***NEWS***/Oggi pomeriggio a Milano “Autoctono si nasce…”, a cura di Go Wine

Di • 20 gen 2016 • Rubrica: In evidenza
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

L’associazione Go Wine inaugura l’anno 2016 a Milano con l’ormai appuntamento tradizionale dedicato ai vini autoctoni italiani: una serata di degustazione in cui sarà possibile conoscere ed apprezzare una selezione importante di vini da vitigni autoctono, con alcune etichette rare o comunque poco conosciute. Il riferimento è legato al libro “Autoctono si nasce…” pubblicato da Go Wine Editore e ad altre iniziative che hanno sempre visto l’associazione privilegiare la cultura e la comunicazione a favore dei vitigni-vini di territorio.

Le sale dell’Hotel Michelangelo presenteranno un banco d’assaggio con una qualificata selezione di aziende italiane direttamente presenti; un’enoteca completerà il panorama della degustazione.

… Un’importante selezione di vini, espressione di terroir nascosti e dai sapori nuovi, per un irripetibile viaggio tra i più insoliti e rari autoctoni italiani.

Programma:

Ore 16,00 -18,30: Anteprima: degustazione riservata esclusivamente ad un operatori professionali (giornalisti, enoteche, ristoranti, wine bar)
Ore 18,30 – 22,00: Apertura del banco d’assaggio al pubblico di enoappassionati
Nel corso della serata breve conferenza di presentazione

Partecipano al banco d’assaggio:
Accadia – Serra San Quirico (An); Agrinatura – Andria (Bt);
Aimasso F.lli – Diano d’Alba (Cn); Antica Cantina Sant’Amico – Morro d’Alba (An);
Antica Cascina dei Conti di Roero – Vezza d’Alba (Cn); Benforte – Cupramontana (An);
Bonsegna – Nardò (Le); Bottega del Vino Dogliani Docg – Dogliani (Cn);
Cà Biasi – Breganze (Vi); Cà del Bric – Montaldo Bormida (Al);
Cà Ronesca – Dolegna del Collio (Go); Cantina Ornina – Castel Focognano (Ar);
Castello di Grillano – Ovada (Al); Carpante – Usini (Ss);
Cascina Gentile – Capriata d’Orba (Al); Cascina Gilli – Castelnuovo Don Bosco (At);
Cascina Gnocco – Mornico Losana (Pv); Cascina La Signorina – Ovada (Al);
Caves Cooperatives de Donnas – Donnas (Ao); Cincinnato – Cori (Lt);
Claudio Cipressi – San Felice del Molise (Cb); Consorzio Ovada docg – Ovada (Al);
Marisa Cuomo – Furore (Sa); De Tarczal – Isera (Tn); Dionigi  – Bevagna (Pg);
Giacobbe Alberto – Paliano (Fr); Gigante Adriano – Corno di Rosazzo (Ud);
Graunar – San Floriano del Collio (Go); Hollborn di Giovanni Brignolio – Moncalvo (At);
La Bioca – Serralunga d’Alba (Cn); Le Strette – Novello (Cn); Le Strie – Teglio (So);
Lunae Bosoni – Ortonovo (Sp); Mancinelli Stefano – Morro d’Alba (An);
Marenco – Strevi (Al); Marengoni Silvio, Lino & Flavio – Ponte dell’Olio (Pc);
Marini Salvatore – S. Demetrio Corone (Cs); Miotti Firmino – Breganze (Vi);
Morra Diego – Verduno (Cn); Moschioni – Cividale del Friuli (Ud);
Musso Valter – Barbaresco (Cn); Petruz Maria – Cormons (Go);
Piandaccoli – Lastra a Signa (Fi); Pileum – Piglio (Fr); Rivetti & Lauro – Tirano (So);
Rivetti Mario – Alba (Cn); Rocca Rondinaria – Rocca Grimalda (Al);
Rocco di Carpeneto – Carpeneto (Al); Scubla Roberto – Premariacco (Ud);
Stanig – Prepotto (Ud); Tenuta Casteani – Gavorrano (Gr);
Tenuta Cavalier Pepe – Sant’Angelo all’Esca (Av); Tenuta di Tavignano – Cingoli (Mc);
Tenuta Fulcera – Bertinoro (Fc).
Selezione di Ruchè di Castagnole Monferrato, a cura del Consorzio di Tutela.

I vitigni protagonisti:

Aglianico (Campania); Albana (Emilia Romagna); Albarossa (Piemonte);
Arneis (Piemonte); Barbera (Piemonte); Bellone (Lazio); Bombino Bianco (Puglia);
Bombino Nero (Puglia); Cagnulari (Sardegna);  Cannonau (Sardegna); Cesanese (Lazio); Coda di Volpe (Campania); Croatina (Lombardia); Dolcetto (Piemonte); Favorita (Piemonte); Foja Tonda (Toscana); Freisa (Piemonte);  Friulano (Friuli); Gaglioppo (Calabria); Gamba di Pernice (gambarossa) (Piemonte); Grignolino (Piemonte); Groppello (Veneto); Lacrima di Morro (Marche); Malvasia (Emilia Romagna e Friuli); Malvasia di Schierano (Piemonte); Malvasia Nera (Toscana); Magliocco (Calabria); Marzemino (Trentino); Moscato di Canelli (Piemonte); Moscato Giallo (Trentino); Nebbiolo (Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia); Nascetta (Piemonte);  Negroamaro (Puglia); Nero Buono di Cori (Lazio);
Nero di Troia (Puglia); Ortrugo (Emilia Romagna); Passerina del Frusinate (Lazio); Pecorino (Marche);  Pelaverga (Piemonte); Pignolo  (Friuli); Pollera Nera (Liguria); Primitivo (Puglia); Pugnitello (Toscana); Refosco dal Peduncolo Rosso (Friuli);
Ribolla Gialla (Friuli); Ripoli-Fenile-Ginestra (Campania); Ruchè (Piemonte); Sagrantino (Umbria); Sangiovese (Emilia Romagna e Toscana); Schioppettino (Friuli); Tintilia (Molise); Uva Mornasca (Lombardia);  Verdicchio (Marche); Vermentino (Liguria e Toscana); Vespaiolo (Veneto).

Come partecipare all’evento:

Il costo della degustazione per il pubblico è di € 18,00 (€ 12,00 Soci Go Wine, Rid. soci associazioni di settore € 15,00). L’ingresso sarà gratuito per coloro che decideranno di associarsi a Go Wine direttamente al banco accredito della serata.  L’iscrizione sarà valevole fino al 31 dicembre 2016.

Share

Lascia un commento

  2016 In vino veritas – L’AcquaBuona Via N.Sauro, 21 55045 Pietrasanta (LU) | Basato su WordPress e su un adattamento del tema Mimbo | Articoli (RSS) | Commenti (RSS)