Archivio rubrica: ‘Il vino in dettaglio’

Nobile di Montepulciano, fra nomi storici e nuovi produttori

Nobile di Montepulciano, fra nomi storici e nuovi produttori

Di • 22 Feb 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Roberta Perna
MONTEPULCIANO (SI) – I numeri del Vino Nobile di Montepulciano parlano chiaro: 500 milioni di euro tra valori patrimoniali, fatturato e produzione, cifre che tengono ancorato sul podio il comparto vino



Chianti Classico Collection 2017 – L’annata 2014, o della bellezza fragile. Rassegna Gran Selezione e Riserva

Chianti Classico Collection 2017 – L’annata 2014, o della bellezza fragile. Rassegna Gran Selezione e Riserva

Di • 15 Feb 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • 2 commenti

di Fernando Pardini
Fresca fresca dalla Chianti Classico Collection 2017, ecco un’ampia rassegna sull’annata 2014 in Chianti Classico. A cominciare dalle tipologie Riserva e Gran Selezione



Due grandi vini irpini per iniziare bene l’anno

Due grandi vini irpini per iniziare bene l’anno

Di • 1 Feb 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Franco Santini
Come sintesi delle fantastiche bevute di Fiano e Greco degli ultimi mesi, vorrei proporvi i vini di due cantine che a mio modo riassumono i pregi di uno dei più vocati terroir bianchisti d’Italia: originalità, territorialità e qualità accessibile. E quando queste tre cose le trovi tutte insieme, beh, la condivisione è d’obbligo



Rosso Conero, vino rosso marino/4. Le verticali: Conero Riserva Dorico, Moroder e Conero Riserva Rosso Agontano, Garofoli

Rosso Conero, vino rosso marino/4. Le verticali: Conero Riserva Dorico, Moroder e Conero Riserva Rosso Agontano, Garofoli

Di • 25 Gen 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Riccardo Farchioni
Ancora due verticali per due punte di diamante della viticoltura marchigiana protesa sull’Adriatico



Castello di Neive e i suoi Barbaresco. La costruzione di un amore

Castello di Neive e i suoi Barbaresco. La costruzione di un amore

Di • 18 Gen 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
Il vigneto Santo Stefano ti presenta il conto già al solo affacciarsi dal balcone dei Gallina, aprendosi alla vista nella contundente interezza di un morbido abbraccio collinare. Non lo copri con uno sguardo solo, chiede più sguardi, e il suo profilo ha l’ardire di condensare in sé maestosità e rispetto



Qvevri, talhas, ma anche capasoni. Qualche assaggio a “La Terracotta e il Vino”

Qvevri, talhas, ma anche capasoni. Qualche assaggio a “La Terracotta e il Vino”

Di • 18 Gen 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • 3 commenti

di Riccardo Farchioni
IMPRUNETA (FI) – Allora, riassumiamo: quello che vanno cercando i tanti visitatori che assiepano i banchi d’assaggio qui a “La terracotta e il vino” sono probabilmente gli effetti della purezza di un recipiente considerato neutro, che rispetta il risultato naturale della spremitura dell’uva. Un effetto da cercare nei vini di Georgia ed Armenia, di California e Australia, ed anche in tante etichette italiane



Podere Bellosguardo in Casentino. Il Syrah di montagna che viene da lontano

Podere Bellosguardo in Casentino. Il Syrah di montagna che viene da lontano

Di • 11 Gen 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
La sorpresa portava impressa in etichetta l’annata 2013, la terza di sempre per un vino, e una storia, semplicemente sconosciuti. In bella evidenza, senza giri di parole o arzigogoli di nome, il suo contenuto: Syrah



Massimo Romeo, l’artigiano del Vino Nobile di Montepulciano. Lipitiresco in verticale

Massimo Romeo, l’artigiano del Vino Nobile di Montepulciano. Lipitiresco in verticale

Di • 4 Gen 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
Recarsi dal più piccolo produttore di Montepulciano, o quasi, è come riappropriarsi della giusta misura per traguardare le cose e riappacificarsi con il buon senso che le “muove”. La dimensione è familiare, la casa una casa-cantina; di conseguenza le distanze si accorciano e il contatto umano si arricchisce di verità dispiegate e senza filtri.



Al Mercato dei vini della FIVI tira una bella aria

Al Mercato dei vini della FIVI tira una bella aria

Di • 4 Gen 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Lamberto e Vincenzo Tosi
PIACENZA – Il mercato dei vini organizzato da FIVI all’Expo di Piacenza ha raggiunto dei numeri ragguardevoli. Infatti quest’anno il numero di vignaioli presenti è salito ad oltre 400, e le presenze nei due giorni 26 e 27 novembre ad oltre 9000



Rosso Conero, vino rosso marino/3. Le verticali: Sassi Neri di Le Terrazze, Cùmaro di Umani Ronchi, Nerone di Moncaro

Rosso Conero, vino rosso marino/3. Le verticali: Sassi Neri di Le Terrazze, Cùmaro di Umani Ronchi, Nerone di Moncaro

Di • 14 Dic 2016 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Riccardo Farchioni
Tre tappe per tre verticali di Conero Riserva. La viticoltura marchigiana in rosso in tutto il suo splendore



C’è vita su Marte! Clos de la Roche ’99 Rousseau e Château Montrose 2000 sono ossigeno puro

C’è vita su Marte! Clos de la Roche ’99 Rousseau e Château Montrose 2000 sono ossigeno puro

Di • 7 Dic 2016 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
Non si tratta di etichette “a caso” e non so dirvi se la loro nomea vada inquadrata nel segno dell’elettiva esclusività o dell’ovvietà. Ammesso e non concesso che la strabiliante qualità di un sorso possa definirsi “ovvia”, dal momento in cui te l’aspettavi. Ma credo che questo arzigogolo mentale conti poco, oggi. Quello che conta è il risultato terapeutico



Barolo Vignarionda Oddero, la razza non invecchia e i cruciverba saranno tutti nuovi

Barolo Vignarionda Oddero, la razza non invecchia e i cruciverba saranno tutti nuovi

Di • 16 Nov 2016 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio • 2 commenti

di Fernando Pardini
Ci stavo pensando da un po’: ma il Barolo Vigna Rionda di Oddero (Oddero Poderi e Cantine) che fine avrà fatto? Eppure l’incedere solenne di certe vecchie annate si era insinuato stabilmente fra i ricordi miei migliori, assieme al fascino autunnale di un 2001, struggente e malinconico come un blues liquido…



“Selecta” in degustazione a Palazzo Brancaccio

“Selecta” in degustazione a Palazzo Brancaccio

Di • 16 Nov 2016 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Riccardo Brandi
ROMA – C’era solo l’imbarazzo della scelta, lo scorso 24 ottobre, nella splendida cornice di Palazzo Brancaccio, nel cuore di Roma, quando mi sono immerso fra i banchi di degustazione proposti dalla casa di distribuzione Selecta, fondata nel 1989 da Guido Bruzzo, Luciana Schena e Roberto Melloni



Elio Altare e i Barolo Boys, visti oggi

Elio Altare e i Barolo Boys, visti oggi

Di • 16 Nov 2016 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Franco Santini
“Eravamo considerati i ragazzi ribelli. Avevamo sfidato un sistema arcaico e dogmatico, finimmo per essere chiamati “Barolo boys”, i ragazzi del Barolo. Da qualcuno esaltati e posti su un piedistallo, da altri visti come nemici della tradizione e dell’identità della Langa”. Ma che cosa hanno oggi da raccontare quei vini che tanto fecero discutere?



Sei “orange wine” degustati alla cieca

Sei “orange wine” degustati alla cieca

Di • 9 Nov 2016 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Leonardo Mazzanti
LUCCA – Vini particolari per una sera. Interessantissima, illuminante, dialettica degustazione in compagnia di alcune delle etichette più rappresentative di questa corrente di pensiero (e di azione). Protagonista, assieme ai vini, il Friuli.



Rosso Conero, vino rosso marino/2. I protagonisti storici

Rosso Conero, vino rosso marino/2. I protagonisti storici

Di • 9 Nov 2016 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Riccardo Farchioni
Dopo esserci rassicurati che il Rosso Conero “vive e lotta insieme a noi” grazie a nuove generazioni di bravi vignaioli, descriviamo i vini di quelle cantine “storiche” che dagli anni 80, con una anticipazione sulla vocazione autoctonista che anni dopo si sarebbe affermata nel nostro Paese, puntarono sul montepulciano (rinunciando quindi agli “alleggerimenti” del sangiovese) per realizzare vini di struttura e sostanza che conquistarono la critica enologica



BaroloBrunello, i due alti versanti del vino italiano/2: dalla parte del Brunello di Montalcino

BaroloBrunello, i due alti versanti del vino italiano/2: dalla parte del Brunello di Montalcino

Di • 2 Nov 2016 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Riccardo Farchioni
Barolo e Brunello di Montalcino sono curiosamente accomunati da un dato numerico che è poi all’origine di tutto: il numero degli ettari occupati dai vigneti dedicati ai due grandi vini, circa duemila. Per il resto, storie diverse



Rosso Conero, vino rosso marino/1. A caccia di novità, fra i giovani leoni (e leonesse)

Rosso Conero, vino rosso marino/1. A caccia di novità, fra i giovani leoni (e leonesse)

Di • 19 Ott 2016 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Riccardo Farchioni
In basso c’è il mare azzurrissimo e spiagge bianche, in alto il Monte Conero, uno sperone di roccia coperto del verde profondo della macchia mediterranea. È questo il regno in terra marchigiana dell’uva montepulciano che, coltivata mai lontana dal litorale, dà luogo ormai quasi sempre “in esclusiva” al Rosso Conero, un vino valorizzato, oltre che dalle vecchie glorie, dai giovani leoni (e leonesse)



Verdicchio fuori dal coro. Si può fare, quando il canto è intonato

Verdicchio fuori dal coro. Si può fare, quando il canto è intonato

Di • 12 Ott 2016 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
C’era una volta l’anforetta “fazibattagliana”. La sua missione il proselitismo. Casa per casa, negozio per negozio, supermercato per supermercato, a conquistare le masse. Ci furono poi i risvolti opachi di una medaglia, che rischiava fortemente di non luccicare più. Per fortuna, dall’arcipelago Verdicchio, emersero isole felici in grado di direzionare attenzioni nuove su questo eclettico e straordinario vino-vitigno italico



BaroloBrunello, i due alti versanti del vino italiano/1: dalla parte del Barolo

BaroloBrunello, i due alti versanti del vino italiano/1: dalla parte del Barolo

Di • 12 Ott 2016 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Riccardo Farchioni
Nel Paese dei dualismi ci sarà posto per caso anche per quello fra Barolo e Brunello di Montalcino? Sia come sia, assaggiare in sequenza tanti di questi grandissimi vini, confrontando vitigni, stili e territori è un godimento assoluto. Succede a BaroloBrunello: questi sono gli appunti dell’edizione 2015, ma il 12 e 13 novembre arriva quella nuova, a Montalcino