Digita una parola o una frase e premi Invio

E’ obbligo di tutti difendere le Docg Barolo e Barbaresco

Nelle Langhe si vendemmiano le uve nebbiolo. Molte aziende hanno iniziato a staccare tra i filari di Barbaresco e tra qualche giorno si comincerà anche sulle colline del Barolo. Aspettando di sapere come sarà l’annata 2013, il Consorzio del Barolo e Barbaresco continua la sua attività di tutela e vigilanza della denominazione e del marchio applicando l’erga omnes (tradotto significa “nei confronti di tutti”), norma prevista dal decreto legislativo 61 del 2010. La denominazione e il marchio Barolo e Barbaresco diventano così un patrimonio collettivo. Il Consorzio ne diventa custode e gestore unico. Tutte le aziende vitivinicole, consorziate o meno, dovranno dare il loro contributo: in tutto sono 996. “Sono pochi millesimi a bottiglia prodotta – ricorda il presidente del Consorzio Pietro Ratti – che serviranno esclusivamente a sostenere le attività di tutela della denominazione e la vigilanza direttamente sullo scaffale. I costi per questa attività di controllo sono molto elevati, dal 2009 il Consorzio ha investito oltre 250 mila euro solo per la registrazione del marchio Barolo e Barbaresco in tutti i Paesi del mondo. Essendo questa un’iniziativa che coinvolge l’intero comparto, si è deciso di avvalersi dei poteri conferiti dall’erga omnes per far pagare la quota per l’attività di controllo anche ai produttori non associati, in modo da difendere un’importante comparto dell’economia agricola delle Langhe”.

Il Consorzio ha affidato l’attività di controllo agli avvocati della Sib, la Società italiana brevetti che ha sede a Roma. Pochi mesi fa il Consorzio è riuscito a far cancellare quindici annunci di finti kit per la produzione di un vino designato come Barolo venduti sul sito internet di eBay nel Regno Unito. Nel 2012 vinse una causa in Brasile contro una multinazionale di cosmesi che produceva il profumo “Barolo reserva especial”, confezionato dentro a delle piccole ed eleganti barrique: “Abbiamo ottenuto la cancellazione del nome registrato – dice Ratti – e anche un risarcimento in denaro che è stato utilizzato per la difesa della denominazione”. Da solo il comparto Barolo e Barbaresco vale oltre 250 milioni di euro.

I NUMERI DEL BAROLO

· 11 Comuni dove si produce
· 1977 ettari di vigneti
· 13 milioni bottiglie
· 78% valore dell’export

I NUMERI DEL BARBARESCO

· 4 Comuni dove si produce
· 702 ettari di vigneti
· 4 milioni e 300 mila bottiglie
· 70% valore dell’export

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi