’ del Lupo”(Case Sparse 11, Traverde, Pontremoli, 0187.830214), agriturismo sperso alle pendici dei monti Guinadi, con una doppia anima che si chiama Alessio (Lombardi, 31 anni) e Sabrina (Laurora, 29enne). Nove anni fa lui si è rimboccato le maniche. Oggi hanno maiali, mucche, pecore, cavalli, un asino, producono salumi. In più: vantano una scuola legata a Slow Food dove insegnano l’antica ritualità del testarolo, grosso disco ottenuto impastando acqua e farina di grano tenero, cotto sulla brace in forni da transumanza (i testi, appunto, da cui il nome), quindi tagliato a rombi, sbollentato velocemente in acqua, condito di abbondante formaggio e olio extravergine. Questa è la versione dei puristi, che lasciano uno spiraglio aperto solo alla variante con pesto di basilico e pecorino.

Pochi giorni fa a “Cà del Lupo” produttori, studiosi e artigiani si sono riuniti per assaggiare le farine uscite dal magico cappello di un mago. Beh, che volete farci: ogni favola che si rispetti ha un lupo oppure un mago. La nostra li ha entrambi. Il mago ha il volto di un gruppo di ricercatori della Scuola Superiore di Sant’Anna, sorella diligente e volenterosa dell’Università di Pisa, che in quasi tre anni di studi (di biblioteca e nel campo) ha messo a punto sei tipologie di farine adatte a crescere in Lunigiana, ma anche a chiudere la filiera attorno ai principali prodotti della tradizione gastronomica locale. Testarolo, pani (tanti: dalla Marocca di Casola fatta di farina di castagne, al pane di Regnano con le patate), panigacci (focaccette servite in compagnia di salumi, salsicce, formaggio più o meno morbido), torte d’erbi. Delle antiche farine ormai non vi è più traccia, salvo il “Ventitré”, da una cinquantina di stagioni messo a dimora nei campi da un piccolo agricoltore di Zeri, ad uso personale. La sua farina serve anche a rimpolpare il Presidio (piccole roccaforti volute dal movimento che fa capo a Carlo Petrini, a tutela di agricoltori, pescatori, pastori, casari… custodi di tecniche e prodotti autoctoni rispettosi del territorio). Grazie a Giuseppe Tognarelli il Ventitré (nome forse derivato da una trascrizione sbagliata dell’Avanzi Tre) è sopravvissuto alla sbornia da grani facili acquistati altrove.

“Il nostro problema è quello di arginare l’abbandono della campagna e il degrado di un territorio che rappresenta insieme un patrimonio e una delle attrattive turistiche della Lunigiana – spiegano dalla Comunità Montana, motore del progetto denominato “Frulun”, volto a verificare la fattibilità tecnica ed economica della reintroduzione del frumento tenero in zona – Purtroppo oggi solo una piccola parte dei grani è coltivata in loco, tutto il resto arriva da fuori. Da qui l’idea di dare nuova energia alla campagna, passando per i prodotti che ci rappresentano, tutti a base di grano”.

Il resto ce lo hanno messo i libri e le prove in campo fatte nel Centro universitario di ricerca interdipartimentale di San Piero a Grado (PI) e in qualche appezzamento locale. “Quest’anno mieteremo il secondo raccolto e saremo finalmente in grado di rendere cortissima la filiera dei primi tre: testarolo, panigaccio e pane”. La scelta delle miscele è in corso d’opera, dopo che tre diversi gruppi di assaggio si sono dati appuntamento per sondare i risultati. A breve dunque avremo i primi testaroli (ma anche panigacci e pani) a chilometro zero, che chiudono in sé la storia e l’abilità di questo ramo di terra che dalla foce del fiume Magra si insinua tra Toscana, Liguria ed Emilia. E che forse, si spera, daranno nuova linfa all’economia locale. Raccontando di quel forno in ghisa (prima ancora in terra cotta) che veniva facilmente trasportato dietro le greggi, dove un tempo si preparava ogni sorta di alimento.

Galleria fotografica

6 Comments

  • lino ha detto:

    Bravo Alessio!!!!!
    Bravo davvero!!!!!!!
    Lino

  • Lauretta ha detto:

    Complimenti, sono sempre colta da entusiasmo quando trovo persone intelligenti che si impegnano per mantenere le tradizioni culinarie ed enologiche del proprio paese. Bravi!

  • lido vannucchi ha detto:

    Ottimo Irene bellissimo servizio. ciao Lido

  • Irene Arquint ha detto:

    Ciò che siamo è frutto della nostra storia, il peccato è quando ce ne dimentichiamo! Nel bene e nel male.
    Grazie Lido. La tua foto è meravigliosa!!!

  • Claudio Capitello ha detto:

    Complimenti, ragazzi! Verrò a trovarvi presto. Ad una sola condizione: sono un appassionato dei testaroli e quindi desidero gustarne un piatto che esce dalla vostra cucina!
    Un saluto.

    Claudio

  • mario d'aniello ha detto:

    non vi conoscevo e vi trovo interessantissimi. dei veri artisti. anche io, a modo mio , appartengo al mondo dell’arte e presto verremo a trovarvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi