Digita una parola o una frase e premi Invio

24 febbraio a Pisa: Cantina Jazz compie 18 anni!

CantinaJazz diventa maggiorenne domenica 24 febbraio pv, esattamente a 18 anni di distanza dal suo primissimo esordio, il 23 febbraio 2001.  Per l’occasione, stiamo allestendo una puntata formidabile, “i Mille Sapori del Jazz“, da lasciarvi a bocca e orecchie aperte! Ci ritroveremo domenica 24 alle 20 al Lumiére, per una serata in forma classica, coi tavoli e il percorso gustativo articolato in una vera (e ricca) cena. Abbiamo chiamato quattro Cantine che sono state con noi nelle prime puntate della nostra storia, e tutte presentano vini di altissima levatura, per una degustazione in grado di soddisfare i più enofanatici tra voi!

Ecco il programma dettagliato:

L’arrivo del pubblico è previsto per le 20, quando gli spettatori verranno accompagnati al tavolo e riceveranno un calice di Bruvé, fine bollicina di sangiovese rosato di Usiglian del Vescovo che viene abbinata a una mousse di finocchiona del Rosi.
Dando a tutti il tempo di accomodarsi, cominceremo subito lo spettacolo: col palato già allenato dal Bruvé passeremo al Sangiosé 2017, intenso e gradevolissimo sangiovese vinificato in rosato, sempre di Usiglian del Vescovo. Sui tratti gentili ma già di struttura che questo rosato esibisce, degusteremo un antipasto di un ventaglio di salumi del Rosi (dal mitico lardo, delicatissimo, al pregiato salame in punta di coltello) e un crostino tipico toscano a base di patè di fegato.
Il primo rosso in scena è il Poggio alla Pietra 2014, della Fattoria Uccelliera di Fauglia, riuscitissimo esempio di quel Governo all’Uso Toscano che per primo impose i vini toscani all’attenzione del mondo. In questo blend di sangiovese, cabernet e alicante, recentemente premiato dal  Decanter Asia Wine Awards, la morbidezza e la spontanea piacevolezza del Governo sono pilastri per un abbinamento coi rinomati Fusilli del Martelli con ragù bianco di Razza Maremmana della Tenuta di Paganico.
Il secondo rosso in scena è il celebre Veneroso 2015Terre di Pisa DOC, che nel nome richiama la casata dei Venerosi Pesciolini della Tenuta di Ghizzano. Questo blend storico di sangiovese e cabernet che ha ottenuto il “2 bicchieri”del Gambero Rosso, è una magistrale interpretazione del taglio classico toscano, che si esprime al meglio delle sue possibilità, mostrando maturità e giovanilità insieme, e che si presta ad accompagnare uno spezzatino di manzo locale de “Lo Scalco” con cipolle di Certaldo.
L’ultimo momento dedicato al vino vede protagonista il Varramista 2001: avete letto bene, l’annata di 18 anni fa di questo impareggiabile syrah in purezza della Fattoria Varramista. L’assaggio di questo Varramista fa capire oltre ogni discorso cosa vuol dire che un vino “invecchia bene”, che ogni anno di storia aggiunge dei sapori (detti “terziari” dagli esperti) che costituiscono una elaborazione biochimica degli aromi dell’uva fresca. Così in questo vino che diventa maggiorenne contemporaneamente a CantinaJazz si avvertono, insieme alle note tipiche di confetture di frutta rossa, le note terziarie di cacao, liquerizia, cuoio e tabacco, singolarmente armonizzate ed equilibrate, per una esperienza gustativa che si può fare raramente. Si tratta di un vino “da meditazione” che potrebbe essere anche servito da solo, ma che abbineremo al pecorino delle balze con miele al tartufo.
Dopo questa lunghissima degustazione di cinque vini, da freschi a invecchiati, tutti campioni nella rispettiva categoria, abbiamo certamente bisogno di qualcosa che rinfreschi il palato: ci soccorre in modo magistrale la RIBE di Bibbona, azienda da 25 anni impegnata nella produzione dolciaria, che dal 2017 ha lanciato i sorbetti biologici, al 40% di frutta con imballo ecocompatibile, rispettosi dell’ambiente quanto ricchi di gusto e piacevolezza.
E non finisce qui, perché la chiusura è affidata al micidiale uno-due del caffé del Trinci, presidio slow-food del caffé di Cascine di Buti e il “ponce alla livornese” di Taccola1895 di Uliveto Terme: entrambi concepiti per chi non ha problemi ad assumere caffé di sera, ed in grado di ristorare chi si sentisse un po’ fiaccato dopo una degustazione così intensa.
La presentazione tecnica dei vini sarà condotta dalla enologa/sommelier Valentina Panicucci e dagli enologi e docenti di Analisi Sensoriale: Giuseppe FerroniFrancesca Venturi, Angela Zinnai. Tutta la preparazione del cibo è curata dal ristorante “il Tocco“. Sarà disponibile, su richiesta, anche un menu alternativo vegetariano.

Sul palco una formazione in grado di dare tutto lo spessore musicale che serve a questi grandi vini: la stupenda tromba di Andrea Tofanelli è l’ospite speciale dell’Emiliano Loconsolo 4tet in una delle formazioni più affiatate e agguerrite insieme: Piero Frassi al piano, Nino Pellegrini al contrabbasso, Marco Simoncini alla batteria ed Emiliano Loconsolo alla voce e alla direzione artistica. Naturalmente, le poesie di Michele Cristiano Aulicino ci terranno compagnia negli stacchi della musica.
Grazie al sostegno del Lumiere, del Tocco, dei Produttori e della BPLajatico, il biglietto -onnicomprensivo- costa soli 35 euro (ci sono anche pochi posti in poltroncine di fila per chi vuole semplicemente ascoltare il concerto ma senza cena e degustazione, a 12 euro). Naturalmente è obbligatorio prenotare, via email (info@cantinajazz.com) o per telefono/whatsapp al 320 8787288. Ad oggi (lunedì 18) abbiamo già allocato metà dei posti disponibili in sala: chi vuole intervenire si affretti a prenotare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi