Digita una parola o una frase e premi Invio

Le viti che non ho

Vengo via da Cortona anche se sarei dovuto restare. Perché la circostanza di conoscere Arnaldo Rossi ed i suoi vini di pura matrice artigianale imporrebbe di per sé l’approfondimento.

Più di tutte, avrei dovuto conoscere di persona certe viti maritate su a Castiglion Fiorentino; maritate all’acero campestre, viti di una volta, arcaiche geometrie, vera e propria rarità culturale e colturale. In altri termini, reliquie pagane.

A solleticarmi sono state le parole di Arnaldo, che alla sua Taverna Pane e Vino di Cortona ha costruito una carta dei vini in direzione ostinata e contraria che letteralmente mi fece sobbalzare, anni fa, e dalla quale avrei assaggiato TUTTO.

E dopo le parole i vini, in particolare Cibino, le cui uve discendono da quelle viti. Trebbiano, malvasia di candia, canaiolo bianco. Non so se altro ancora.
Frutto di vendemmie scalari su su fino alla tardiva, è un bianco schietto la cui fibra terragna nulla concede alle ruvidezze e alla rusticità, conservando una tiepida solarità in un gusto accordato, goloso, sapido.
La quota parte di macerazione sulle bucce ne esalta lo spessore tattile, senza intaccare i sapori di déjà vu.
La sincerità espressiva smuove l’empatia. Ne apprezzerai il ricordo.

Ma sono quelle viti, quelle viti lì, ad imporre il ritorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi