Digita una parola o una frase e premi Invio

Un posto nel mondo

Tiratura super limitata, manico artigiano. Arnaldo Rossi, noto ristoratore cortonese (Taverna Pane e Vino), eclettico cercatore di vini “via dalla pazza folla” e, dal 2004, vignaiolo di nicchia in quel di Castiglion Fiorentino, ha inteso dedicare questo suo Sangiovese ad un condottiero e capitano di ventura, Giovanni Acuto, che da quelle terre passò e in quelle terre si fermò.
E forse, a un Sangiovese che cresce da queste parti (fino a poco tempo fa circostanza assai rara), un po’ del coraggio del condottiero gli ci vuole, per guadagnarsi un posto nel mondo.

Ora, sarà che giocava in casa e aveva il fattore campo dalla sua, ma qualcosa di sorprendente questo Sella dell’Acuto lo possiede: mi colpiscono intanto i suoi 12 gradi alcol nonostante provenga da una annata tribolata e siccitosa come la 2017. Mi colpisce per misura, spontaneità, senso dell’equilibrio.
Nessuna rusticità nei paraggi, ne apprezzi la vocazione gastronomica e insieme la correttezza formale.
La chiusura affusolata gli regala rilievi sapidi e un digradare sfumato.
E’ una presenza non urlata la sua, senza schiamazzi, senza prosopopea, senza arroganza di frutto. Non era facile, in una annata così.
Ma per un condottiero, questo ed altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi