Alto Adige Valle Isarco DOC Veltliner 2010 – Strasserhof

Di • 15 Set 2011 • Rubrica: diVini, L'appunto al vino Un commento
Stampa questo articolo

Sottozona/Cru: Maso Strasser – Varna (BZ)

Vitigni: Grunen Veltliner

Data assaggi: agosto 2011

Il Commento:

Sussiste qualche dubbio sulla reale comprensione (sul reale “peso”) di termini quali “stilizzato”, “rarefatto”, “sottile” assegnati ad un vino? Bene, il mio bicchiere di oggi si fa paradigma, più di tante parole. In tal senso ci dà una risposta. Di più, dal momento che sposta decisamente verso l’alto l’asticella della sensibilità interpretativa e della percezione: qui un’altra frontiera di rarefazione; qui un altro traguardo di sottigliezza. Indi per cui, una risposta “più” risposta di altre.

Con l’incantesimo di profumi apparentemente fragili, eppure capaci (l’ossigenazione gli darà conforto) di tratteggiare un quadro deciso, infiltrante, dove la matrice rocciosa e agrumata si farà “delicatamente” prim’attrice. E dove la polposità di un succo trattenuto negli accenti verrà propiziata dall’altisonante freschezza acida, a regalare un sorso snello, affusolato, mirabilmente “verticale”, dal portamento teutonico, senza sbrodolature e senza appesantimenti. Una droiture incredibile, una luminosa purezza, un affondo rimarchevole nel segno della sapidità, su ritorni di scorza d’arancia e pompelmo. Sì, è un vino di montagna, decisamente. Anzi è un vino “montagna”, tout court.  Di roccia e vertigine. Da scalare senza pentimento a soli 13 euro.

La chiosa:

Esposizioni propizie, altimetrie significative ( 700 m slm), terroir elettivo d’Alto Adige (Valle Isarco). Uniti ad una consapevolezza tecnica messa al servizio della luminosità del tratto gustativo. Una mano ispirata quella della famiglia Baumgartner, su tutte le tipologie prodotte, per bianchi che fanno della levità, dell’equilibrio, della silhouette agile la loro ragion d’essere. E che per questo si fanno fieri portavoce di una aggiornata sensibilità nel ridisegnare vini futuribili, “aggrappati” all’anima di una terra ma concepiti “in sottrazione”, per amplificare solo l’essenza e non l’orpello. Sono vini coraggiosi questi qua, da non lasciare niente al caso, men che meno alle eventuali incertezze di un terroir, ché ha da essere forte, “marcante”, decisivo. Solo allora quel “gusto spogliato” si farà prodigo di vibrazioni, quindi intrinsecamente ricco. Ecco, al vecchio Maso Strasser la strada porta lì.

Share
Parole chiave: , , ,

Un commento »

  1. […] originale qui: Alto Adige Valle Isarco DOC Veltliner 2010 – Strasserhof Share and […]

Lascia un commento