Digita una parola o una frase e premi Invio

Flashback: schegge di assaggi indietro nel tempo. Barolo, Barbaresco, Chianti Classico, Loira

Di quando il nebbiolo è sempre il nebbiolo, e la Langa è sempre la Langa. Un toscano di ferro, pure se figlio del ’97. La lezione definitiva dello Chenin Blanc della Loira.

Barbaresco 2004 – CASTELLO DI VERDUNO  (collezione personale)

Barbaresco 04 Cast di Verduno_etiMinerale, teso, sfumato, tonico e profilato, non molla la presa mostrando tutta la solare compiutezza del Rabajà più ispirato e il nervo tenace dell’ombroso Faset ( i due appezzamenti da cui provengono le uve, e scusate se è poco!), riunite qui in un sorso spontaneo e senza fronzoli, dotato della adeguata corrente di acidità a renderlo dritto e affilato, senza diluizioni o mollezze.  La prova all’aria ne amplifica le doti, rivelandone la perfetta maturità di frutto -ancora dolce e sinuoso- e la felice integrazione tannica. Sì, è un Barbaresco di razza, dai fondamentali eleganti e dalla conclamata trasparenza espressiva. Ineludibile e fiero, a distanza di tanti anni dal primo sorprendente assaggio non smette i panni del cru, pur non recitando, la sua etichetta, menzione geografica alcuna.

Barolo Le Rocche del Falletto di Serralunga d’Alba 2004 – BRUNO GIACOSA ( Ristorante In Vernice di Livorno)

Le Rocche del Falletto 04 Giacosa_etiImmenso, incisivo, pieno e dettagliato sia nel quadro aromatico – vivo, nature, di modulata ricchezza- che nel grip gustativo, davvero “sferico”, netto, di grandi profondità e vitalità. E’ un bellissimo bicchiere ‘sto qua, che ti offre tannini regali e affondo decisivi. E ti lascia intuire la mano angelica del celebre vinificatore. Qui hai la personalità del nebbiolo esaltata a mille, espressa secondo una foggia signorile, mai urlata né sbandierata, classica senza età. La sua compagnia una cosa cara.

La Gioia 1997 – RIECINE (Ristorante Enoteca Da Giannino, Ripa di Seravezza – Lu)

La Gioia 97_etiLa saldezza cromatica non lascia margini ai graffi scoloriti tipici dell’evoluzione: i toni rubino appaiono inossidabili, mentre l’afflato balsamico del profilo aromatico chiama alla mente freschezza. Non puoi pensare che abbia già compiuto quell’età! E quando l’intrico amoroso di erbe e balsami  – dagli un attimo di tempo – si aprirà ai sentori dell’alloro e del sottobosco, ne intuirai appieno l’imprinting toscano e sangiovesico. Di più, il calore e l’avvolgenza di quella bocca tonica e ampia ti condurranno alla generosità della terra di Gaiole, traguardata dall’angolo di visuale di una annata calda. Un vino la cui forza comunicativa e la cui intensità non lasceranno adito a dubbi: Riecine ha da sempre goduto dei migliori terroir chiantigiani. E il fatto che da una sopravvalutatisssima annata quale la 1997 se ne esca finalmente un toscano con le palle, non fa altro che deporre a favor di terra e di privilegi, connaturati alla sostanza delle cose, quelli che non ti inventi. Di fronte a una Gioia così non ti ravvieni che questo vino rappresentava lo  stile internazionale, con Vouvray 86 Huettanto di maturazione in barrique piccole e nuove. Nessun lascito “esterno” qui, nessuna sovrastruttura: solo interiorità e razza chiantigiane.

Vouvray Moelleux 1986 – DOMAINE HUET  (Ristorante In Vernice di Livorno)

Giallo glaciale, poco accentuato, elettrico, dai riflessi verdolini. Naso timido, scontroso, lento, soavemente rotì, con note di ananas, lime e grano a scalfirne via via la sostanziale introversione. Bocca di contro esplosiva, dinamicissima, mineralissima, acidissima, affilatissima. Salivazione a mille, non un briciolo di dolcezza, da che ha perso il moelleux, ma ha di contro acquisito una droiture impressionante (Veronelli l’avrebbe chiamata nettezza) e una cremosità tattile vivida e titillante. Persistenza infinita di pietra spaccata e agrume: lo chenin blanc al massimo grado di purezza. Quando si dice un vino pervasivo (e non invasivo). Ah, dimenticavo: il tempo che passa? Non pervenuto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi