Digita una parola o una frase e premi Invio

Brunello 2015 vs Brunello 2016: due grandi annate a confronto

Come ormai accade da cinque anni, la settimana prenatalizia è occasione per la testata con base a Roma Vinodabere.it di mettere in scena una singolare quanto interessante “sfida” enoica: l’annata prossima al commercio contro quella precedente del Brunello di Montalcino. In questo caso, 2016 vs 2015.

Farla in questo annus horribilis 2020 ha richiesto coraggio e intraprendenza fuori dal comune. Un plauso sincero, quindi, agli amici di Vinodabere, che sono riusciti in un’impresa tutt’altro che scontata. A posteriori, le cose si sono svolte in maniera professionale e sicura sotto tutti punti di vista, e posso quindi raccontare serenamente come è andata.

Partiamo dai numeri. Erano 24 i degustatori accreditati, tra giornalisti, buyer, ristoratori, enotecari, sommelier. Ben 80 i vini in esame (37 del 2016, 37 del 2015 e 6 Riserva 2015) di 38 produttori diversi. Mancavano alcuni nomi simbolo per la denominazione (e speriamo nella loro adesione in futuro, perché di contest seri, onesti intellettualmente e super partes come questo se ne incontrano pochi in circolazione), ma la rappresentanza era più che degna e sufficiente a fare il punto su un’accoppiata di vendemmie su cui sono state spese tante parole.

Veniamo ai risultati, che cercherò di commentare dal mio punto di vista di ingegnere pentito. La degustazione, rigorosamente alla cieca (senza poter sapere né etichetta né annata), si è svolta presso l’Osteria Poerio di Roma, che spesso ospita le belle iniziative della “combriccola” romana. Il “metodo” Vinodabere prevede l’assegnazione di punteggi con la classica scala centesimale e un’integerrima media aritmetica che non ammette deroghe.

Di seguito l’elenco dei 20 vini che hanno riscosso il maggior consenso (con accanto il punteggio medio):

Brunello di Montalcino  2015 – Pian delle Querci – 90,91

Brunello di Montalcino  2015 – Ventolaio – 90,55

Brunello di Montalcino  2015 – Terre Nere – 88,91

Brunello di Montalcino  2016 – Collemattoni – 88,86

Brunello di Montalcino  2015 – Collemattoni – 88,86

Brunello di Montalcino Vigna del Fiore 2015 – Fattoria dei Barbi – 88,86

Brunello di Montalcino  2015 – Caparzo – 88,82

Brunello di Montalcino  2016 – Argiano – 88,82

Brunello di Montalcino  2015 – Altesino – 88,73

Brunello di Montalcino  2016 – Tenuta di Sesta – 88,73

Brunello di Montalcino Riserva  2015 – Corte dei Venti – 88,73

Brunello di Montalcino  2016 Lisini – 88,68

Brunello di Montalcino  2015 – Tenuta di Sesta – 88,68

Brunello di Montalcino  2016 – Matè – 88,64

Brunello di Montalcino  2015 – Mastrojanni – 88,59

Brunello di Montalcino  2015 – Argiano – 88,50

Brunello di Montalcino  2016 – Franco Pacenti – 88,41

Brunello di Montalcino  2015 – Lisini – 88,36

Brunello di Montalcino Peisante 2016 – La Rasina – 88,36

Brunello di Montalcino  2015 – Matè – 88,32

A leggerla con un po’ di curiosità si nota come 8 dei primi 10 vini più votati siano dei 2015, a riprova forse della maggior prontezza e leggibilità di cui parlavamo prima.

Singolare poi che solo un paio di vini abbiano superato la soglia dei famosi 90 points, staccandosi abbastanza nettamente dal resto. Abbiamo avuto il “braccino” (o meglio, il “palatino”) corto, mi verrebbe da dire, andando a confrontare con i punteggi scoppiettanti che gli stessi vini hanno registrato altrove. Ma, lasciatemi dire, è una questione di scala matematica che interessa il giusto… A ben guardare, tutti i vini dal terzo al ventesimo sono racchiusi in circa mezzo punto di differenza, a indicare che sono tutti vini eccellenti e di mirabile fattura e qualità.

 

 

 

Per chiudere qualche nota sui vini che sono piaciuti di più al sottoscritto. Confermo di aver amato la coppia di testa. Al Brunello di Montalcino  2015 – Ventolaio ho assegnato un punteggio di 95 punti: austero e complesso a primo impatto, elegante e sfaccettato, potente in bocca ma fresco, sanguigno, ampio: bellissimo insomma!

Al Brunello di Montalcino  2015 – Pian delle Querci appena un punto in meno: complesso e articolato, fine, balsamico, tanto fresco da apparire quasi mentolato, snello e succoso.

Personalmente ho dato punteggi molto alti anche a entrambe le annate dei Brunello di Caparzo, di Franco Pacenti, di Collemattoni e di Fattoi.

Mi sono piaciuti molto anche il 2015 di Podere Canapaccia, di Carpineto e di Lisini, il 2016 di Tenuta di Sesta, Ridolfi, Fattoria dei Barbi e Corte dei Venti.

Che dire? una gran bella esperienza, con la speranza di avere presto la possibilità di una conoscenza più intima con molti di questi campioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi