Articoli per la parola chiave ‘vini toscani’

Vino Nobile di Montepulciano Crociani: di tanto amore. O della autenticità di un cantastorie

Di • 31 Ott 2018 • Rubrica: diLuoghi, In cantina

di Fernando Pardini
Statura autorale dal fascino antico, i vini di Susanna Crociani, da Montepulciano, parlano al cuore con la sincerità e la profondità dei migliori esemplari della specie, sotto l’egida di una manifattura classica nei gesti e nei modi. Che sono poi i gesti e i modi di una vignaiola ostinata e sui generis, la cui coscienza critica e la cui dolcezza d’animo sono le apparenti dicotomie di un carattere forte e passionale, impermeabile ai ricatti dell’omologazione stilistica e dei deja vu.



Poderi Boscarelli a Montepulciano: nobile l’animo, Nobile il vino. Con proprietà transitiva

Di • 24 Ott 2018 • Rubrica: diLuoghi, In cantina

di Fernando Pardini
Con la scusa e il supporto di una profonda verticale di Vino Nobile di Montepulciano focalizzata sugli ultimi 15 anni di Boscarelli, tratteggiamo una storia speciale che ha portato una famiglia genovese ad approdare in Toscana per realizzare vini identitari e senza dar niente per scontato. Come il fatto che in ognuno di quei vini, e in ogni passaggio di tempo ( di stile), sia possibile rintracciarvi il carattere dei loro artefici.



Montalcino? Montepulciano? No, Capitoni. E non sono “Frasi” fatte

Di • 17 Ott 2018 • Rubrica: diLuoghi, In cantina

di Fernando Pardini
Di questa storia mi piace tutto. Perché approda alla terra provenendo dalla terra. E perché ci parla di una “contadinità” esperita per discendenza, votata per sua natura alla concretezza e impregnata di gesti antichi e familiari. Si è presa l’impegno di rappresentare ai massimi livelli -perché questo fa- un territorio vinicolo sottostimato come quello dell’Orcia senese. Insieme alla storia, ecco la verticale completa del mitico Frasi, vino-simbolo di un intero distretto.



Primi freschi di fine estate in compagnia dei Rosso di Montalcino. Panoramica sull’annata 2016, con qualche (importante) eccezione

Di • 29 Ago 2018 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Ferrnando Pardini
Le prime suggestioni ricavabili dai Rosso di Montalcino usciti sui mercati quest’anno e discendenti da una annata tanto attesa come la 2016, lasciano ben sperare circa l’effettiva qualità di quella vendemmia. Ne discende un quadro d’insieme sicuramente stimolante, che pone a fondamento una crescente messa a fuoco stilistico-interpretativa ma che non è esente da qualche piccola criticità…



Lamole di Lamole, una terrazza di cielo e vigne

Di • 4 Lug 2018 • Rubrica: diLuoghi, In cantina

di Roberta Perna
Puoi aver degustato un vino più e più volte, puoi esseree in grado di coglierne ogni sua più minuta sfumatura ed elencarne ogni particolarità, puoi conoscere la sua storia, il numero di bottiglie prodotte, i gradi alcolici e le migliori annate, ed essere così certo di sapere ogni cosa di lui. Ma quando ti ritrovi nella sua terra, dove tutto ha avuto (ed ha ancora) inizio, allora ogni nozione si azzera, vogliosa di ripartire da un nuovo punto e con un’altra prospettiva.



Brunello di Montalcino Riserva 2012. A bocce ferme (impressioni d’estate)

Di • 27 Giu 2018 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
Sul principiare dell’estate, ecco il punto sui Brunello Riserva 2012, l’annata attualmente in commercio. Fra luci ed ombre, ad una generalizzata piacevolezza, al senso dell’equilibrio e alla versatilità fanno da contraltare una dote tannica non sempre ineccepibile e uno stato evolutivo in taluni casi apparso un po’ avanzato. Non mancano però i primattori, e i vini da non mancare per niente al mondo.



Muralia, ovvero scappare dalla città per andare a vivere in Maremma

Di • 20 Giu 2018 • Rubrica: diLuoghi, In cantina

di Roberta Perna
Mollare tutto e cambiare vita: il sogno di tanti, il traguardo di pochi. Stefano e Chiara sono tra quelli che ce l’hanno fatta. Milanesi di origine, nel 2003 hanno deciso che la Maremma avrebbe rappresentato il loro nuovo destino.



TerraNobile Montepulciano: presentata la nuova associazione di produttori di Vino Nobile

Di • 11 Apr 2018 • Rubrica: Attualità e idee

di Riccardo Brandi
E’ a Montepulciano che si è concretizzata una interessante iniziativa a firma di dieci produttori del territorio dell’omonimo Vino Nobile che hanno dato vita all’associazione TerraNobile Montepulciano. La presentazione è avvenuta lo scorso 15 febbraio in occasione della presentazione in anteprima delle ultime annate



Chianti Classico 2016. Ci sono rose, e fioriranno. Parte prima

Di • 14 Mar 2018 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
FIRENZE – Rispetto delle proporzioni, freschezza, reattività. E un tannino da Sangiovese che sprizza orgogliosamente gioventù per delineare un temperamento “classico” più incline al dettaglio e alle sfumature di sapore che non alla presenza scenica o alla pienezza delle forme. Queste, in estrema sintesi, le doti implicite ed esplicite ricavate dai primi incontri ravvicinati con i Chianti Classico 2016 avvenuti nel corso dell’attesissima Chianti Classico Collection fiorentina



Brunello di Montalcino 2013: da qui al futuro. Intro e seconda parte

Di • 1 Mar 2018 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
Un’annata classica e “vecchia maniera”, di quelle che ormai non si trovano più, concretizzatasi in Brunello dialettici e da ascolto attento, vini di prospettiva, di grande freschezza (acida), apparentemente spigolosi ma brillantemente vitali. E se non tutte sono rose e fiori, c’è di che appassionarsi e gioire. Anche se una qualità più diffusa sarebbe una circostanza alquanto auspicabile, viste la nomea e il blasone…



Brunello di Montalcino 2013: da qui al futuro. Intro e prima parte

Di • 21 Feb 2018 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
Un’annata classica e “vecchia maniera”, come quelle che non si trovano più. Concretizzatasi in Brunello dialettici e da ascolto attento, vini di prospettiva, di grande freschezza (acida), apparentemente spigolosi ma brillantemente vitali. E se non sono tutte rose e fiori, c’è di che appassionarsi. Anche se una qualità più diffusa sarebbe una circostanza alquanto auspicabile, viste la nomea e il blasone…



Focus Chianti Rufina. Alla ricerca di un nuovo Rinascimento. Interpreti e vini. Prima parte

Di • 15 Nov 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
C’è stato un tempo in cui, enologicamente parlando, la Rùfina era la Rùfina. In Toscana, e anche più in là, non ce n’era per nessuno. O quasi. Da questo struggente avamposto prepotentemente verde e collinare situato a nord-est di Firenze, già in odor di Appennino, hanno preso vita rossi carismatici in grado di conquistare traguardi importanti grazie ad alcune comprovate virtù…



Sangiovese di Toscana e annata 2013: la coppia perfetta. Ricordi e suggestioni da una bella degustazione chiantigiana. Seconda parte

Di • 20 Set 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
Ulteriore puntata riguardante una degustazione tanto istruttiva quanto emozionale. Per fare il punto su privilegi e potenzialità di vini chiantigiani a base sangiovese in rapporto ad una annata decisamente centrata. Qui etichette celebri, rossi di nicchia, mitizzati supersangiovese



Sangiovese di Toscana e annata 2013: la coppia perfetta. Ricordi e suggestioni da una bella degustazione chiantigiana. Prima parte

Di • 13 Set 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
Quelli che seguono sono i pensieri e le parole scaturiti da una degustazione pregnante, composita ed interessantissima, che ha preso a tema due capisaldi della nostra predilezione : il Sangiovese, nella sua declinazione toscana, e una grande annata. Fra grandi classici e selezioni



Il talento di Talenti e la riconquista della luce

Di • 23 Ago 2017 • Rubrica: diLuoghi, In cantina

di Fernando Pardini
Se a Montalcino c’è una cantina i cui progressi qualitativi, da qualche vendemmia a questa parte, si sono tramutati in felice evidenza, questa è la cantina di Talenti. Con crescente regolarità, nei miei personali taccuini di degustazione i rossi di Riccardo Talenti ci hanno preso gusto ad insediarsi nei piani alti altissimi del bere bene ilcinese.



SanCarlo a Montalcino. Il richiamo della terra e il Brunello “antico” che non scordi

Di • 7 Giu 2017 • Rubrica: diLuoghi, In cantina

di Fernando Pardini
I vini, i loro vini, mi hanno condotto fin qui, a SanCarlo. Loro sono stati il pungolo e il viatico di una montante curiosità. Grazie alla schiettezza e al temperamento. E grazie a quella robustezza buona che ne accompagna fedelmente le trame, intrise di veracità e sapore



Tenuta Trerose a Montepulciano. L’onda lunga del lago e la benedizione di Santa Caterina

Di • 12 Apr 2017 • Rubrica: diLuoghi, In cantina

di Fernando Pardini
Se avrete occasione di recarvi alla Tenuta Trerose di Montepulciano non potrete non convenire su un paio di aspetti che saltano agli occhi: primo, ammazza quanto è bello il posto! Subito ti accoglie, e subito ti infonde un senso di placida rilassatezza. E’ proprio un bel vedere



Sanlorenzo a Montalcino, una storia giovane e autenticamente contadina. E una verticale di Bramante fra passato e futuro

Di • 29 Mar 2017 • Rubrica: diLuoghi, In cantina

di Fernando Pardini
Anche nella sfavillante contemporaneità della Montalcino vitivinicola esistono storie contadine i cui attori sono reali contadini. Magari da generazioni. L’avreste detto mai? Merce rara, mi si ribatterà, eppure è così: può accadere



Contucci a Montepulciano. L’orgoglio di un vino Nobile e “resistente”. E una verticale lunga cinque decadi

Di • 22 Mar 2017 • Rubrica: diLuoghi, In cantina

di Fernando Pardini
D’accordo, il contesto è portatore sano di suggestioni. E potrebbe renderti psicologicamente succube di una bellezza antica ma al tempo stesso ancora pulsante e viva. Quella in cui ti trovi immerso



Brunello di Montalcino 2012: un’annata di luce che non ha escluso le ombre. Prima parte

Di • 22 Feb 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio

di Fernando Pardini
MONTALCINO (SI) – L’attesa fremente riservata alla edizione 2017 di Benvenuto Brunello era dovuta al fatto che già da tempo si rincorrevano voci insistenti circa la straordinaria (inattesa?) qualità della vendemmia 2012, una vendemmia che in tutto il resto della Toscana, peraltro, non aveva sortito meraviglie