Digita una parola o una frase e premi Invio

Guida Vini d’Italia 2015 de L’Espresso: le eccellenze, i migliori rapporti qualità/prezzo

guida-espresso-2015La lenzuolata di nomi, etichette e numeri che segue, si sa, è pur sempre una parte infinitesima di ciò che una Guida dei vini vuole comprendere e raccontare. Una lenzuolata dovuta, semmai. Tanto per mostrare le insegne, far baluginare una strada. O mulinare interesse mediatico. Eppure resta una lista parzialissima, che nel cuore e nella testa degli autori dovrebbe avere la stessa dignità, chessò, del miglior Frascati dell’anno o del miglior Marzemino. Le logiche “mercantili” ci dicono ahinoi che non è così, ma che tutti guardano alle mostrine e poco ai fanti. E a questo rito mediatico di sbattere i vincenti in prima pagina neanche all’Espresso ci si sottrae più. Pazienza.

Sapete che c’è? C’è che una Guida dei vini è uno strano libro a metà, il cui sunto è una traccia a volte fin troppo sottile, od oltremodo ramificata, e dove millanta sono gli attori, molti dei quali con l’aura del protagonista. Eppoi manca il finale. Ci troviamo davanti a un puzzle, che ogni lettore curioso e paziente, ben disposto d’animo e senza pregiudiziali, può ricostruire con i dovuti dettagli seguendo le gesta delle varie cantine, spulciando nella messe di commenti ai vini o leggendo le schede aziendali, da cui traspaiono storie e intendimenti stilistici. Quel che da una Guida dovrebbe emergere, leggendola per intero o spezzettandola nei cento temi/territori diversi di cui vuol dare testimonianza, è la visione critica, la coerenza interpretativa, la profondità di analisi. Ecco, da addentro al mestiere, e come parte in causa (quindi sfacciatamente di parte), in questa Guida ci vedo una linea, che porta dritta dritta a una considerazione fondamentale: sembra proprio che alla base di questo lavoro maniacale e per certi versi straniante vi sia l’onestà intellettuale.

Che bella l’onestà intellettuale! Quella che non sente il richiamo “sirenesco” dei potenti (o dei potentati); quella che non ha strade segnate o mode da cavalcare. Quella che guarda alla qualità del bicchiere, e a quella soltanto!  (Fernando Pardini)

I VINI DELL’ECCELLENZA

VALLE D’AOSTA

bottbia

 

18 Valle d’Aosta Muscat Petit Grain 2013 – Lo Triolet-Marco Martin

bottdol

18 Valle d’Aosta Chambave Muscat Flétri 2012 La Vrille

bottros

 

18.5 Valle d’Aosta Cornalin 2012 – Rosset

18 Valle d’Aosta Donnas 2010 – Caves Cooperatives de Donnas

18 Valle d’Aosta Vuillermin 2012 – Feudo di San Maurizio

PIEMONTE

bottbia

 

18.5 Langhe Riesling Hérzu 2012 – Germano Ettore

18 Colli Tortonesi Derthona Sterpi 2012 – Vigneti Massa

18 Gavi Pisé 2012 – La Raia

18 Langhe Riesling 2012 – Cà del Baio

bottros

20 Barolo Riserva Vigna Rionda 2008 – Massolino

19 Barbaresco Crichët Pajé 2005  – Roagna

19 Barolo Brunate 2010 – Rinaldi Giuseppe

19 Barolo Monprivato in Castiglione Falletto 2009 – Mascarello Giuseppe e Figlio

19 Barolo Pira Vecchie Viti 2009 – Roagna

19 Barolo Villero in Castiglione Falletto 2009 – Mascarello Giuseppe e Figlio

19 Boca 2010 Antico Borgo dei Cavalli – Sergio Barbaglia

18.5 Barbaresco Albesani Vigna Santo Stefano 2011  – Giacosa Bruno

18.5 Barbaresco Camp Gros Martinenga 2009 – Cisa Asinari

18.5 Barbaresco Ovello 2011 – Bianco Gigi

18.5 Barbaresco Pajé Vecchie Viti 2009 – Roagna

18.5 Barbaresco Riserva Pora 2009 – Produttori del Barbaresco

18.5 Barbera d’Asti Ai Suma 2012 – Braida

18.5 Barolo 2010 – Mascarello Bartolo

18.5 Barolo Bricco delle Viole 2010 – Vajra

18.5 Barolo Bussia 2010 – Barale Fratelli

18.5 Barolo Cascina Francia 2010 – Conterno Giacomo

18.5 Barolo Monvigliero 2010 – Burlotto

18.5 Barolo Pira 2009 – Roagna

18.5 Barolo Riserva Bussia Vigna Colonnello 2008 – Prunotto

18.5 Barolo Riserva Lazzarito 2008 – Germano Ettore

18.5 Barolo Rocche di Castiglione 2010 – Poderi e Cantine Oddero

18.5 Barolo Rocche di Castiglione 2010 – Sordo Giovanni

18.5 Boca 2010 – Le Piane

18 Barbaresco 2011 – Castello di Verduno

18 Barbaresco Albesani Santo Stefano 2011 – Castello di Neive

18 Barbaresco Currà 2011 – Cantina del Glicine

18 Barbaresco Gaiun Martinenga 2010 – Cisa Asinari

18 Barbaresco Ovello Vigna Loreto 2011 – Rocca Albino

18 Barbaresco San Stunet S. Stefanetto 2011  – Busso Piero

18 Barbera d’Alba Cascina Francia 2012 – Conterno Giacomo

18 Barbera d’Asti Superiore Alfiera 2011 – Marchesi Alfieri

18 Barbera d’Asti Superiore La Vigna dell’Angelo 2011 – La Barbatella

18 Barolo Bricco Pernice 2009 – Cogno Elvio

18 Barolo Brunate 2010 – Marengo Mario

18 Barolo Cannubi 2010 – Brezza Giacomo & Figli

18 Barolo Castelletto 2010 – Manzone Giovanni

18 Barolo Ciabot Tanasio 2010 – Sobrero Francesco e Figli

18 Barolo Fossati 2009 – Borgogno Giacomo & Figli

18 Barolo Le Coste 2010 – Pecchenino Fratelli

18 Barolo Le Coste di Monforte 2010 – Conterno Diego

18 Barolo Mariondino 2010 – Parusso Armando

18 Barolo Monvigliero 2010 – Alessandria Fratelli

18 Barolo Mosconi 2010 – Boschis Chiara – Pira E. & Figli

18 Barolo Riserva Bussia 2008 – Bolmida Silvano

18 Barolo Sorì Ginestra 2010 – Conterno Fantino

18 Barolo V. S. Caterina 2010 – Porro Guido

18 Barolo Villero 2010 – Brovia Fratelli

18 Barolo Villero 2010 – Fenocchio Giacomo

18 Bramaterra 2010 – Colombera Carlo

18 Dogliani Valdibà 2013 – San Fereolo

18 Felice Na 2012 – Carussin

18 Gattinara Molsino 2008 – Nervi

18 Gattinara Osso San Grato 2010 – Antoniolo

18 Lessona 2009 – Sella

18 Vareij 2013 – Hilberg – Pasquero

LIGURIA

bottbia

18 Apogèo 2013 – Cascina delle Terre Rosse

18 Colli di Luni Vermentino Costa Marina 2013 – Lambruschi

18 Riviera Ligure di Ponente Pigato du Nemu 2013 – Dallorto Luca

18 Riviera Ligure di Ponente Pigato Sogno 2012 – VisAmoris

bottros

18 Rossese di Dolceacqua Superiore Luvaira 2012 – Maccario Dringenberg

LOMBARDIA

bottros

19 Valtellina Superiore Sassella Riserva Vigna Regina 2005 – AR.PE.PE.

18.5 Valtellina Superiore Grumello Riserva Buon Consiglio 2005 – AR.PE.PE.

18 Oltrepò Pavese Buttafuoco Bricco Riva Bianca 2010 – Picchioni Andrea

18 Sforzato di Valtellina Vino Sbagliato 2012 – Dirupi

18 Valtellina Superiore Riserva 2005 – Negri Nino

bottspum

18.5 Franciacorta Pas Dosé Riserva Bagnadore 2008 – Barone Pizzini

18.5 Franciacorta Satèn Vintage Collection 2009 – Ca’ del Bosco

18 Franciacorta Brut Cuvée Monogram 2002 – Castel Faglia

18 Franciacorta Brut Vintage Collection 2009 – Ca’ del Bosco

18 Franciacorta Riserva Dosaggio Zero Francesco Arici 2007 – Colline della Stella – Arici

TRENTINO

bottbia

18 Trentino Nosiola 2013 – Istituto Agrario S. Michele all’Adige

bottdol

 


18.5
Trentino Vino Santo 2002 – Poli Francesco

bottros

18.5 Cabernet Franc Tre Annate – Rosi Eugenio

18.5 San Leonardo 2008 – Tenuta San Leonardo

18.5 Sgarzon 2012 – Foradori

18 Ballistarius 2009 – Letrari

18 Pinot Nero 2010 – Elisabetta Dalzocchio

bottspum

18.5 Trento Brut Riserva del Fondatore Giulio Ferrari 2004 – Ferrari

ALTO ADIGE

bottbia

18.5 Alto Adige Terlano Réserve della Contessa 2013 – Graf Enzenberg – Manincor

18.5 Alto Adige Valle Isarco Riesling Brixner 2012 – Köfererhof

18.5 Alto Adige Valle Isarco Sylvaner 2013  Nössing Manfred

18.5 Alto Adige Valle Isarco Sylvaner Vecchie Vigne Mazzon 2013 – Pacherhof

18.5 Alto Adige Valle Isarco Veltliner 2013 Strasserhof

18.5 Alto Adige Valle Venosta Riesling Castel Juval Windbichel 2012 – Unterortl – Aurich

18.5 Feldmarschall 2012 – Tiefenbrunner

18 Alto Adige Pinot Bianco Praesulis 2013 – Gumphof

18 Alto Adige Riesling Berg 2013 – Niedrist Ignaz

18 Alto Adige Terlano Grande Cuvée 2011 – Produttori Terlano

18 Alto Adige Valle Isarco Sylvaner 2013 – Kuen Hof

18 Alto Adige Valle Isarco Sylvaner Lahner 2013 – Taschlerhof

18 Alto Adige Valle Isarco Sylvaner R 2012 – Köfererhof

18 Alto Adige Valle Isarco Veltliner 2013 – Kuen Hof

18 Alto Adige Valle Venosta Pinot Bianco 2013 – Falkenstein

18 Alto Adige Valle Venosta Riesling Castel Juval 2013 – Unterortl – Aurich

18 Manna 2012 – Haas Franz

bottdol

18 Alto Adige Le Petit Manincor 2012 – Graf Enzenberg – Manincor

bottros

18.5 Elda 2010 – Heinrich Mayr – Nusserhof

18 Alto Adige Pinot Nero Filari di Mazzòn 2012 – Carlotto Ferruccio

18 Alto Adige Mitterberg Gran Lareyn 2012 – Loacker Schwarhof

18 Alto Adige Lagrein Riserva 2012 – Plattner Heinrich – Waldgries

18 Lago di Caldaro Classico Superiore Plantaditsch R 2013 – Tenuta Klosterhof

VENETO

bottbia

18 Custoza Superiore Amedeo 2012  – Cavalchina

18 Custoza Superiore Cà del Magro 2012  – Monte del Frà

18 Soave Classico Contrada Salvarenza Vecchie Vigne 2012  – Gini

18 Soave Classico Monte Fiorentine 2013  – Ca’ Rugate

bottdol

18.5 Colli Euganei Fior d’Arancio Passito Alpianae 2011  – Vignalta

18 Breganze Torcolato 2007  – Miotti Firmino

bottros

18.5 Amarone della Valpolicella Riserva 2005 – Aldegheri

18 Amarone della Valpolicella 2010 – Corte Sant’Alda

18 Amarone della Valpolicella Classico Riserva La Mattonara 2003 – Zymè

18 Amarone della Valpolicella Fondatore 2009 – Montresor Giacomo

18 Valpolicella Classico Superiore 2005 – Quintarelli Giuseppe

18 Valpolicella Classico Superiore Ripasso Santambrogio 2011 – Aldegheri

bottspum

18 Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Sei Uno – Bellenda

18 Durello Dosaggio Zero Leon  – Masari

FRIULI VENEZIA GIULIA

bottbia

18.5 Collio Malvasia Vigna 80 anni 2012 – I Clivi

18 Carso Vitovska Collection 2009 – Zidarich

18 Colli Orientali del Friuli Friulano Clivi Galea 2012 – I Clivi

18 Collio Bianco Vecchie Vigne 2010 – Roncùs

18 Collio Friulano 2013 – Colle Duga

18 Collio Friulano 2013 – Vosca Francesco

18 Collio Malvasia 2013 – Blazic

18 Isonzo del Friuli Bianco Flors di Uis 2012 – Vie di Romans

18 Isonzo del Friuli Rive Alte Pinot Grigio Sot Lis Rivis 2013 – Ronco del Gelso

bottros

18 Colli Orientali del Friuli Cabernet Franc Frank 2012 – Sara Marco

18 Colli Orientali del Friuli Schioppettino di Prepotto 2011 – Petrussa

18 Schioppettino La Duline 2012 – Vignai da Duline

EMILIA ROMAGNA

bottbia

18 16 Anime 2012 – Vigne dei Boschi

bottdol

19 Colli Piacentini Vin Santo di Vigoleno 2004 – Lusignani Alberto

18 Colli Piacentini Malvasia Passito 2012 – Il Negrese

bottros

18.5 Romagna Sangiovese Riserva Marzeno Pietramora 2011 – Fattoria Zerbina

18 GS Sangiovese 2011 – Costa Archi

18 Lambrusco di Sorbara Rifermentazione in bottiglia 2013 – Villa di Corlo

18 Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Canova 2013 – Fattoria Moretto

18 Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Semisecco Frizzante Il Grasparossa
della Tradizione 2013 – Tenuta Pederzana

18 Romagna Sangiovese Superiore Fermavento 2011 – Madonia Giovanna

bottspumros

 

18 Lambrusco di Modena Spumante Rosé Brut Riserva Trentasei 2010 – Cantina della Volta

TOSCANA

bottbia

18 Colli di Luni Vermentino Superiore Fosso di Corsano 2013 – Terenzuola

18 Montepepe Bianco 2012 – Montepepe

18 Vernaccia di San Gimignano Montenidoli Fiore 2012 – Montenidoli

18 Vernaccia di San Gimignano Riserva 2011 – Fontaleoni

18 Vernaccia di San Gimignano Riserva L’Albereta 2011 – Il Colombaio di Santa Chiara

bottdolceros

 

18 Elba Aleatico 2010 – Acquabona

bottros

19 Bolgheri Sassicaia 2011 – San Guido

19 Le Pergole Torte 2011 – Montevertine

18.5 Bolgheri Rosso Superiore Ornellaia 2011 – Ornellaia

18.5 Brunello di Montalcino Riserva Poggio al Vento 2007 – Col d’Orcia

18.5 Carmignano Riserva Piaggia 2011 – Piaggia

18.5 Chianti Classico Riserva 2009 – Castell’in Villa

18.5 Chianti Classico Riserva Le Baroncole 2011 – San Giusto a Rentennano

18.5 Chianti Rufina Nipozzano Vecchie Viti 2011 – Marchesi de’ Frescobaldi

18.5 Paleo Rosso 2011 – Le Macchiole

18.5 Riecine 2010 – Riecine

18.5 Rosso di Montalcino 2010 – Biondi Santi

18.5 Tenuta di Trinoro 2012 – Tenuta di Trinoro

18.5 Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2009 – Boscarelli

18 Bolgheri Rosso Superiore Grattamacco 2011 – Grattamacco

18 Brunello di Montalcino 2009 – Baricci

18 Brunello di Montalcino 2009 – Cerbaiona

18 Brunello di Montalcino 2009 – La Cerbaiola  – Salvioni

18 Brunello di Montalcino 2009 – Mocali

18 Brunello di Montalcino 2009 – Pian dell’Orino

18 Brunello di Montalcino 2009 – Pian delle Querci

18 Brunello di Montalcino 2009 – Poggio di Sotto

18 Brunello di Montalcino Riserva 2008 – Biondi Santi

18 Brunello di Montalcino Tre Vigne 2009 – Podere Salicutti

18 Brunello di Montalcino Vecchie Vigne 2009 – Le Ragnaie

18 Brunello di Montalcino Vigna del Lago 2009 – Tenimenti Angelini – Val di Suga

18 Caiarossa 2011 – Caiarossa

18 Castiglione 2012 – Cacciagrande

18 Cavalli – Tenuta degli Dei 2011 – Degli Dei

18 Cepparello 2011 – Isole e Olena

18 Chianti Classico 2012 – Badia a Coltibuono

18 Chianti Classico Riserva 2010 – Castello d’Albola

18 Chianti Classico Riserva 2010 – Lamole di Lamole

18 Chianti Classico Riserva 2011 – Val delle Corti

18 Chianti Classico Riserva Coltassala 2010 – Castello di Volpaia

18 Colline Lucchesi Rosso Tenuta di Valgiano 2011 – Tenuta di Valgiano

18 Cortona Syrah Apice 2010 – Amerighi Stefano

18 Maremma Toscana Ciliegiolo Vigna Vallerana Alta 2012 – Camillo Antonio

18 Masseto 2011 – Ornellaia

18 Melograno Rosso 2012 – Podere Concori

18 Percarlo 2010 – San Giusto a Rentennano

18 Rosso di Montalcino 2012 – Le Chiuse

18 Rosso di Montalcino 2012 – Pacenti Siro

18 Rosso di Montalcino Le Potazzine 2012 Gorelli – Tenuta Le Potazzine

18 Sammarco 2010 – Castello dei Rampolla

18 Valdarno di Sopra Sangiovese BogginAnfora 2012 – Tenuta di Petrolo

18 Vino Nobile di Montepulciano Il Nocio 2010 – Boscarelli

18 Vino Nobile di Montepulciano Lipitiresco 2010 – Romeo Massimo

bottspum

18 Montellori Pas Dosé 2010 – Montellori

MARCHE

bottbia

18.5 Terre Silvate 2013 – La Distesa

18.5 Verdicchio di Matelica 2013 – Collestefano

18 Onirocep 2013 – Pantaleone

18 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico 2013 – La Staffa – Morici

18 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 2012 – Bucci

18 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Capovolto 2013 – La Marca di San Michele

bottros

18 Arshura 2012 – Mattoni Walter

18 Paradiso 2009 – Fattoria San Lorenzo – Crognaletti

UMBRIA

bottros

18.5 Montefalco Sagrantino Collenottolo 2010 – Tenuta Bellafonte

18 Montefalco Sagrantino 2010 – Di Filippo

18 Montefalco Sagrantino Il Domenico 2008 – Adanti

bottspum

18 Gran Cuvée Brut Metodo Ancestrale 2011 – La Palazzola

LAZIO

bottros

18 Cesanese del Piglio Superiore Civitella 2012 – Macciocca

18 Rosso R  – Le Coste sul Lago

ABRUZZO E MOLISE

bottbia

20 Trebbiano d’Abruzzo 2010 – Valentini

18 Abruzzo Pecorino Bianchi grilli per la testa 2011 – Torre dei Beati

18 Trebbiano d’Abruzzo 2012 – Pepe Emidio

bottros

18 Montepulciano d’Abruzzo Prologo 2012 – De Fermo

18 Montepulciano d’Abruzzo Riserva 2009 – Praesidium

CAMPANIA

bottbia

19 Fiano di Avellino 2013 – Pietracupa

18.5 Fiano di Avellino 2012 – Di Prisco

18.5 Greco di Tufo 2013 – Pietracupa

18.5 Greco di Tufo Tornante 2013 – Vadiaperti

18 Campi Flegrei Cruna deLago 2012 – La Sibilla

18 Fiano di Avellino 2012 – Rocca del Principe

18 Fiano La Congregazione 2012 – Villa Diamante

18 Greco di Tufo Vigna Cicogna 2013 – Ferrara Benito

18 Irpinia Coda di Volpe Torama 2013 – Vadiaperti

bottros

18.5 Campi Flegrei Per’e Palumm Vigna delle Volpi 2012 – Agnanum

18.5 Taurasi Riserva 2006 – Perillo

18 Cilento Aglianico Donnaluna 2012 – De Conciliis

18 Taurasi Poliphemo 2010 – Tecce Luigi

PUGLIA

bottros

18.5 Copertino Rosso Riserva Settantacinque 2006 – Cant. Soc. Cooperativa Copertino

18.5 Le Braci 2007 – Monaci

18.5 Primitivo di Gioia del Colle Muro Sant’Angelo Contrada Barbatto 2011 – Chiaromonte Nicola

18.5 Primitivo di Manduria Tradizione del Nonno 2010 – Vinicola Savese

18 Brindisi Rosso Vigna Flaminio Riserva 2010 – Agricole Vallone

18 Capoposto 2012  – Longo Alberto

18 Maccone Rosso 2012 – Angiuli Donato

18 Salice Salentino Riserva Torre Saracena 2010 – Vinicola Resta

BASILICATA

bottros

18 Aglianico del Vulture Serra del Prete Et. Bianca 2012 – Musto Carmelitano

18 Aglianico del Vulture Titolo 2012 – Fucci Elena

CALABRIA

bottros

18 Cirò Rosso Classico Superiore 2012 – Cote di Franze

18 Cirò Rosso Classico Superiore Riserva Volvito 2011 – Caparra & Siciliani

SICILIA

bottbia

18 Altrove 2013 – Vivera

18 Etna Bianco A’ Puddara 2012 – Tenuta di Fessina

bottdol

19 Vecchio Samperi Ventennale – De Bartoli Marco

18.5 Moscato Passito di Pantelleria Ben Ryé 2012 – Donnafugata

18.5 Moscato Passito di Pantelleria Creato 1983 – Murana Salvatore

18 Moscato Passito di Pantelleria Bukkuram 2012 – De Bartoli Marco

18 Marsala Superiore Riserva Donna Franca – Cantine Florio

Rosati

18 Rosso Relativo 2011 – Valcerasa

bottros

18.5 Etna Rosso WS 2013 – Masseria Setteporte

18 Frappato 2013 – COS

SARDEGNA

bottbia

18 Entemari 2012 Pala

bottdol

18.5 Vernaccia di Oristano Antico Gregori – Contini Attilio

18 Alvarega 2013 – Columbu

bottros

19 Cannonau di Sardegna Barrosu Riserva 2012 – Montisci Giovanni – Barrosu

18.5 Cannonau di Sardegna Barrosu Riserva Franzisca 2011 – Montisci Giovanni – Barrosu

18.5 Suchino’nau 2013 – Panevino

18 Alghero Marchese di Villamarina 2009 – Sella & Mosca

18 Lierra 2008 – Poderosa

PREMI QUALITÀ/PREZZO

I migliori acquisti dell’anno

Nel nutrito gruppo di vini dall’ottimo rapporto qualità/prezzo prodotti in Italia abbiamo scelto quello che ci sembra il più consigliabile per ogni regione. Non ci siamo basati su un calcolo strettamente matematico: diversi altri vini dal costo uguale o inferiore hanno ottenuto valutazioni anche più lusinghiere. Il criterio supplementare è stato quello della reperibilità. I venti vini che vi segnaliamo uniscono infatti a un livello qualitativo molto buono (in certi casi eccellente) una significativa quantità di bottiglie prodotte ogni anno.

18 Valle d’Aosta  – Valle d’Aosta Donnas 2010 Caves Cooperatives de Donnas € 6/7

18 Piemonte  – Dogliani Valdibà 2013 – San Fereolo € 8/9

17 Liguria  – Riviera Ligure di Ponente Pigato Cycnus 2013 – Poggio dei Gorleri € 12/14

17 Lombardia  – Lugana Brolettino 2012 – Ca’ dei Frati € 12/14

16.5 Trentino  – Trentino Nosiola Simboli 2013 – La Vis € 7/8

17.5 Alto Adige  –  Alto Adige Terlano Classico 2013 – Produttori Terlano € 11/13

17.5 Veneto  – Soave Classico Monte Tenda 2013 – Marcato € 10/11

16.5 Friuli Venezia Giulia  – Friuli Grave Friulano Lusor 2013 – Forchir € 9/10

17 Emilia Romagna  – Colli Piacentini Gutturnio Frizzante 2013 – Barattieri di S. Pietro € 6/7

17 Toscana  – Rosso di Montalcino 2012 – Fattoria dei Barbi € 10/12

18.5 Marche  – Verdicchio di Matelica 2013 – Collestefano € 8/9

16.5 Umbria  – Orvieto Classico Superiore Terre Vineate 2013 – Palazzone € 9/11

16.5 Lazio  – Frascati Superiore Vigneto Santa Teresa 2013 – Fontana Candida € 8/9

17 Abruzzo e Molise  – Giulia 2013 – Cataldi Madonna € 10/11

16.5 Campania  – Irpinia Aglianico Rubrato 2012 – Feudi di San Gregorio € 9/11

17 Puglia  – Castel del Monte Aglianico Riserva Cappellaccio 2008 – Rivera € 9/11

16.5 Basilicata  – Aglianico del Vulture Gricos 2012 – Lucania – Piccin Fabrizio € 11/13

17.5 Calabria  – Cirò Rosso Classico 2013 – Librandi € 7/8

17 Sicilia  – Tascante Ghiaia Nera 2012 – Tasca d’Almerita € 12/14

16.5 Sardegna  – Cannonau di Sardegna Nero Sardo 2012 – Cantina di Mogoro € 8/9

13 Comments

  • burroni lello ha detto:

    GRAZIE FERNANDO PER LA PREFAZIONE E PER IL FATTO CHE ANDRO’ A FIRENZE PREPARATO PER GLI ASSAGGI !

    BUONA GIORNATA

  • Fernando Pardini ha detto:

    Grazie Lello per la lettura e le attenzioni. Ma stavolta dicci che assaggerai i rossi!!!
    fernando pardini

  • Franco Santini ha detto:

    Caro Fernando, stamattina appena uscito di casa sono andato subito a prendere la guida in edicola. Sai bene che condivido totalmente lo spirito e l’interpretazione critica che ne sono alla base ed alcuni amici (come Giampaolo) sono per me dei punti di confronto e di riferimento intoccabili. Però il “mio” Abruzzo me l’avete un po’ tartassato, o no? solo 5 Eccellenze mi paiono pochine e in alcuni casi (leggi pecorino) la chiave di lettura mi lascia qualche perplessità…
    E’ solo una mia sensazione?

  • Franco Santini ha detto:

    Aggiungo un bit per non dar luogo a fraintendimenti: “tartassato” è senz’altroun termine troppo forte, ad una lettura generale delle schede della regione si vede come il giudizio sia più che positivo. Però, come tu con la solita efficacia hai scritto nella prefazione di questo pezzo, per le logiche “mercantili”non vorrei che il numero così stringato di “mostrine” sia un po’ penalizzante…

  • Fernando Pardini ha detto:

    Caro Franco
    sull’Abruzzo devo girare la palla a Fabio Rizzari, che cura la regione. E a Francesco Falcone, che quest’anno ha svolto assieme a Fabio il lavoro di selezione. Non ti so dire se si tratti di un giudizio troppo cautelativo per la “tua” regione. Certamente, dirò una ovvietà, le annate in gioco possono dire la loro in termini di qualità assoluta. Conoscendo bene invece ciò che emerge nell’analisi di fondo sulla regione e sui suoi protagonisti, come hai ben detto tu mi sembra di cogliere un giudizio del tutto positivo. Eppoi, circa il peso da attribuirsi alle 5 eccellenze, ve n’è una che vale per 10 no? Che ci suggerisce, una volta ancora, che l’Abruzzo ha le potenzialità per produrre vini di valore assoluto.
    Sulla interpretazione del pecorino, argomento che nel cor ti sta, dovrei conoscere meglio lo scibile, cosa che ahimé non conosco. Non posso che rimandare ancora una volta ai miei colleghi “abruzzesi”….

    ciao
    fernando

  • Fabio Rizzari ha detto:

    Sottoscrivo le righe pardiniane. Nemmeno in Abruzzo sono presenti logiche “mercantili” (peraltro non so a cosa ci si riferisca con questa espressione).
    Saluti cordiali.

  • Franco Santini ha detto:

    Credo che per logiche mercantili Fernando intendesse dire che può accadere (anche se non v’é nesso di causa-effetto) che l’eccellenza possa avere un suo peso sulla vendita di un vino, rispetto a un altro seppur buonissimo che ha preso “solo” 17/20 ad es….o perlomeno io l’ho intesa così…e quindi qualche “mostrina” in più alla “mia” regione mi avrebbe fatto piacere. Tutto qui. Sulla lettura critica del pecorino poi la questione è aperta…

  • Fernando Pardini ha detto:

    Per questioni mercantili non mi riferisco a quell’aspetto, no, ma solo al fatto che per favorire l’interesse mediatico su questo tipo di pubblicazioni è invalso l’uso di mettere in evidenza – in occasione del lancio – i cosiddetti vini premiati ( le mostrine), sottacendo sul grande lavoro di analisi e approfondimento che sta sotto (sopra, davanti, di fianco) al lavoro di una Guida e sottacendo la grande messe di buoni vini che la Guida ovviamente comprende e analizza. E’ la sintesi forzata preferita dagli editori per dare enfasi alla pubblicazione, in ottica di vendite ( della Guida). Una visione parziale, parzialissima, che tende a far emergere i cosiddetti “vincenti”, che nella testa di noi autori poi non si dovrebbero nemmeno chiamare così: sono soltanto vini che nell’ambito delle rispettive tipologie ci sono sembrati più buoni di altri. Il tutto funzionalmente allo scopo primario: indirizzare il consumatore, fornendogli chiavi di lettura possibilmente coerenti con una certa prospettiva critica.

    ciao
    fernando

  • Fabio Rizzari ha detto:

    Esatto. Lunedì scrivo (per l’ennesima volta) sul tema. Saluti cari

  • Montosoli ha detto:

    L’Abruzzo ha in mano 2 delle piu potenziali varieta’ della penisola…..Montepulciano e Pecorino

    Sintesi…Mercato Italiano piatto…..Mercato Estero compra solo Montepulciano base….perche’ e conosciuto da decenni come il migliore rosso per banchetti…..a prezzi di costo tra I piu bassi del Mondo.

    Nella ristorazione ….non ho ricordo dell’ultima volta che un cliente ha ordinate una bottiglia di Montepulciano da Euro 20 in su

  • Fernando Pardini ha detto:

    Se la situazione fosse quella descritta da Montosoli ( non ho motivi per dubitarne, né armi adeguate per confutarla) significherebbe che c’è ancora molto da fare, e non certo da parte della critica enologica. Ancor di più quindi una pubblicazione come questa, indipendentemente dal numero di vertici assoluti, può restar utile per far comprendere – a chi vuol comprendere, a chi è curioso, a chi intende lavorare col vino seriamente- che forse c’è dell’altro oltre al Montepulciano da discount. E a traguardare ciò che emerge da una analisi a tutto tondo della regione, direi proprio che c’è proprio dell’altro. C’è molto di più…

    saluti
    fernando

  • francesco ha detto:

    Non sono assolutamente d’ accordo con la situazione che descrive il Montosoli anche perché se il Pardini non ha armi adeguate per confutarlo io, modestamente, le ho. Da quasi cinquant’anni ho venduto e partecipato a far aumentare la qualità del vino italiano all’estero e in Italia ( zona EUR ) come operatore gastronomico. Non dimentichi il Montosoli che per arrivare vendere vini di una “qualità certa” italiana sullo strapotere degli alti nomi e qualità dei vini Francesci dal 1970 quando ancora non esisteva nemmeno l’idea dei vini italiani di qualità, c’è voluto la volontà e il coraggio dei nostri collaboratori gastronomici all’estero. Ma sono d’accordo con il Pardini che chi lavorerà a far vino ” Seriamente” sarà ricompensato. I” grandi ” Montepulciano d”Abruzzo e Marchigiani vanno a ruba all’estero……….a buon intenditore…….” Salute”

    Francesco

  • Fernando Pardini ha detto:

    Beh, dalle parole “sentite” di Francesco filtra un’altra prospettiva, assai più incoraggiante. Mi sembra però che sia Montosoli che Francesco immaginano un mercato interno (italiano) un po’ più problematico per i vini abruzzesi. Quantomeno nel mondo della ristorazione, che poi è uno dei veicoli principali per la diffusione di un marchio o di una tipologia….. O no?

    Dal mio piccolo angolo di visuale, da viaggiatore viaggiante, dato che giro assai per questione vinose (soprattutto nel centro nord italia), noto che al ristorante i vini abruzzesi non sono ovviamente la prima scelta(eufemismo), ed è raro contare referenze di una certa numerosità in carta. Men che meno una parvenza di meditata ricerca all’interno della regione…
    Però qualche vino abruzzese ( sì, d’accordo, magari i nomi più conosciuti) non manca mai all’appello nelle carte dei vini che mi toccano in sorte. Valentini la fa da padrone, ma mi capita di incontrare anche Masciarelli, Torre dei Beati, Cataldi Madonna…. e più recentemente . ma forse trattasi di luoghi speciali – De Fermo ed Emidio Pepe……
    Certo, attualmente la prospettiva di bersi a tavola sanguigni e poderosi Montepulciano forse non incontra le aspettative di chi vuole una bevuta + easy & friendly, alcolicamente meno impegnativa. Un trend comportamentale, quest’ultimo, che mi pare si stia avverando un po’ ovunque ( wine lovers esclusi, che però non fanno massa critica).

    fernando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi