Digita una parola o una frase e premi Invio

Arrivare fin qui

Un vino trasfigurato dal tempo, il cui ricordo varietale si è fatto ombra.

I profumi scarnificati che portano su umori di pietra e lieve sottobosco, con l’apparenza disadorna a pompare ancora vita.

La bocca salata, spedita ed affusolata a richiamare maledettamente un Chianti, un vecchio Chianti, anche se Chianti lui non lo è.

C’è la sua terra, quella sì, dopo tanta nudità, alla quale pare aggrapparsi con le ossa e con i nervi, che è poi tutto ciò che gli resta.

Forse non era fatto per arrivare fin qui, ma il suo fremito è struggente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi