Digita una parola o una frase e premi Invio

Lo Champagne uno chardonnay frizzante? Non esageriamo…


Si, devo ammetterlo. Provo talvolta un leggero fastidio per questa adorazione verso lo Champagne. Anche fra enoappassionati, enofighetti, enoconsapevoli, enosmaliziati sembra che spesso ci sia un po’ il sottinteso: qualunque cosa stiamo bevendo, peccato che non ci sia invece una bella boccia di Champagne. E poi giù racconti dai toni estasiati ed estatici di serate memorabili o di viaggi avvolti nella leggenda.

Però, considerarlo come fa Camillo Langone (autore fra l’altro di divertenti, caustiche e sapide recensioni di celebrate osterie) su Il Foglio del 14 agosto uno chardonnay frizzante e addizionato che sa di funghi , mi sembra eccessivamente tranchant… (fra l’altro, lo chardonnay occupa colà circa un terzo dei vigneti, ci sarebbero pure il pinot nero e il pinot meunier, quindi non può stare in “quasi tutto” lo Champagne)…

2 Comments

  • Alessio ha detto:

    “Quasi sempre Chardonnay”, perciò cosciente dell’esistenza degli altri due vitigni.
    Ma, di grazia, ciò che hai scritto mica finirà al rigo -“quasi tutto” lo Champagne…- ? Ed il resto dove lo trovo? Che fine ha fatto?

  • Riccardo Farchioni ha detto:

    Vero, la citazione giusta sarebbe stata “quasi sempre Chardonnay”. Che occupa il 30% dei vigneti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi