Archivio rubrica: ‘diVini’

Assaggiati per voi: Fattoria Ca’ Rossa, sui Colli di Bertinoro

Assaggiati per voi: Fattoria Ca’ Rossa, sui Colli di Bertinoro

Di • 14 gen 2015 • Rubrica: Assaggiati per voi, diVini

di Riccardo Farchioni
A oltre dieci anni dal nostro precedente incontro, rieccoci a parlare dei vini di Ca’ Rossa realizzati dall’ intraprendente Massimo Masotti sui colli di Bertinoro, nei pressi di Forlì



Flashback: schegge di assaggi indietro nel tempo. Roagna, Soldera, Poggio di Sotto, La Palazzetta, Rodano, Spagna……

Flashback: schegge di assaggi indietro nel tempo. Roagna, Soldera, Poggio di Sotto, La Palazzetta, Rodano, Spagna……

Di • 7 gen 2015 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
Un Dolcetto d’Alba d’antan, un Dolcetto delle meraviglie (ma è firmato Roagna, e tutto torna!). Poi Brunello in grande spolvero, fra nomi altisonanti e vignaioli veraci: Soldera, Poggio di Sotto e La Palazzetta. Un Merlot interessantissimo (strano!) dal Chianti Classico e un sorprendente, antico Grenache che vien da Saragozza……



“in Bianco”, grandi vini e terroirs a Torino

“in Bianco”, grandi vini e terroirs a Torino

Di • 31 dic 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • Un commento

di Luca Bonci
TORINO – Imponente è la sagoma del Palazzo Carignano, pieno centro di Torino, museo del risorgimento. Imponente è la selezione dei bianchi, dei grandi vini e terroirs che si offrono alla degustazione nell”occasione del congresso AIS dello scorso novembre



Flashback: schegge di assaggi indietro nel tempo. “Giulio”, Ramonet, Tenuta Bonzara, Rampolla, Ar.Pe.Pe…..

Flashback: schegge di assaggi indietro nel tempo. “Giulio”, Ramonet, Tenuta Bonzara, Rampolla, Ar.Pe.Pe…..

Di • 24 dic 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • 2 commenti

di Fernando Pardini
Da uno smagliante Giulio Ferrari ai grandi Borgogna di Ramonet; dai Merlot dei colli bolognesi ai “veri” supertuscans targati Rampolla. Eppoi lui, il Sassella Vigna Regina di Ar.Pe.Pe: il peso dell’aria



50 vendemmie di Emidio Pepe: la verticale storica

50 vendemmie di Emidio Pepe: la verticale storica

Di • 24 dic 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Franco Santini
TORANO NUOVO (TE) – Un privilegiato. Così mi sono sentito quando ho ricevuto la telefonata che mi invitava alla festa per le 50 vendemmie di Emidio Pepe. Simbolo della viticoltura abruzzese e italiana tutta



Flashback: schegge d’assaggio indietro nel tempo/Rousseau, Leroy, Romanée-Conti, Mascarello, Rinaldi e Monfortino… I mostri sacri

Flashback: schegge d’assaggio indietro nel tempo/Rousseau, Leroy, Romanée-Conti, Mascarello, Rinaldi e Monfortino… I mostri sacri

Di • 17 dic 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Massimo Zanichelli
Grand Cru di Borgogna, tre vecchie annate di Barolo; Domaine Leroy, DRC (Domaine de la Romanée Conti), Armand Rousseau, Beppe Rinaldi, Mascarello Giuseppe e figli, Giacomo Conterno…….quando si dice i mostri sacri



Joska Biondelli: un nome nuovo in Franciacorta

Joska Biondelli: un nome nuovo in Franciacorta

Di • 17 dic 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • 2 commenti

di Franco Santini
Gli elementi per una storia già sentita ci sono tutti. Un ragazzo benestante che abbandona la carriera finanziaria nella city londinese per ritirarsi in Franciacorta, dove la sua famiglia risiede da tre generazioni. Qui, nelle tenute di proprietà, decide di fare vino



Barolo 2010: tanta roba! Gli imperdibili, seconda parte

Barolo 2010: tanta roba! Gli imperdibili, seconda parte

Di • 10 dic 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • Un commento

di Fernando Pardini
Seconda e ultima parte dedicata ai Barolo 2010. Agli imperdibili. Fra nomi annunciati, grandi cru e reali, interessantissimi outsider. L’annata 2010 ha accompagnato amorevolmente le fasi fenologiche di accrescimento delle uve nebbiolo, assecondandone la proverbiale natura tardiva e consentendo ai vini di sintetizzare efficacemente tutta la forza espressiva ricavabile dai terroir di provenienza



Beviamo bene, spendendo il giusto/Italia Centro e Sud (e qualche recupero dal nord…)

Beviamo bene, spendendo il giusto/Italia Centro e Sud (e qualche recupero dal nord…)

Di • 3 dic 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Franco Santini
Dopo la puntata del numero scorso dedicata ai vini del centro-nord, proseguiamo in direzione sud il nostro viaggio a caccia di vini capaci di raccontare il territorio e il progetto umano che gli ha dato vita. La domanda che ci poniamo è sempre la stessa: bere bene a prezzi “accessibili” è possibile?



Etna Grand Tour, tappa milanese. I vini del vulcano verso l’Expo

Etna Grand Tour, tappa milanese. I vini del vulcano verso l’Expo

Di • 26 nov 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • 3 commenti

di Paolo Rossi
MILANO – Dopo Roma, il 17 novembre è stata la volta di Milano ospitare con un grande banco d’assaggio i vini del Consorzio Etna Doc. Con il supporto della Delegazione AIS milanese, ben 35 aziende etnee hanno potuto proporre in degustazione i loro vini



Vini di vignaioli 2014, l’allegro ed interessante happening dei vini naturali

Vini di vignaioli 2014, l’allegro ed interessante happening dei vini naturali

Di • 26 nov 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Riccardo Farchioni
FORNOVO DI TARO (PR) – L’allegro happening dei vini naturali di Fornovo di Taro ideato e portato al successo da Christine Cogez-Marzani è cresciuto. Si percepisce subito, appena entrati el tendone della Pro-loco, che lo sguardo si può allargare molto di più che negli anni precedenti. Bene



Merano Wine Festival 2014, tra nuove scoperte e belle conferme

Merano Wine Festival 2014, tra nuove scoperte e belle conferme

Di • 26 nov 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • Un commento

di Lamberto Tosi
MERANO (BZ) – Grande successo anche quest’anno per il Merano Wine Festival, manifestazione di prima grandezza nel panorama degli eventi enogastronomici italiani ed europei



Flashback: schegge di assaggi indietro nel tempo. Barolo, Barbaresco, Chianti Classico, Loira

Flashback: schegge di assaggi indietro nel tempo. Barolo, Barbaresco, Chianti Classico, Loira

Di • 19 nov 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
Di quando il nebbiolo è sempre il nebbiolo, e la Langa è sempre la Langa. Un toscano di ferro, pure se figlio del ’97. La lezione definitiva dello Chenin Blanc della Loira



Les Grands Jours de Bourgogne, terza parte. Nel cuore della Côte de Nuits: Chambolle-Musigny e Morey-Saint-Denis

Les Grands Jours de Bourgogne, terza parte. Nel cuore della Côte de Nuits: Chambolle-Musigny e Morey-Saint-Denis

Di • 19 nov 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • Un commento

di Claudio Corrieri
Escursione coi fiocchi nella Côte de Nuits. Di scena le denominazioni Chambolle-Musigny e Morey-Saint-Denis: il cuore “tenero” della Borgogna. Si susseguono nomi quali Pierre Amiot, Amiot-Servelle, Domaine Arlaud, Ghislaine Barthod, Clos de Tart, Clos des Lambrays, David Duband, Hubert Lignier, Chantal Remy



Beviamo bene, spendendo il giusto/Italia Nord e Centro

Beviamo bene, spendendo il giusto/Italia Nord e Centro

Di • 13 nov 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • 2 commenti

di Franco Santini
Bere bene a prezzi “accessibili”: mito o realtà? Inizia un viaggio nell’Italia del vino a caccia di vini territoriali ed accessibili. Un itinerario su carta alla scoperta di prodotti originali, autentici e convenienti. Non sempre facilissimi da trovare, ma senz’altro capaci di regalarvi una bevuta sincera e ricca di emozioni!



Barolo 2010: tanta roba! Gli imperdibili, prima parte

Barolo 2010: tanta roba! Gli imperdibili, prima parte

Di • 13 nov 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • Un commento

di Fernando Pardini
Fresca & “lunga”. Eppure ben accordata nei vari passaggi stagionali. Giusta, ecco: giusta. L’annata 2010 ha accompagnato amorevolmente le fasi fenologiche di accrescimento delle uve nebbiolo, assecondandone la proverbiale natura tardiva(che bel settembre ha fatto!) e consentendo ai vini di sintetizzare efficacemente tutta la forza espressiva ricavabile dai terroir di provenienza, regalandoci così una delle migliori performance collettive barolesche di questo nuovo secolo.



Flashback. Schegge d’assaggio indietro nel tempo

Flashback. Schegge d’assaggio indietro nel tempo

Di • 13 nov 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Massimo Zanichelli
Prende vita da oggi una nuova rubrica. Sarà un contenitore prezioso di momenti importanti, da raccontare e condividere, a tu per tu con bottiglie che restano e che, per una ragione o per l’altra, non si dimenticano. Insomma, di quando il passare del tempo conduce ad un “vecchieggiare” baldanzoso e stimolante, ché quasi il tempo non lo sente più. Il grande Massimo Zanichelli inizia a dir la sua, qui, su acquabuona.it



Champagne Tribaut Schloesser e cucina toscana: che amore sia!

Champagne Tribaut Schloesser e cucina toscana: che amore sia!

Di • 13 nov 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Roberta Perna
Champagne ed ostriche, Champagne e caviale, Champagne e pesce crudo! Accoppiate vincenti, vero, ma ormai alquanto scontate per un vino, forse il più desiderato al mondo. Ma come se la caverà con la cucina toscana?



Les Grands Jours de Bourgogne, seconda parte. Si entra in Côte de Nuits, tenetevi forte!

Les Grands Jours de Bourgogne, seconda parte. Si entra in Côte de Nuits, tenetevi forte!

Di • 24 set 2014 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Claudio Corrieri
La seconda giornata dei Grands Jours edizione 2014, forse la più importante dell’intero circuito, ci ha completamente sedotti guidandoci fra le denominazioni più appassionanti di tutta la Borgogna, ossia nel cuore della Côte de Nuits: Morey St Denis, Chambolle Musigny,Vosne-Romanée, Clos de Vougeot, Nuits- St- Georges….. solo per citare qualche appellation evocativa e molto stimolante



Collio Malvasia DOC Vigna 80 anni 2012 – I Clivi

Collio Malvasia DOC Vigna 80 anni 2012 – I Clivi

Di • 18 set 2014 • Rubrica: diVini, L'appunto al vino

di Fernando Pardini
Ci sono i vini che passano e vini che restano. La Malvasia Istriana Vigna 80 anni millesimo 2012 de I Clivi ha deciso di restare, prepotentemente restare. Nel ricordo certo, poi nell’immaginario da qui in avanti. D’altronde, che ci vuoi fare, comunica senza infingimenti la sua terra, raccontandotela in modo personale: inevitabile immedesimarsi