Grandine!

Dal gelo un caldissimo sangiovese: La macerazione pre-fermentativa a freddo
GoWine: Presentato il concorso letterario "Bere il territorio"

Per chi suona la campagna

Varietà autoctone del Valdarno Superiore: prime microvinificazioni

E fu prezzemolo per tutti

Vino e olio pugliesi a Castel del Monte

Una lezione di onestà
Alla ricerca del vino e dell'olio perduti

Progetto Piattaforma Ampeleografica

Anteprima 2002 - I Vini della Costa Toscana

Con gli olii alla rivoluzione

La voglia di cambiare

Ceppi di lieviti "autoctoni" per il Chianti

Il bastone senza carota

Il derby del vino

35^ Vinitaly: un primo bilancio

Bianchi di Montagna

Highlight di Toscana: i grandi si presentano

Sommeliers in Polonia

Il Poggio alle Gazze se ne va...

Cosa brilla nella paglia?

Il vino rosso difende dalle malattie cardiovascolari

Chi ha incastrato l'abboccato?

Occhio di falco

Il Treno Toscano delle Dolcezze

Presentato il progetto Enoturismo.it

Con certi pesci bevete il rosso!

L'AcquaBuona premiata a San Miniato

Dal mangiarbere giudizi meno altezzosi

Vini da poveri?

Affluenza record al Wine Festival di Merano

Ancora pareri sulla "DOC Toscana"

Alba: vino e internet a Go Wine

Due anni di AcquaBuona

Vini lucchesi all'Enoteca la Brilla

Introduzione alle Colline Lucchesi

Incontrare Veronelli: prima e seconda parte

In archivio

 

 


"Bianchisti" di tutto il mondo, unitevi! Il Poggio alle Gazze se ne va...

Doveva succedere prima o poi, ed è successo. Sì, perché i segnali c’erano tutti: quante volte sulla nostra strada abbiamo incontrato vignaioli che avevano spiantato il loro trebbiano per aumentare la produzione di vino rosso? Questo forse non era troppo importante, vista la fama di cui gode il trebbiano, e poi in genere erano vigne vecchie, per le quali sperimentazioni anche accanite probabilmente non avrebbero portato a nulla.

Ma lontano dalle luci della ribalta, chissà quante volte sarà successo: un bianco ben riuscito, frutto di qualche buona idea, un modo originale per far esprimere il territorio, un vino che magari aveva una piccola fama locale, una clientela affezionata. Ma il territorio lì si esprimeva meglio sui rossi, e poi oggi come oggi sono questi i vini che vengono venduti meglio. Quindi, via l’uva bianca.

Stavolta la vittima è illustre: ad andarsene è il Poggio alle Gazze, Sauvignon blasonato della Tenuta dell’Ornellaia. Ce lo fa sapere un annichilito Jo Cooke in una “Daily News” di winespectator.com del 18 Febbraio ultimo scorso. La vendemmia 2001 è stata l’ultima, dopo di che, via tutto: cabernet franc e merlot a prendere il posto del sauvignon. Non solo, ma la produzione nel 2001 è stata inferiore al solito, e neanche una bottiglia andrà a dissetare i nostri amici d’oltreoceano. Che sberla, ragazzi: "abolire" un vino che nel 2001 ha preso 91/100 ed è stato piazzato ad un rispettabilissimo 66^ posto nella “top-100” della rivista americana. Anche se, va detto, al numero uno l’anno scorso ci era finito proprio l’Ornellaia...

Il giornalista statunitense scrive che “Antinori non è stato disponibile per alcun commento”, aggiungendo però che “fonti dell’azienda si sono affrettate a precisare che la decisione è stata presa da Lodovico Antinori e dall’enologo Thomas Doroux, senza alcuna indebita pressione del partner statunitense”, che poi sarebbe l’azienda di Robert Mondavi, co-proprietaria della Tenuta.

E adesso, chissà, succederà come per i grandi fatti di cronaca: un giorno un pirata della strada fa una strage tremenda e nei giorni successivi le strade sembrano riempirsi di pirati in ogni angolo, per un paio di settimane i telegiornali ne scovano almeno uno ad edizione. Noi speriamo che almeno in questo caso non succederà: “bianchisti” di tutto il mondo, unitevi!


Riccardo Farchioni
(20/2/2002)

 

   

prima pagina | l'articolo | l'appunto al vino | la parola all'agronomo | in azienda
in dettaglio | rassegna | visioni da sud | la cucina | en passant | mbud
appunti di viaggio | le annate | la guida dei vini | rassegna stampa | sottoscrivi