Diari ilcinesi ’23 – Fuligni

0
1805

Fuligni è tante cose. Intanto Maria Flora Fuligni, figura emblematica di donna del vino, che conta più di 75 vendemmie alle spalle e che è alla guida dell’azienda “appena” dagli anni Cinquanta. Oggi sta meritandosi il giusto riposo, ma la sua presenza e il suo sguardo aleggiano sopra ogni cosa, lo vedi e lo senti.

Me la ricordo ancora, me la ricordo bene, a presiedere il banchetto all’interno del carrozzone itinerante di Selezione Fattorie di Silvano Formigli, negli anni Novanta. Assieme ai suoi vini le mie prime infatuazioni brunelliche. Assieme ai suoi vini la mia gioventù.

Eppoi il nipote, Roberto Guerrini, esimio professore universitario nonché voce narrante dell’azienda e della sua storia. Con lui indimenticabili cene a suon di verticali, con la mia consapevolezza che si faceva più adulta.

Daniele Zeffirini e Daniela Perino

A far marciare la macchina oggi ci sono Daniele Zeffirini, direttore tecnico e uomo ovunque, e Daniela Perino, nominata di recente amministratrice delegata. Governano un affare da 15 ettari vitati suddiviso fra Cottimelli, nel versante nord orientale di Montalcino, e Semìti, sulla strada che conduce a Torrenieri.

A Cottimelli altitudini significative, giaciture e suoli a galestro (formazione di Santa Fiora) agevolano freschezza e finezza tannica; a Semiti un clima maggiormente temperato e una frazione di argilla in più nei terreni richiamano polpa e densità. Entrambi contribuiscono a disegnare i rossi della casa, elaborati da sempre nel segno della concretezza.

Perché Fuligni è soprattutto rigore, coerenza, connotazione stilistica certa. E poi ancora misura, sobrietà, e quindi mirabile equilibrio.

Più longilinei che ampi, più reattivi che avvolgenti, i vini della casa sono soliti assumere una silhouette elegante da cui emergono limpidamente compattezza di trama, venature minerali e assenza di orpelli. Di fronte a vini tanto riconoscibili non ti prende la voglia di raccontare i metodi di elaborazione o i puntigli agronomici di una viticoltura che definiresti attenta, perché sono vini che vanno oltre il metodo. Hanno una loro personalità, e non fanno niente per nasconderla.

Così è per Ginestreto 2021, un Rosso di Montalcino che in barba all’annata insidiosa sciorina integrità di frutto, compostezza e freschezza di beva. Così è per il Brunello 2018, morbido e suadente, pervasivo e puro, il suo disegno come un cesello.

Ma non mancano le novità, a disegnare un futuro diverso anche al difuori della denominazione. Come l’acquisizione di 10 ettari di terra su a Borgo Titèna, lungo la strada verso il Monte Amiata, dove ne sono stati piantati di recente 2 a sangiovese. I 600 metri di quota, la luce pura, i suoli sassosi e il clima pedemontano lasciano presupporre altri orizzonti organolettici che la curiosità impone di sperimentare.

Sono passati diversi anni dalla mia ultima volta in cantina, eppure a casa Fuligni non si sono dimenticati di una mia infatuazione. Così mi han fatto una sorpresa. Ecco, solo il poter riassaggiare il Brunello di Montalcino Riserva 2006 (ancora in splendida forma) mi ha regalato la definitiva certezza che ne sia valsa la pena, di ritornare qui.

___§___

___§___

FERNANDO PARDINI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here