Digita una parola o una frase e premi Invio

Brunello Off (Broadway)

Ma a Montalcino esisteranno cantina e persona più distanti dal circo delle vanità e dal frastuono mediatico di Il Colle e Caterina Carli?
Io dico di no.

Profilo basso, lavorio zitto, dimensione prepotentemente familiare, nella testa e nel cuore ci sono gli insegnamenti del padre, iniziatore della specie, e quelli dell’indimenticato Giulio Gambelli, mastro assaggiatore, che collaborò con la cantina quando lei era ancora ragazzina. E’ sempre lui, idealmente, ad instradarne l’approccio enologico, un approccio delicato, rispettoso, tradizionalista ortodosso e finanche sentimentale nei confronti del sangiovese dei luoghi.

Con una caratteristica: Caterina era solita immettere i vini sul mercato solo quando li riteneva pronti (oggi non so). Il che spesso si traduceva in un disallineamento temporale (leggi ritardo) rispetto alle uscite canoniche con cui tutto il resto del consesso montalcinese si presentava alle attenzioni del mondo.

Ripesco oggi questa bottiglia qua, ma non è perché sia uscita ora sui mercati, eh!! Rappresenta semmai un tassello di memoria legato alle nostre frequentazioni di un tempo, di quando scoprii l’azienda e conobbi Caterina, con la sua decisa personalità divisa fra veracità e dolcezza, con i suoi pensieri puliti e senza fronzoli.

Allora le uve da cui traeva il Brunello erano tutte e sole quelle del Colle al Matrichese, lì dove ha sede la piccola cantina. Cinquecento metri di altitudine, suoli a galestro e una connaturata propensione alla flessuosità e alle sfumature di sapore.
L’annata, piuttosto calda e dalla vendemmia precoce, è una di quelle che sulla carta non avrebbe pretese quanto a potenziale di longevità.

Ora, io non so quanti di voi conoscano Il Colle di Caterina Carli. Il fatto però è che dentro la bottiglia di oggi si cela un gioiello: struggente, vivo, elegante, puro, carezzevole, di straordinaria dolcezza tannica e pregevole lunghezza, è dove gli umori del sottobosco, quelli del frutto e quelli del fiore adornano il paesaggio aromatico rendendolo cangiante e variegato, dopo che ad annunciarlo si è levata all’aria una solenne nota di incenso.
Indimenticabile.

___§___

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi