Mangiare
Bere
Uomo
Donna
 
 

La Romagna di qualità
a tavola


Ristorante Il Postale

Caffè Mescita
"Da Giannino"


Tavole d'Alvernia, I:
Le Pré Bossu


L'Enoteca Italiana di Bologna

Locanda Mariella

Rifugio Padova

Il Mulino del Cibus
Il Caveau des Vignerons

La Casetta

Pranzi di Natale

Il Circolo culturale dei pittori Jackson Pollock

L'osteria del vecchio mulino
Locanda Mariella

Ci troviamo sicuramente "al fresco" (nel senso di frescura) in questo angolo verde e appartato che sta sulle alte colline della provincia di Parma, quelle prossime al passo della Cisa.

Più precisamente siamo in una piccola frazioncina di Calestano, chiamata Fragnolo, in linea d’aria diremo a metà fra Berceto e Fornovo, contraddistinta dai bellissimi boschi e dai suoi campi che richiamano alla mente il pascolo nonché da una piccola e graziosa pieve.

Ebbene, se avete occasione di passar di lì, in autunno (e perché no anche in giugno) per i funghi, in estate per la freschezza e la pace dei suoi boschi attorno, non mancate un appuntamento pagano e goloso, la Locanda Mariella.

La locanda già da oltre due generazioni appartiene alla famiglia di Mariella Gennari e da sempre ha voluto rappresentare la cucina tipica paesana.

Da questa linea non si è voluta staccare Mariella, o così almeno dice lei, anche se per la verità qualche variazione sul tema, pur restando in tema, c’è e va nel senso della moderata innovazione che cura anche la presentazione dei piatti.

La locanda d’altra parte accoglie il viandante nei suoi ampi spazi interni e nella graziosa terrazza esterna con apparecchiature sobrie e sedie molto comode, e lì si è accuditi da Mariella , dal marito Guido (che definire simpatici è poco) e da qualche giovanile comparsa.

Al bancone del bar interno e alla cassa vigila attenta la madre.

Siccome poi in questa zona nasce un tipo di tartufo nero che, se accompagnato a piatti gustosi di per sé, ne costituisce degno complemento e completamento ecco che in una calda, a valle, e fresca, sulla terrazza di Mariella, mattina di giugno 2000 il menù proposto, fra piatti del giorno o meno vede: zuppa d’orzo perlato con zucca e tartufo nero, lasagnette con radicchio rosso al tartufo nero, tortelli di patate e funghi, gnocchi con fonduta di formaggi al tartufo, passato di lenticchie con farro, cinghiale e polenta, guancialini di vitello brasati al vino rosso con polenta "lenta", trippa alla parmigiana, girello di manzo grana e tartufo senza dimenticare anche antipasti a base di salumi, e qui siamo a un tiro di schioppo da Langhirano.

Per quanto provato dobbiamo dire molto buona la sostanza, che si riscopre infine nella ponderata scelta dei desserts, come la bavarese alla crema con pesche,ciliegie e croccantino, la panna cotta o il semifreddo al torroncino con cioccolato fuso.

Ma quando vedi i bicchieri dal bevante ampio, di buona fattura, che circolano qua e là tra i tavoli ti viene il sospetto che un elemento ancor più caratterizzante della cucina vi sia e lo scopri se chiedi per caso la carta dei vini: mai sorpresa fu più gradita tanto ampia essa si presenta.

Selezione smisurata di vini italiani ed esteri, da perdere il conto ("eppoi quelli che non abbiamo in carta" – aggiunge sornione Guido) che veramente, per dove ti trovi che hai la sensazione di essere di un appartato unico, ha la forza di ricondurti al centro del mondo, quello del vino almeno.

La curiosità è d’obbligo e allora scopri che la Locanda Mariella rappresenta oggi una sorta di cult o must per gli appassionati di vino emiliani e non, e questa cantina è nata per la passione di una sola persona: Mariella appunto.

Grande conoscitrice del vino e delle vigne (che ne ha girate anche al dilà dell’oceano) riesce a trasmettere immediatamente la passione della scoperta, dell’assaggio così come al tempo fece con il marito Guido, tanto che da pochissimo a Parma è nato dalla loro idea un negozio culto "Hi-Fi news-musica da tavola" che vuole coniugare l’emozione dell’ascolto ad alta fedeltà con il piacere del bere (vino e distillati) e non solo.

Tornando a Fragnolo, leggeri straneamenti ti prendono se ti lasci guidare nelle stanze e stanzette che costituiscono la cantina della locanda.

Poi quando scopri i ricarichi onestissimi beh non hai dubbi, speri di ritornare presto tra quei boschi e al tavolo di questo simpatico locale, dove mangi degnamente con 50000lire e puoi bere (a prezzi che è un piacere) da Dio.

In quella fresca giornata di giugno in tavola con noi Arte 1997 di Domenico Clerico ci ha fatto degna compagnia e suggellerà il ricordo per un po’.

LOCANDA MARIELLA
Loc. Fragnolo di Calestano (Parma)
Tel 0525-52102

Prima pagina | L'articolo | L'appunto al vino | Rassegna | In dettaglio | Sottoscrivi | Collaboriamo