Digita una parola o una frase e premi Invio

La macerazione non è sempre da buttare al macero 

No eh, non voglio uno di quei pastrocchi giallastri, ordina un bianco leggero“. La richiesta della consorte – o meglio l’intimazione non replicabile – è chiara. Per “pastrocchi giallastri” intende i cosiddetti orange wines.

Al fresco del giardino della tradizionale Osteria Koršič di San Floriano del Collio, quaranta centimetri dal confine sloveno, devo scegliere un vino per la serata. Non c’è carta dei vini, il gentile personale mi mostra un frigo-armadio con una ventina di bottiglie. Chiedo una Ribolla 2020 di carattere neutro. L’occhio intanto mi cade su un Kai di Paraschos: è un “macerativo”, se vogliamo stare alla definizione standard. Dunque… siamo in sei, con gli amici… Decido una tattica di guerriglia urbana: mando in avanscoperta l’innocente Ribolla e faccio arrivare in seconda battuta il Kai, piazzato sul lato nord della tavola, in area opposta.

L’Osteria Koršič merita. Materie prime fatte in casa, tavoli fatti in casa, sedie fatte in casa, casa fatta in casa. Parenti fatti in casa, soprattutto, dato che è un’attività a conduzione familiare. Si sta molto bene. La grave scorrettezza della scelta di un vino macerato passa quindi pressoché inosservata.

Il Kai, da uve friulano, è un 2018. Lo trovo magnifico. La macerazione non ha buttato al macero lo spettro aromatico e gustativo del vino, come spesso accade. La palette è ampia, brillante, ricca di stimoli diversi. La serie aromatica delle erbe gioca con quella fruttata e floreale, il gusto – iridescente – è tutto meno che appiattito nello schemetto orange “sale/tannini/tè/acidità”.

I Paraschos padre e figlio sono bravissimi. Tutta la loro storia – le origini greche, la conoscenza con Josko Gravner, le loro terre, la loro determinazione a produrre in modo ipernaturale, le loro tecniche di vinificazione – è facilmente reperibile sul web. A me resta la conferma che sì, la macerazione può essere – ed è spesso – una tecnica omologante, ma che nelle mani giuste è al contrario un formidabile acceleratore di profumi e sapori.

___§___

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi