Digita una parola o una frase e premi Invio

L’ultimo dei romantici

Uno dei rarissimi casi di Chianti Classico elaborati secondo il “governo all’uso toscano“. Uno dei rari Chianti Classico affinati in fusti di castagno.
Lamole, d’altronde, è una nicchia antropologica, umana e paesaggistica cristallizzatasi nel tempo, dove più forte ti apparirà il retaggio delle antiche consuetudini contadine, ingenuità comprese.
Lì vi ho conosciuto Anna Maria Socci e Giuliano Macinai, vignaioli, floricoltori e compagni di vita.
La famiglia di Anna Maria è stata una delle poche che decisero di restare a Lamole in tempi di abbandono. Per vivere continuarono a coltivare gli amati giaggioli, per consolarsi un pezzo di vigna alle Masse, ad altitudini fra le più significative dell’intero territorio chiantigiano.
Nei loro modi, negli sguardi e nelle parole vi ho rintracciato la semplicità e l’umano candore. Questo vino – annata 2009 – ne riflette l’indole.
Lui non cerca la complessità, né possiede il passo signorile del vino di razza. Resta umile, giocando la sua partita sull’istinto, la spontaneità, la franchezza, evocando semmai certe compagnie ridanciane e disinvolte attorno a una tavola imbandita, tavola quotidiana.
Eppure il tempo, come in ossequioso rispetto, gli ha concesso di arrivare fino a qui senza ferirlo.
Il fluire di una vitalità ancora giovanile è annunciato dal rigoglìo del frutto rosso del bosco e letteralmente sorretto da una potente scia floreale di giaggiolo, della sua terra la firma.
___§___

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi