Digita una parola o una frase e premi Invio

Luce dell’Est

Trieste spazzata dalla bora ti accoglie come luce. I palazzi bianchi sulle sue piazze fronte mare.

Trieste multietnica, con le sue comunità greche, croate, slovene, serbe, ebraiche… un condensato di storia e culture.

Zona rossa, i buffet sono avvezzi a fare asporto. Alla Trattoria da Giovanni in Via San Lazzaro bolle la caldaia del bollito misto alla triestina, e fan bella mostra di sé i prosciutti, crudo e cotto, rigorosamente al coltello.

Un panino croccante con la porcina, senape e grattata di cren, e un bicchierotto di Malvasia è quello che ci vuole per sentire anche noi parte di questo internazionale estremo lembo d’Italia.

Ben dopo il tramonto, guardando a ovest, un cielo nitido e indaco si riflette in mare più scuro, passando per una compatta striscia color mattone che fa fatica a spegnersi. Un inaudito senso di profondità, rotto dallo sbrilluccichio di quale luce sulle costa lontana, forse Venezia: “E’ sempre così dopo la bora…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi