Digita una parola o una frase e premi Invio

Langhe-Roero e Monferrato sito patrimonio dell’umanità dell’Unesco

Il Comitato mondiale riunito in Qatar assegna il riconoscimento al Paesaggio vitivinicolo del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato

Barolo e Barbaresco sono diventati Patrimonio Unesco. Lo ha deciso il Comitato Mondiale Unesco riunito in Qatar per esaminare le candidature arrivate da tutto il mondo. Così, dopo un iter durato undici anni e la consegna del dossier di candidatura nel gennaio 2013 al centro del Patrimonio Mondiale di Parigi, il Paesaggio vitivinicolo di Langhe-Roero e Monferrato è entrato nella prestigiosa World Heritage List. Con questo riconoscimento, l’unico in Italia per questa sessione, i siti italiani Unesco salgono a quota 50. Su queste colline, dove si producono due dei vini più conosciuti al mondo, il Barolo e il Barbaresco, la viticoltura è da secoli l’anima dell’economia. L’Unesco viene quindi assegnato a un territorio di vigne, di castelli, di torri medievali, ma anche al lavoro di uomini e donne.

“E’ il giusto riconoscimento ai vignaioli che hanno preservato le colline di Barolo e Barbaresco con i loro vigneti sapientemente coltivati nel rispetto delle tradizioni e del sapere contadino – dice Pietro Ratti, presidente del Consorzio di tutela Barolo e Barbaresco – Per noi l’Unesco è uno stimolo a continuare a fare bene con ancora maggiore responsabilità al fine di lasciare ai nostri figli questo meraviglioso territorio che ci hanno consegnato i nostri padri”.

Il nuovo sito Unesco comprende, nella Docg Barolo, i comuni di Barolo, Castiglione Falletto, Grinzane Cavour, La Morra, Monforte d’Alba, Novello, Serralunga d’Alba; nella Docg Barbaresco, i comuni di Barbaresco e Neive. Una piccola area altamente vocata alla viticoltura, i cui vigneti sono stati per la prima volta in Italia anche riconosciuti con le Menzioni Geografiche Aggiuntive (cru).

Altre info: www.langhevini.it, www.paesaggivitivinicoli.it

LE LANGHE VITIVINICOLE

  •  2 mila aziende vitivinicole
  • 10 mila ettari di vigneti
  • Principali vitigni autoctoni coltivati: Dolcetto, Barbera, Nebbiolo, Arneis
  •  66 milioni di bottiglie
  • 60% del vino prodotto nelle Langhe viene venduto all’estero

I NUMERI DEL BAROLO

  • 11 Comuni dove si produce
  • 700 aziende vitivinicole
  • 2 mila ettari di vigneti
  • 13 milioni bottiglie
  • 80% Barolo venduto all’estero

I NUMERI DEL BARBARESCO

  • 4 Comuni dove si produce
  • 350 aziende vitivinicole
  • 700 ettari di vigneti
  • 4 milioni e 300 mila bottiglie
  • 70%  Barbaresco venduto all’estero

One Comment

  • Luca Bonci ha detto:

    Una bella notizia. Ora i langhigiani dovrebbero mettersi in testa che prima o poi, ci volessero cent’anni, dovranno rimediare allo scempio che hanno fatto dei loro fondovalle. Deturpati da capannoni, svincoli e ipermercati… probabilmente, e per fortuna, l’Unesco ha voltato “alto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi