Enjoy Collio Experience: tutti pazzi per la Ribolla!

Di • 27 Giu 2018 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio
Stampa questo articolo

logo-collioAccade anche questo: che si continui a piantare ribolla gialla nei vigneti del Friuli, e nel Collio in particolare. Per un semplice motivo: la Ribolla Gialla, intesa come vino, tira. E tira a cominciare dal nome, che piace un sacco, soprattutto ai neofiti. Forse per quell’involontario ammiccamento alla bollicina, irrinunciabile tentazione per ogni bevitore che dir si voglia, o forse per via di una pronuncia -ribolla-  che resta facile per ogni lingua del mondo. Non sto scherzando, trovano posto anche lì, in àmbiti che faccio un po’ fatica a comprendere, le molle emozionali che muovono a una conoscenza, a un acquisto ed a un brand, e di questo non possiamo che prenderne atto. Guardando il bicchiere mezzo pieno invece, ben vengano gli innamoramenti se consentono di valorizzare autentiche autoctonie. Purché non siano di facciata, purché non siano ostaggio della moda del momento. E la Ribolla, ammettiamolo, un po’ trendy lo è.

A suo favore, invero, giocano i “tempi enoici” che stiamo vivendo, dimentichi dell’opulenza e più inclini alla freschezza e alla bevibilità, caratteristiche accondiscese senza sforzo da questo vitigno, forte di una acidità naturale elevata (6-6,5) e di una morigerata alcolicità potenziale.

A suo favore gioca poi la versatilità, attributo buono per tutte le occasioni. Si passa così da versioni “mosse”  (bollicine spigliate ma senza pretese, sovente vinificate in autoclave) a versioni in bianco “tradizionali” (in acciaio), fino agli orange wines o “macerati”, questi ultimi nati e cresciuti sotto la spinta propulsiva della compagine di Oslavia, guidata da interpreti d’eccezione quali Josko Gravner in primis, Radikon, La Castellada, Primosic, Dario Princic, poi diffusasi nell’area di San Floriano (Paraschos, Terpin) e anche più in là (Brda slovena).

ribolla-gialla-770x444Ora, che la naturale propensione della Ribolla Gialla guardi all’immediatezza non è un mistero per nessuno. Chiunque intenda ricercare spessore e profondità in un vino bianco non è che si affidi d’emblée a questa tipologia. Ed ecco allora che forzarne i limiti per riconfigurarne la fisionomia grazie al contributo della buccia ha senz’altro traghettato il paesaggio dei sapori in una dimensione altra, diversa, dialettica, se vogliamo selettiva.

Talvolta, e parlo dei casi più risolti, l’inspessimento in fibra e in tannini ha conferito ai vini un’aura decisamente caratteriale e meno anodina, consentendo loro di scartare di lato rispetto al main stream, ma siamo sempre lì con il conto: il tutto può acquisire senso compiuto se l’approdo non è e non sarà un approdo a metà, cioé condizionato più dal metodo di vinificazione che non dall’essenza del vitigno e del territorio. Ecco, su questo piano molta strada è già stata fatta, ma altra ancora ne resta da fare.

___§___

ca-ronesca-logoCOLLIO RIBOLLA GIALLA 2017  – CA’ RONESCA

Succosa, snella, acida acida, beverina beverina, affilata affilata. Una Ribolla essenziale e filologica. O filologicamente essenziale.

borgo-conventi-logoCOLLIO RIBOLLA GIALLA 2017 – BORGO CONVENTI

Compassato e delicatamente agrumato, di moderata intensità ma di buona ampiezza gustativa, ecco un bianco dall’indole elegante e garbata la cui cremosità non si fa mollezza.

fiegl-logoCOLLIO RIBOLLA GIALLA 2017 – FIEGL

Piuttosto contratto aromaticamente, “secco e duro” senza concessioni, lascia pochi margini al non detto e alle sfumature di sapore.

humarCOLLIO RIBOLLA GIALLA 2017 – HUMAR

Umorale e ruspante ai profumi, la sensazione bucciosa apre ad un gusto più estrattivo di altri, lì dove il timbro acido e citrino consente al vino di riprendersi quote di credibilità. Durezze assortite ne consigliano l’attesa.

cast-di-spessa-logoCOLLIO RIBOLLA GIALLA 2017 – CASTELLO DI SPESSA

Gioviale e spensierato, gioca le sue carte su agilità e freschezza, senza montarsi ulteriormente la testa. La trama, “savasandir”, è affusolata ma non tagliente.

livon-logoCOLLIO RIBOLLA GIALLA RONCALTO 2017 – LIVON

Non troppo esplicita (ma va?) ma lineare e concreta, rilascia sapore e mostra continuità nello sviluppo. L’affidabilità è di casa.

produttori-di-cormonsCOLLIO RIBOLLA GIALLA 2017 – CANTINA PRODUTTORI CORMONS

Piuttosto tranchant nel  finale, per il resto sono sentori fumé (non da legno), droiture, giustezza ed effetto rinfrescante.

colmello-di-grottaCOLLIO RIBOLLA GIALLA 2016 – COLMELLO DI GROTTA

Naso poco in risalto, solcato da lievi screziature non proprio fini. Ne apprezzerai la spinta acida ma, più che in altri casi, sentirai maledettamente la mancanza di “ciccia” e di sapore.

la-rajadeCOLLIO RIBOLLA GIALLA 2016 – LA RAJADE

Succoso, equilibrato, portato al dettaglio, è una tattilità gradevolmente cremosa ad arricchire un andamento fresco e profilato.

norina-pez-logoCOLLIO RIBOLLA GIALLA 2016 – NORINA PEZ

Sia pur in riduzione, fra le pieghe della trama subodori un’annata più risolta rispetto alla 2017. Niente male la continuità, la spinta e lo spessore.

carlo-di-pradisCOLLIO RIBOLLA GIALLA 2016 – CARLO DI PRADIS

Austero ma di buona profondità, l’acidità fa da efficace contrappunto alla dolcezza del frutto, diretta discendenza di una maturazione calibrata e completa. Si distingue.

klin-primosicCOLLIO RIBOLLA GIALLA DI OSLAVIA RISERVA 2013 – PRIMOSIC

Colore ambrato da macerazione sulle bucce, suggestione floreale senza pesantezze, pulizia e accuratezza. Senti il sale, finalmente. Leggermente caldo ma molto piacevole. Soprattutto, non ostruito dai tannini.

klin-primosicCOLLIO RIBOLLA GIALLA DI OSLAVIA RISERVA 2012 – PRIMOSIC

Intriganti toni salmastri e iodati confermano una macerazione ben condotta. Il frutto maturo e “albicoccoso” contribuisce alla melodia gustativa, semmai è il coté più dolce -rispetto alla 2013- che potrebbe incidere sulla piena versatilità con il cibo e con la tavola.

Degustazione alla cieca effettuata a Gorizia nel mese di maggio 2018, nell’ambito di Enjoy Collio Experience.

Share
Parole chiave: , , ,

Lascia un commento