Digita una parola o una frase e premi Invio

Il trionfo del bollito al Ristorante Moderno di Carrù

La stagione autunnale in Piemonte è intensissima, dal tartufo in giù. E a Carrù è ancora “più intensissima” perché poi a dicembre c’è il bue grasso, con la grande festa “ancestrale” ma non solo, perché tutti i fine settimana del mese già dalla prima mattina si formano grandi tavolate seguendo ferree liste di prenotazione (e bisogna muoversi molto presto, e molto molto presto se si ambisce allo “slot” dell’ora di pranzo). E allora, durante le feste si Natale si tira il fiato, anche a Carrù. L’Osteria del Borgo è chiusa, il Vascello d’Oro è chiuso.

E invece al Ristorante Moderno mamma e figlia, energicissime (col marito/padre in cucina) tirano fin quasi all’Epifania. L’aspetto è quello della trattoria più che dell’osteria: sala con colori chiari e molto illuminata, musica allegra (a volume giusto), e nel menu tanta tipicità. Subito con la lingua che arriva come benvenuto della cucina, poi con il coinvolgente e terragno Spiedo di lumache al verde e lardo. Gli Agnolotti piemontesi al sugo d’arrosto e burro francese non hanno i 40 tuorli dei tajarin, ma profumano d’uovo e il ripieno è ricco di erbe aromatiche, e poi c’è il bollito (20 euro): lingua, muscolo, scamarella… c’è tutto, e in più il cotechino, accompagnati dal “set di salse” con cui ci si sbizzarrisce fra bagnetto rosso e verde, pearà, salsa d’avjie (la “salsa d’api” a base di miele, senape, noci), e la piccantissima salsa a base di rafano (“il wasabi senza coloranti”, ci dicono). Il tutto “annaffiato” da un nebbiolo “maschio” di Giovanni Rosso tratto da una bella carta dei vini.

E infine, una fantastica torta alla nocciola “senzafarina”, frutto di maniacali ricerche e aggiustamenti.

Ristorante Moderno
Via della Misericordia, 12 – Carrù (CN)
Tel. 0173 75493

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *