Digita una parola o una frase e premi Invio

5-6 novembre alla Stazione Leopolda di Firenze: Vinoè, a cura dei sommelier Fisar

schermata-2017-10-31-a-09-36-43Nella splendida vigna indoor  della Stazione Leopolda di Firenze, il vino in tutte le sue forme e sfumature torna protagonista sugli oltre 120 banchi d’assaggio che accoglieranno i wine lovers per tutta la durata della kermesse, tra etichette celebri e piccole realtà vitivinicole da scoprire sotto la guida dei Sommelier FISAR.

Grande protagonista della masterclass Le Chardonnay en Champagne! di domenica 5 novembre è lo Chardonnay: Cristina WillemsenFier Ce Fît – conduce i partecipanti attraverso un viaggio nelle sfaccettature e nei terroires dello Champagne, dalla Montagna di Reims alla Cote des Blancs, dalla Valle della Marna sino alla Cote de Sezanne.

Alla tradizione vitivinicola tedesca è dedicata la degustazione “Lili Marleen e il Riesling”, una sfida alla curva evolutiva del Riesling, assaggiato in tre momenti della vita enologica: l’annata in corso, la maturità e il lungo affinamento. Diverse annate di Furore Bianco Fiorduva di Marisa Cuomo, Montepulciano d’Abruzzo di Emidio Pepe e il Pergole Torte di Montevertine rappresentano invece l’Italia nelle degustazioni verticali guidate dai Sommelier FISAR.

Tornano anche le tavole rotonde con i grandi esperti del panorama enoico, ad aprire le danze un insight su “La viticoltura italiana: passato, presente e futuro”  guidata da Giuseppe Martelli, Presidente del Comitato Nazionale Vini del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Uno sguardo ad ovest con l’enologo Roberto Cipresso che conduce il pubblico in un viaggio attraverso il Malbec Argentino, dai cactus della provincia di Salta fino ai ghiaccii della Patagonia.

FISAR, da sempre attenta allo studio e alla valorizzazione degli abbinamenti enogastronomici, firma quest’anno una kermesse dai profumi orientali.  I due giovani chef cinesi Francesco e Stefano Dai del ristorante fiorentino Fulin offrono una Luxury Chinese Experience “che guarda più a Pechino che a Shangai”, con piatti gourmet che integrano i piatti della cucina pechinese con le materie prime locali, primo fra tutti l’olio extravergine di oliva. Un esempio perfetto di integrazione e fusione tra culture, fondato sul cibo.

Per il programma completo: www.vinoe.it/programma/info/2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi