Digita una parola o una frase e premi Invio

Vino rosso per il pianeta rosso

Una recente scoperta, di estremo interesse per i futuri viaggi spaziali, è stata pubblicata dall’autorevole rivista specialistica della FASEB (Federazione delle Società Americane di Biologia Sperimentale) e vede il vino come protagonista.

No, non spaventatevi. Questa volta è tutto perfettamente vero e se qualcuno non ci crede può andare a leggere la comunicazione ufficiale nel sito della rivista. Andiamo con ordine. La tecnologia spaziale odierna sarebbe pronta a inviare l’uomo ben oltre i confini della Luna, verso Marte e anche più in là. Tuttavia, il vero problema rimane quello delle condizioni di salute degli astronauti. Si è infatti visto che un periodo di tempo troppo lungo di assenza di gravità e di vita sedentaria avrebbe effetti terribili per le ossa e l’insulina umane. D’altra parte in una capsula spaziale è praticamente impossibile eseguire esercizi fisici e, ancor più, creare artificialmente la gravità.

La soluzione è arrivata da esperimenti eseguiti su due gruppi di topi. Essi sono stati tenuti sospesi per gli arti posteriori e per la coda in modo da simulare le condizioni senza peso dello spazio (poverini!). Il primo gruppo è stato alimentato normalmente e ha velocemente mostrato segni di deterioramento muscolare, di resistenza insulinica e di diminuzione della densità minerale delle ossa con aumento della facilità di rottura. Al secondo gruppo è invece stato regolarmente somministrato l’ormai famoso resveratrolo, il fenolo contenuto nelle buccia dell’uva che tanto bene sembra fare alla fluidità del sangue e che sembra aver portato al “paradosso francese”, ossia alla diminuzione delle malattie cardiovascolari per i regolari bevitori del nettare di Bacco della vicina nazione.

I risultati sono stati stupefacenti. Nessuna delle complicazioni evidenziate nel primo gruppo si sono manifestate nei topi “alcolizzati”. Ulteriori studi sono stati compiuti e hanno dato brillanti conferme. Il leader della ricerca, il Prof. Weissman, ha così commentato la scoperta: “Il vino potrebbe diventare il “pane” dei viaggiatori della Via Lattea”.

A questo punto, i produttori che stanno ancora soffrendo la crisi economica legata a quella finanziaria e soprattutto al clima proibizionistico imposto al vino per dare vigore ad altre multinazionali, ben più potenti, che vorrebbero trasformare i gusti e le tradizioni italiane, hanno una via d’uscita. Basterà prendere contatti con la NASA e le altre agenzie spaziali internazionali (cinese e giapponese in particolare) e fornire il “carburante” per i futuri pionieri dello spazio profondo.

Ricordiamo, inoltre, che al di fuori della gravità terrestre NON esistono gli etilometri! La Via Lattea diventerà la Via Vinosa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi