Buona la prima

0
8385

Il primo Nebbiolo di Francesco Versio, talento giovane di Langa, dopo che i suoi Barbaresco già avevano fatto gridare al miracolo.
L’ho bramato tanto perché mi aveva letteralmente stregato, quando lo assaggiai in cantina dalla sua unica botte, a gennaio scorso.
Ne ritrovo intatta la grazia, e quella luce interiorizzata a cui non so resistere, così prodiga di sfumature e di non detto.
Lui si libra, danza, chiama levità.
Possiede il garbo del vino nudo: dai suoi profumi esonda finezza, la sua trama è come intessuta a macramé.
E poi, quando lo bevi, ti vien da chiudere gli occhi.  Avrai sguardi solo per lui.

___§___

FERNANDO PARDINI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here