L'AcquaBuona: periodico di cultura enogastronomica
In rete dal 1999, per amor di terra

Testata registrata presso il Tribunale di Lucca - ISSN 1592-2855
Direttore responsabile: Fernando Pardini
Vicedirettore: Claudio Mollo

L'AcquaBuona, rivista enogastronomica, si trova esclusivamente sulla rete. Non esiste una versione di carta e non esiste una redazione convenzionale nel senso che, come per ogni entità realmente virtuale, i redattori sono delocalizzati sulla rete, anche se non disdegnano di ritrovarsi di tanto in tanto in carne e ossa, specialmente seduti attorno a un tavolo.

Nata nel giugno dell'ultimo anno dello scorso millennio, la rivista si prefigge di parlare di vino, cibo e buon vivere, sfruttando questo nuovo e facile mezzo di diffusione, che è internet, per comunicare col mondo, con gli appassionati e con le aziende del settore.

Dall'iniziale idea già molte cose sono cambiate, sono aumentati i servizi e le rubriche, e nuovi collaboratori si sono associati all'impresa, ognuno con la sua professionalità e, ci fa piacere dirlo, tutti mossi da sincera passione.

Dal 2003 L'AcquaBuona ha smesso la sua veste puramente virtuale per immergersi nel mondo reale, organizzando eventi, degustazioni, incontri. Infine, il 15 giungo 2007, otto anni dopo l'esordio in rete, inizia il suo cammino www.acquabuona.com, versione in lingua inglese della rivista.


L'AcquaBuona
è:

Luca Bonci, insieme a Riccardo Farchioni ha fondato nel 1999 L’AcquaBuona. Cura la veste grafica e gli aspetti tecnici legati al funzionamento del sito senza però trascurare gli oneri degustativi e redazionali che fanno de L'AcquaBuona una rivista ricca di contenuto.
l.bonciacquabuona.it

Riccardo Farchioni, scrive di vino, gastronomia e agroalimentare di qualità. Assieme a Luca Bonci ha fondato nel 1999 L’AcquaBuona. Direttore editoriale, gestisce le relazioni con i lettori e con la stampa. È membro dell'ASA (Associazione Stampa Agroalimentare)
farchioniacquabuona.it

Fernando Pardini, toscano, giornalista pubblicista infatuato di vini, terra e contadinità, fin dall'inizio nell'avventura come una delle colonne degustatorie della rivista. Suo L'appunto al Vino così come molte altre scorribande contate su vignaioli, vini, viaggi, rassegne e suggestioni. Con buone dosi di ingenuità, è fermamente convinto che i messaggi della terra - con i gesti che li sottendono - siano sostanzialmente incanto. Dal 2002 al 2006 collabora con Luigi Veronelli nel glorioso periodico Veronelli EV, per il quale scrive di vino e olio (sua la rubrica fissa "Le intimità dell'olio"). Dal 2003 è collaboratore della Guida dei Vini de L'Espresso.
pardiniacquabuona.it

Vincenzo Ramponi, da sempre appassionato di vino e whisky. Sommelier diplomato col primo corso triennale tenuto dall'AIS Versilia anni fa, quando ancora sembrava così strano stare ore a parlare intorno a una bottiglia. Il suo appoggio morale sta sotto a molti degli articoli che leggerete.
ramponiacquabuona.it

Lamberto Tosi, laureato in Scienze Agrarie a Pisa e specializzato nell'informatizzazione delle aziende agricole, collabora con aziende della Toscana come consulente Vitivinicolo, fa parte della Commissione di degustazione delle Doc della Camera di Commercio di Lucca, è Assaggiatore di olio metodo COI iscritto all'albo Nazionale e si occupa anche di Agricoltura Biologica. Scrive gli articoli tecnici de La parola all'agronomo, oltre a pezzi di carattere generale.
tosiacquabuona.it

A L'AcquaBuona collaborano:

Riccardo Brandi (brandiacquabuona.it), romano, affronta con rigore un lavoro votato ai calcoli ed alla tecnologia avanzata nel mondo della comunicazione. Valvola di sfogo a tanta austerità sono le emozioni che trae dalla passione per il vino di qualità e da ogni aspetto del mondo enogastronomico. Ha frequentato corsi di degustazione (AIS), di abbinamento (vino/cibo), di approfondimento (sigari e distillati) e gastronomia (Gambero Rosso). Enoturista e gourmet a tutto campo, oggi ha un credo profondo: degustare, scrivere e condividere esperienze sensoriali.

Fabio Cimmino (cimminoacquabuona.it), laureato in economia, amante dello sport, dei viaggi ... e del buon vino. Folgorato da un articolo apparso sul Sole24Ore in cui si parlava di Opus One. Collabora con L'AcquaBuona dall'inizio del 2002, scrivendo nella rubrica Visioni da Sud, dove parla della sua terra, la Campania felix, e della emergente vitivinicoltura del meridione d'Italia.

Andrea Gabbrielli (gabbrielliacquabuona.it), romano, è testimone della rinascita del vino italiano che ha vissuto nella veste di fondatore (1978) della storica enoteca capitolina Cavour 313 e, dal 1987, come collaboratore del Gambero Rosso. Dal 1989 al 1996 è caporedattore della guida Vini d'Italia. Giornalista, collabora con numerose riviste specializzate ed è autore di numerose pubblicazioni (ricordiamo fra gli altri "Pierluigi Talenti. L'altro Brunello" per i tipi di Veronelli Editore e i volumi dedicati ai vini di Toscana, di Sicilia, delle Isole minori). Nel 1990 ha vinto il premio letterario internazionale Barbi Colombini per un articolo sul Brunello di Montalcino. Nel 2005 è stato nominato dalla Provincia di Lecce presidente del Premio giornalistico internazionale “Salento Negroamaro”. Per L'AcquaBuona scrive di "Cronache, ricordi, assaggi, anticipazioni".

Claudio Mollo (c.molloacquabuona.it), giornalista enogastronomo ed esperto in comunicazione, scrive su numerose testate specializzate italiane e straniere. Autore di libri sulla tradizione gastronomica, segue da diversi anni le evoluzioni delle nuove tendenze culinarie internazionali. Divulgatore e promotore dell'agroalimentare nazionale di qualità, collabora da lungo tempo con l'alta ristorazione, mentre per il settore vino, segue da vicino le vicissitudini dell'enologia italiana e spagnola.

Marco Pala (palaacquabuona.it), grande amante dei vini e della ricerca del gusto ha dalla sua la conoscenza di terre diverse. Corrisponde ora dalla Francia, ove approfondisce la conoscenza della tradizione enogastronomica d'Oltralpe. Appassionato di bollicine.

Paolo Rossi (p.rossiacquabuona.it), versiliese, laureato in lettere, lavora a Milano nel campo editoriale. Nel vino e nel cibo cerca il lato emozionale, libertario, creativo. Insegue costantemente la bottiglia perfetta, ben contento che la sua ricerca non sarà mai appagata.

Franco Santini (santiniacquabuona.it)), abruzzese, ingegnere per mestiere, giornalista per passione, ha iniziato a scrivere nel 1998 per L'Ente Editoriale dell'Arma dei Carabinieri. Pian piano, da argomenti tecnico-scientifici è passato al vino e all'enogastronomia, e ora non vuol sentire parlare d'altro! Grande conoscitore della realtà vitivinicola abruzzese, sta allargando sempre più i suoi "confini" al resto dell'Italia enoica. Sceglie le sue mète di viaggio a partire dalla superficie vitata del luogo, e costringe la sua povera compagna ad aiutarlo nella missione di tenere alto il consumo medio di vino pro-capite del paese!

Lola Teale (lolatealeacquabuona.it), dopo la laurea in storia e il master "Arte di Scrivere", si è dedicata alla traduzione dall'italiano all'inglese cercando di unire le sue passioni e origini in una cosa sola: la storia, scrittura creativa e l'enogastronomia da una parte e la lingua e cultura inglese dall'altra. Dalla fine del 2006, oltre ad avere altre collaborazioni come traduttore freelance, si occupa di tradurre gli articoli per il sito inglese www.acquabuona.com.


L'AcquaBuona, rivista in rete, è proprietà editoriale di ab.com Srl, società con sede in Via Santa Maria, 19 a Pisa (PI). La riproduzione di brani e immagini su qualunque mezzo è libera, purché non con scopi commerciali, con la sola richiesta di citazione della fonte. In questo senso L'AcquaBuona aderisce ai principi del copyleft.