Digita una parola o una frase e premi Invio

Fernando Pardini

401 Articles19 Commenti

L’Albana come un’onda

Io l’Albana me lo sono sempre immaginato come un’onda, perché a parer mio dell’onda ne conserva la dinamica. Una montata imperiosa di frutto e solarità, tutta rigoglio e fragore (la cui attitudine a travolgerti dipende dal mare in cui ti trovi), seguita dall’inevitabile risacca, più o meno perentoria. Accade poi…

Resistenza

Roberto e Domenica vivono e accolgono al vecchio Casale Eldoro, sulle sponde del fiume Baganza, a Calestano. Un piccolo e grazioso B&B (Il Boschetto), un orto da coltivare, gli animali e poi merende e pranzi (o cene) solo su prenotazione. Sono approdati lì dieci anni orsono, un balzo grande dall’hinterland…

Lavorare con lentezza

Sigillare un caratello rappresenta l’atto supremo di una volontaria resa: abdicare a un mestiere, non intervenire più, non controllare più ma lasciar fare al tempo. Nella misteriosa alchimia microclimatica di una vinsantaia, grazie alla chimica sottopelle di un interscambio naturale e incorrotto, si compie l’ingovernabile, ossia il travaso di una…

Diari d’Oltrepò. “Il vino è una cosa seria”. Ovvero, la resistenza dei vignaioli pensanti/1

Felicemente reduce dalla recente trasferta effettuata in questo triangolo pre-appenninico incastonato fra più regioni (che è già Lombardia ma anche un po’ Piemonte e un po’ Emilia), quel che libera la meraviglia va muovendosi sotto la scorza dell’apparenza e delle strade più battute: sta nei fermenti e nelle anarchiche individualità,…

Maga

Oggi il commendator Maga Lino ha sorriso molte volte, e il suo volto quando sorride ti apre il cuore. Poi ha fumato appena 8 MS in due ore, perché agli acciacchi dell’età e alle imposizioni della disciplina medica risponde con il non collaborazionismo. Abbiamo bevuto Barbacarlo 2015, 2016, 2017. Abbondantemente.…

Come in un caveau

Fare il giro lungo e ritornare qua. Per poter apprezzare, una volta di più, cosa significhi amare il proprio territorio, e fin dove porti una strada, quando a guidarci sia solo e soltanto un sentimento d’affetto. Su al confine, dove le cose e le persone si mischiano in eterno rimbalzo…

Al cuore

Luigi Veronelli era solito portarsi il calice sul cuore quando un vino profumava di grano, un piccolo gesto che racchiudeva in sé tutta la struggente intimità di cui può farsi portavoce una cosa cara, cara come un affetto. E il Macon-Pierreclos Tris des Hauts de Chavigne 2007 di Guffens-Heynen questo…

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi