Una rosa sulla Strada del vino: ad Appiano al ristorante Zur Rose

0
9703

Al rientro da Merano l’alternativa era partire presto e tirare dritto con sosta all’Autogrill per il classico Bufalino o Camogli, oppure partire con calma e concedersi una degna conclusione della vacanza con un pranzo in un ristorante stellato.

Rimasti nel dubbio amletico circa un nano secondo, ci siamo fermati ad Appiano (BZ) al ristorante Zur Rose.

Il nome del locale ben rappresenta la sua cucina. La rosa è un fiore molto delicato e deve essere trattato con molta cura, così come lo chef lavora le sue pregiatissime materie prime. La rosa ha un profumo elegante e delicato così come lo sono i sapori che compongono i piatti, tutti ben distinguibili ed egregiamente amalgamati.

Lo chef Herbert Hintner, coadiuvato dalla famiglia, si è rivelato un magistrale custode della tradizione e del territorio, senza disdegnare aperture all’innovazione.

Animelle di vitello con topinambur e cipolline al tè di frutti rossi
Ravioli di farina d pere secche con formaggio grigio e burro alla nocciola
Maialino nostrano croccante, pastinaca, cavoletti di Bruxelles e funghi pioppini
Petto di piccione, salsa al vino rosso e radici invernali
Leonardo Mazzanti

Leonardo Mazzanti (mazzanti@acquabuona.it): viareggino…”di scoglio”, poiché cresciuto a Livorno. Da quando in giovane età gli fecero assaggiare vini qualitativamente interessanti si è fatto prendere da una insanabile/insaziabile voglia di esplorare quanto più possibile del “bevibile enologico”. Questa grande passione è ovviamente sfociata in un diploma di sommelier e nella guida per diversi anni di un Club Go Wine a Livorno. Riposti nel cassetto i sogni di sportivo professionista, continua nella attività agonistica per bilanciare le forti “pressioni” enogastronomiche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here