Digita una parola o una frase e premi Invio

A Vittoriano

Il ricordo di Vittoriano Pierucci, conosciutissimo e stimatissimo cuciniere-titolare del ristorante La Dogana di Capezzano Pianore, uno dei posti più meritevoli e cult della Versilia, lo affido a tre momenti:

1) La sua prima Dogana in Via Sarzanese, dove con gli amici andavamo al sabato sera per ordinare un “primino” , una pizza e per tirarci su di giri. Gli anni Settanta dovevano ancora svoltare. Vittoriano presidiava il forno a legna, aveva un sorriso accattivante e beffardo, emanava simpatia a pelle, la battuta stava nel suo dna. Era un ragazzotto. E anche noi.

Noi andavamo lì perché avevamo pochi soldi, ci trattavano bene e c’era sintonia umana. E poi immancabilmente ci offrivano un intero fiaschetto di Vinsanto come ammazza caffé, e noi lo percepivamo come autentico segno di distinzione. In realtà quel Vinsanto ci lavorava ai fianchi, spazzando via ogni residuale appiglio di sensatezza per trasportarci sulle rotte ballerine di un eccitante deliquio alcolico.
Sì, quella Dogana, quel sorriso e quel Vinsanto restano momenti indimenticabili.

2) La mia cena “a lume di candela” più veloce di sempre, con la voracità la più vorace di sempre, alla Dogana del tempo che fu, con Vittoriano già dietro ai fornelli e con il mood del locale che si era lasciato dietro i modi della trattoria-pizzeria per elevarsi ad una proposta terra-mare più autoriale e personalizzata. Un intero menu degustazione annaffiato di vino (Gravner, quella volta lì) spazzolato in 45 minuti netti. Al cinquantesimo già ci trovavamo di nuovo in strada, satolli, contenti e un po’ storditi dalla inattesa performance, una performance peraltro mai più eguagliata. Però io e quella ragazza là non ci siamo più lasciati.

3) Un flash molto più recente: la sua generosa capigliatura bianco-argentea che lancia lampi di luce nell’aria magica di un piccolo “clos”, un vigneto che era solito curare come un bimbo nelle campagne di Pietrasanta, vicino alla Pieve di San Giovanni. A volte lo incontravo lì, assorto e concentrato nel suo ruolo di vignaiolo artigiano, a progettare vini per passione. Mi sembrava felice.

Oggi però è come se un pezzo di gioventù si fosse definitivamente staccato per andare alla deriva. E il distacco è doloroso.
Ciao Vittoriano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi