Digita una parola o una frase e premi Invio

Macerarsi sui macerati (post a grappolo intero)

Li ho ascoltati fin dai primi passi, i macerati. Ne ho seguito le evoluzioni, ne ho immaginato le possibilità. Mi hanno coinvolto, mi hanno sorpreso, e mi hanno anche fatto arrabbiare.

Non di rado, a parer mio, è mancato un approdo, un approdo di compiutezza che gli facesse scavalcare l’ostacolo del “metodo” per arrendersi alle ragioni del territorio e del vitigno e restarne finalmente coinvolti.

Troppi i vini a metà incagliatisi nel guado di una confusa riconoscibilità, al punto tale da sfiorare la normalizzazione, ciò che nei primigeni intenti si sarebbe voluto rifuggire come la peste.

Eppure una strada c’è e ci dev’essere, per aprirsi ad un respiro tutto nuovo.

Mi è parso di scorgerla, luminosa e maestra, in Matassa Cuvéè Marguerite 2016, lì dove suoli e territorio hanno scansato il metodo fino a ridurlo a un niente, sortendo un effetto liberatorio da urlare ai quattro venti.
Come avvistare una terra dopo tanto navigare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi