Digita una parola o una frase e premi Invio

Il sorso che vive

Non è certo quel rivolo di manierismo barocco, infiltratosi nelle maglie del vino grazie al dolce avviluppo del rovere piccolo e nuovo, a portarti al cuore del discorso, il cuore del discorso è un altro: è che a distanza di 14 anni da quella vendemmia la Vernaccia di San Gimignano Riserva 2007 di Gianni Panizzi ti parla ancora di integrità, di equilibrio dinamico, di vita. Di qualcosa che pulsa ben aldilà del metodo, e te ne parla con un linguaggio chiaro.

E’ lì che Gianni ci aveva visto giusto. Nel credere che anche la allora vituperata vernaccia, ferita nell’onore da rustiche approssimazioni enoiche, avesse dentro un potenziale inespresso che attendeva soltanto di essere scoperchiato, soprattutto in termini di longevità.
Scatenando le iniziali ire del consesso produttivo locale a causa della presunta eterodossia stilistica, riuscì a disegnare per lei una cornice più nobile grazie alla quale potersi confrontare con i vini del mondo senza timori reverenziali, prefigurandone un futuro diverso.

Questa Vernaccia è stata forse l’ultimo atto consapevole di Gianni Panizzi prima della sua scomparsa; l’ultimo sigillo di un percorso fatto di stimoli e curiosità. Di questo ultimo atto me ne è stato fatto dono. Oggi è un sorso che vive, come il ricordo di lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi