Digita una parola o una frase e premi Invio

Il Rosennano Chianti Classico 1982

Vedo questa bottiglia in un angolo dello sgabuzzino della casa natia, tenuta rigorosamente in piedi tra saponi e cianfrusaglie varie. La osservo: livello giusto, trasparenza in controluce buona e assenza di fondo… Sai cosa, provo ad aprirla.

Ovviamente il tappo si disintegra appena provo ad estrarlo ma non demordo. Nel bicchiere fa la sua figura, rubino intenso con unghia appena tendente all’arancio. Al naso manifesta qualche problemino legato alla conservazione ma nemmeno così marcato, ricorda la marmellata di more e la leggera ossidazione richiama un Vin Santo Occhio di Pernice. In bocca mi stupisce l’acidità, ancora ben presente, e una certa sapidità che lo rendono ancora apprezzabile. Sull’etichetta si leggono 12 gradi alcolici ma dimostra un corpo tutt’altro che esile.

Assaggiato il giorno dopo è migliorato in freschezza e ha tirato fuori una interessante nota di tamarindo.

Ma pensa te che sorprese possono regalare certi vini d’antan abbandonati al proprio destino in un angolo di uno sgabuzzino!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *