Digita una parola o una frase e premi Invio

Zaia: Prosecco vino apripista dell’export del nord-est, pronti al sorpasso sullo Champagne

“La rivoluzione del Prosecco, che ho avviato da assessore regionale e concluso da Ministro, sta dando gli effetti attesi, che riassumo in reddito alle imprese vitivinicole, impulso all’export del settore, valorizzazione e promozione dell’immagine del “made in Veneto”, del “Made in Nord est”” e dell’Italian Style del vino nel mondo. Per questo voglio ringraziare tutti i produttori, sia quelli che nell’ultimo decennio hanno capito il valore e l’importanza di questa Denominazione tutta nostra, sia quelli che per decenni si sono rotti la schiena per decenni sulle balze delle colline trevigiane da Conegliano a Valdobbiadene per creare le fondamenta e dare ad esse la solidità che ha portato questo vino al successo mondiale”.

Lo afferma il presidente del veneto Luca Zaia, commentando i dati produttivi diffusi dal consorzio del Prosecco a DOC e che si possono sintetizzare in oltre 240 milioni di bottiglie prodotte nel 2013, con una crescita del 24 per cento rispetto all’anno precedente, con uve prodotte su una superficie di 20 mila ettari complessivi, dei quali circa l’82 per cento in Veneto il resto nel Friuli Venezia Giulia. “Voglio ricordare che questa produzione a denominazione è la base di una piramide di qualità al cui vertice c’è il Prosecco Superiore DOCG: Conegliano – Valdobbiadene e Asolo, con la “punta” del Cartizze. Stiamo parlando di altri 75 milioni circa di bottiglie nel 2013, con una crescita numerica del 5 per cento ma soprattutto con un aumento dell’export: + 14 per cento, prodotto praticamente solo dalla versione spumante”.

“Questo significa che il Nord Est ha prodotto lo scorso anno oltre 315 milioni di bottiglie, avviando il superamento con un campione mondiale come lo champagne. E’ una progressione prevista e anche ben governata – conclude Zaia – che i produttori e la filiera sapranno trasformare in un sorpasso non solo nel campo dei vini di territorio, che sono l’anima della enologia europea , ma anche, ciascuno con le sue peculiarità, nel settore della spumantistica”.

One Comment

  • Angelo Cantù ha detto:

    Come dire si vendono più 500 di Rolls Royce. Quando la demagogia trionfa sul buon senso. Con tutto il rispetto per l’ottimo Prosecco ed il suo successo mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi