Podere Bellosguardo in Casentino. Il Syrah di montagna che viene da lontano

Di • 11 Gen 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio
Stampa questo articolo

syrah-14-podere-bellosguardoLa sorpresa portava impressa in etichetta l’annata 2013, la terza di sempre per un vino, e una storia, semplicemente sconosciuti. In bella evidenza, senza giri di parole o arzigogoli di nome, il suo contenuto: Syrah. Inevitabile l’approfondimento, per scoprire da lì a poco che si trattava di un Syrah proveniente nientepopodimenoche dalle foreste del Casentino, la sponda montanara dei Syrah aretini. L’incontro partorì una certezza. Dentro quella bottiglia scura c’era un fedele traduttore delle proprie insegne: Syrah. Un luminoso e coinvolgente Syrah. Di più, un Syrah con la pretesa di non contemplare ovvietà.

Rimase impresso il nitore -né chirurgico né tantomeno forzato- e la sensuale, selvatica fragranza di vino nudo, vestito soltanto della propria pelle. Oggi quel nitore e quella speciale silhouette li ritrovo illuminati a giorno nel nuovo Syrah 2014. Un (re)incontro che non lascia scampo ai silenzi. Non più. Chiede solo parole, e racconto. Inevitabile quindi raggranellare i frammenti della storia che lo ha portato fin qui.

A rincorrere quella storia, peraltro, ti invita ben volentieri lui stesso. Grazie alla forza interiore, più che a quella manifesta. E alla nudità coraggiosa di chi è in grado di far brillare di già, nonostante la giovane vita, le imprescindibili doti del Syrah autorale, che non ha da essere costretto dalle “infrastrutture” per liberare la propria espressività, ma che deve puntare ad evidenziare solo e soltanto ciò che ne concretizza la reale unicità: profumi e pura piacevolezza.

podere-bellosguardo-vigneEcco, il Syrah 2014 di Podere Bellosguardo non si nasconde dietro a niente; una purezza finanche ingenua ti racconta dei suoi luoghi più di mille parole. Un vino senza filtri, questo è, la cui sanguigna fragranza e la cui turgida pulsazione fruttata restano amplificate dalla straordinaria scia pepata. Ma ciò che scarta di lato e ne scolpisce la trama porta il segno di una speciale acidità. Una acidità “lunga” che sostiene e conforta, infiltrante senza mai risultare tagliente. E’ lei che guida le danze per far sì che i profumi si librino nel verso della freschezza e la trama gustativa mantenga “vibrato”, tono e verticalità.

E se l’annata piovosa ne ha propiziato una certa essenzialità, ha sicuramente contribuito affinché il tenore alcolico restasse una voce accordata dentro a un coro intonato, che ci canta di sottigliezze smuovendo i ricordi più lontani, di petit dejeuner sur l’herbe nelle foreste del Beaujolais, in compagnia dello zoccolo duro della complicità esistenziale e di certe bottiglie “galeotte” di Bourgogne Passe-tout-grain, di cui questo vino ne ricorda l’allure grazie alla verve speziata e all’irresistibile, spigliata carnosità tipica di un vin de pays.

Il Syrah 2014 di Podere Bellosguardo ha beva disarmante, fresca e succosa. La vocazione gastronomica è conclamata. Racchiude nelle proprie maglie la particolare firma di quel microclima, nobilitata da una silhouette che non intende accordare spazi alla ridondanza e all’abbraccio alcolico. E’ l’ultimo esemplare di una storia al tempo stesso giovane e vecchia, iniziata oltre un secolo fa, da quando cioè Nicola Miraglia, bisnonno di Luca e Nicoletta, gli attuali vignerons, nel suo frequente girovagare per campagne e colline ( ricopriva il ruolo di direttore del Ministero della Agricoltura e delle Foreste) non si imbatté in quel luogo appartato e verdissimo chiamato Casentino, per innamorarsene e decidere di acquistare lì un podere che potesse servire ai suoi riposi “via dalla pazza folla”.

pod-bellosguardo_-vigna-in-invernoNon senza mettere a frutto una reale passione però, mutuata evidentemente dalla professione svolta: verificare sul campo le possibilità di attecchimento, a quelle latitudini e a quelle altitudini, di vari vitigni radicati e internazionali. Fra i quali, per l’appunto, il syrah, che poi tanto sconosciuto da quelle parti non era. La vecchia vigna “maritata”, dopo la morte del proprietario e un lungo periodo nel quale la famiglia, di origini campane, decise di non occuparsene più, non ha mai smesso di vivere e fruttificare. Finché non è arrivato Luca, il pronipote, che nel 2006, còlto da fatale innamoramento e ben supportato in questo dalla moglie Lia, vide bene di ripiantare le vecchie marze di syrah del vigneto pre-fillossera per dare linfa ad un progetto tutto nuovo, corroborato poi dalla messa a dimora di materiale ampelografico proveniente dal Rodano. A partire dalla vendemmia 2010, prendono vita le prime (poche) bottiglie di Syrah.

Ecco, non saprei spiegarvi bene il perché questo vino “riesumato”, nato in un luogo che non ti aspetteresti, riesca ad esprimersi in un modo così individuo. So soltanto che lo sta facendo con stile, e che non riesco ad immaginare per lui un futuro meno che radioso. Non tanto per la storia evocativa, quanto per la connaturata capacità di racconto, stimolo indispensabile per le mie prossime partenze, dopo che la neve si sarà sciolta. Soprattutto però, grazie all’anelito più intimo e profondo racchiuso in quel fondo di bicchiere, che porta in dote il profumo di una rosa.

Share
Parole chiave: , , ,

Lascia un commento