Digita una parola o una frase e premi Invio

22 ottobre a Torino: La falaghina al Salone del gusto

Terroir d’Italia: la Falanghina e le sue terre

Venerdì 22 ottobre 2010 ore 13:00

Quando mi è stato chiesto di fare una degustazione al Salone ho scelto subito la Falanghina, ha affermato Luciano Pignataro. Nessun vitigno meglio di questo può raccontare gli ultimi venti anni in Campania: dalla prima vinificazione di Mustilli, al trionfo commerciale che spazzò via dalle mensole dei ristoranti e delle bettole i bianchi veneti, al rischio sputtanamento scattato intorno al 1995, sino alla rinascita qualitativa grazie all’impegno dei produttori più seri. Per fortuna tanti.

Nulla è più ricco e vario della falanghina campana. Via dunque a questa degustazione che mi vedrà impegnato con l’enologo Enzo Mercurio a partire dal suo esperimento su un piccolo fazzoletto di terra per poi passare a quella di Mustilli e agli esempi dei Campi Flegrei dove è stata rilanciata dalla famiglia Martusciello e ripresa da buona agricoltura quale quella di Contrada Salandra.
Il codice degustazione è LGS26, saremo nella sala B.prenotazioni su www.salonedelgusto.it

i vini in degustazione

Aria 2009 Cantine San Paolo Vino
Acqua 2009 Cantine San Paolo Vino
Terra 2009 Cantine San Paolo Vino
Fuoco 2009 Cantine San Paolo Vino
Falanghina Campi Flegrei ‘08 Contrada Salandra Vino – Chiocciola Slow Wine
Falanghina Campi Flegrei 2009 di Grotta del Sole
Coste di Cuma 2008 Grotta del Sole
Falanghina Vigna Segreta Doc 2008 Mustilli

Accompagnati dall’enologo Enzo Mercurio, viaggio nelle diverse espressioni del vino bianco piùdiffuso in Campania. Partenza dal Sannio con quattro Falanghine (progetto Cantine San Paolo) provenienti da un’area di un chilometro quadrato che presenta terreni assai diversi per composizione geologica e altitudine. A seguire la Falanghina di Mustilli, prima azienda a imbottigliarla in purezza nel 1979; a chiudere i Campi Flegrei, zona a nord di Napoli e a ridosso di Pozzuoli, con i vini di Giuseppe Fortunato (Contrada Salandra) e della famiglia Martusciello (Grotta del Sole) che ha contribuito alla difesa della viticoltura in un areale aggredito dalla speculazione edilizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi