acquabuona.com - italian wine e-zine
Periodico di cultura enogastronomica - In rete dal 1999, per amor di terra

Testata registrata presso il Tribunale di Lucca - ISSN 1592-2855

 
 
Il Gavi d'Antan

di Luca Bonci

Il vino bianco non è più, da tempo, color carta, fresco e da consumarsi in annata. Intere zone bianchiste ormai affermano il valore dei loro vini ben oltre l'anno di invecchiamento, si pensi solo ai Verdicchio marchigiani, ai vini friulani, ai Soave. Se però non è difficile trovare un bianco da terre vocate che sfida i decenni, non è così semplice rompere il tabù della gioventù in denominazioni cosidette minori.

Una eccezione a tale regola la fornisce l'azienda piemontese La Scolca, che mette in commercio un Gavi volutamente invecchiato, almeno dieci anni, e persino in versione doppia, ferma e metodo classico. L'azienda, che rivendica persino di avere inventato la tipologia, produce vino da decenni e, dopo essersi lanciata negli anni 70 nella spumantizzazione del Gavi, è poi tornata al vino fermo, ma in versione "D'Antan," un nome che è un omaggio a François Villon: un vino della memoria.

Il Gavi La Scolca d'Antan 1997 ha raggiunto il decennio necessario all'entrata in commercio, e ci si presenta di color paglierino intenso e con profumi cipriati, alpini, balsamici. Un invecchiamento in acciaio che ha lasciato libero il frutto di terziarizzarsi senza contributi esterni, con un lento affinamento sur lie e senza nessuna chiarifica. La bocca è vigorosamente acida, agrumosa, e di nuovo riemerge una nota di gemma d'abete, in un contesto non consistente, ma aromaticamente lungo. Un grande esempio di vitalità che non è però fine a se stesso, ma indirizzato alla piacevolezza.

Soldati La Scolca D'Antan VSQPRD 1995 è invece il metodo classico, che presenta una componente aromatica fortemente centrata sui lieviti, con sentori di crosta di pane bruciata, acuti e intensi. In bocca il vino è più voluminoso e sapido, grazie naturalmente al contributo delle bollicine, e richiama la roccia d'ardesia. Bella prova per uno champenoise peculiare e intrigante.

19 febbraio 2008

 
 

prima pagina | la parola all'agronomo | l'appunto al vino | l'articolo | in azienda | in dettaglio | en passant | affari di gola
presa diretta | mbud | rassegna | la cucina | appunti di viaggio | assaggiati per voi | visioni da sud | sottoscrivi | scrivici
acquabuona.com - italian wine e-zine